Poesia Poesia italiana Le quattro stagioni di un viaggiatore solitario
 

Le quattro stagioni di un viaggiatore solitario Le quattro stagioni di un viaggiatore solitario

Le quattro stagioni di un viaggiatore solitario

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

"Penso che la vita sia un viaggio meraviglioso, un treno che passa soltanto una volta e che valga la pena di salire su quel treno in corsa e godersi ogni attimo, bello o brutto che sia. La vita è un qualcosa in cui il tutto e il nulla sono in continuo mutamento e segue il battito ritmico dell'alternarsi delle stagioni. Vivere è "forte sentire", è catturare il profumo dei fiori di pesco, un canto d'usignolo, è sorridere sempre, ma è soprattutto amare. La mia ispirazione trae linfa continuamente dall'amore per la mia compagna e in essa rifluisce, si rifugia e riparte di continuo per innumerevoli, indimenticabili viaggi dell'animo; e la penna cerca, disperatamente, di fermare ogni singolo attimo e trasmettere a voi queste splendide emozioni." (l'autore)



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le quattro stagioni di un viaggiatore solitario 2009-07-01 11:34:07 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    01 Luglio, 2009
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La vita

Il titolo è abbastanza eloquente e la nota introduttiva dell’autore fuga ogni eventuale dubbio: le quattro stagioni sono quelle dell’esistenza, sempre uguali, ma giustamente sempre diverse fra loro.

Largo spazio e prevalenza di poesie è per quelle d’amore, così che non è difficile arguire che le stagioni del cuore appaiono all’autore quelle determinanti e che rendono il percorso terreno unico, irripetibile e fantastico.

E’ un tripudio così di omaggi alla compagna di una vita, osservata solo con gli occhi estasiati che può avere un poeta innamorato (Io, te e una terrazza sulla fine rena sabbiosa: / mille, e poi altre mille, onde spumose / in lontananza si increspano /…) oppure (Nei tuoi occhi smeraldo rinasco ogni mattino / e del tuo virgineo sorriso mi compiaccio. /…).

Appare così indubbia l’essenza emotiva che ispira e anima i versi e del resto che l’amore faccia andare il mondo non è solamente una frase fatta, ma è riscontrabile realtà, anche se purtroppo ai tempi attuali ci sono altri stimoli, ben diversi e spesso infimi, che sembrano presiedere alle vite degli individui.

Se nell’amore non c’è spazio per le metafore, nella tarda stagione, l’ultima, il ricorso a questo tropo trova il risultato migliore in La locomotiva in pensione (Sbuffa la vecchia locomotiva a vapore, / è un puntino lontano e avanza veloce in una / nuvola grigia: / e le ruote stridono, puzzo di ferro sulla strada / ferrata; / undici vagoni fedeli la seguono, in lenta processione. /…).

C’è anche spazio per lo sdegno causato dalla guerra, ma soprattutto per quello provocato dall’indifferenza, che senz’altro costituisce uno degli aspetti più negativi dell’attuale società.

E’ una visione sconsolata della vita che ha questo viaggiatore solitario, inteso in tal senso in quanto sconosciuto agli altri compagni di percorso; nondimeno sembra dirci che tutto può ricominciare con l’amore, salvezza e anche inizio di un nuovo mondo.

Non manca anche la poesia religiosa, semplice, non tronfia o retorica, ma che sembra il frutto di un dialogo intimo fra il poeta e Dio.

Concludono questo libro alcuni aforismi, o perle di saggezza come preferisco chiamarli io, e uno in particolare mi ha colpito per la sua logica stringente e perché rientra giustamente nel concetto di vita come quattro stagioni.



L’uomo

L’uomo giovane sperimenta la vita, il dolore, la

gioia, l’ira, l’amore, il sesso, la colpa, l’espiazione,

l’uomo vecchio la contempla con distacco e

saggezza.



E non poteva mancare quello sull’amore, che tuttavia non riporto, per quanto riuscitissimo, invitandovi quindi a prendere per le mani questo libro e a leggerlo con calma, perché vi assicuro che ne vale la pena.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri