Dettagli Recensione

 
Il simbolo perduto
 
Il simbolo perduto 2013-07-12 12:01:06 Todaoda
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
4.0
Todaoda Opinione inserita da Todaoda    12 Luglio, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un romanzo interlocutorio

Un romanzo convenzionale con una trama piatta e un ritmo fin troppo serrato che, proprio per questo, non raggiunge mai i picchi di godibile intellettualismo dei precedenti lavori dell'autore e che piuttosto ha la tendenza a far sprofondare il lettore in gole di catatonico disinteresse, specialmente per quel che riguarda la sorte del protagonista. L'autore, ormai ben consapevole di ogni aspetto del sistema che desta l'interesse attorno ai suoi libri, tenta di risvegliare l'attenzione dei lettori sparpagliando qua e la i suoi collaudati "enigmi simbolistico - massonici", ma qui più che nelle altre opere questi rompicapo hanno ormai il sentore di stantii giochetti enigmistici da spiaggia e alla resa dei conti neanche loro riescono risollevare le sorti di un romanzo che, man mano che lo si sfoglia, sembra sempre più precipitare in una sorta di astenosfera letteraria autolesionistica. L'immancabile scontato epilogo farcito di vaneggiamenti filosofici rispecchia il resto del libro, ma più che una inevitabilmente adeguata conclusione sembra una rampa di lancio per conferire al romanzo il titolo di "Much ado about nothing post litteram". Approfondendo il discorso del finale, anche se è un po' come rigirare il coltello nella piaga, Dan Brown, per quanto di solito sia piuttosto ispirato alla pontificazione sui massimi sistemi del mondo, nelle ultime pagine de "Il simbolo perduto" più che un edotto illuminato divulgatore di arcane verità sembra uno strampalato oratore in preda ad un delirio mistico - tecnologico che adopera mirabilmente la sua favella non tanto per perorare la causa quanto per tentare di giustificare (o forse sarebbe meglio dire "porre rimedio a") quanto precedentemente scritto.
Lo stile narrativo di Dan Brown è di facile appeal ma se mancano i contenuti è altrettanto facile che il lettore si stanchi. Detto questo è innegabile che sia una lettura divertente e quotidianamente intrattenitiva ma i capolavori sono altri.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Matelda
10 Settembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Sono completamente d'accordo, Todaoda , sui contenuti e sul titolo che proponi di conferire a questo librone, che dimostra la verità dell'adagio greco "mega biblion mega kakon", di liceale memoria ".
Una sforbiciatina poi sarebbe stata come la manna biblica per i lettori Gli enigmi ? Ferrivecchi arrugginiti della casistica danbrowniana. "Il resto è silenzio".Differisco dalla tua opinione su un solo punto : la lettura non mi ha propiziato la catatonia,al contrario ,una sana arrabbiatura, in faticoso omaggio al "politicamente corretto" Mi èstato regalato.
In risposta ad un precedente commento
Todaoda
11 Settembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Ah... anche tu una fan di Dan Brown! :-)
Eh ma la rabbia implica comunque una sorta d'interesse (anche se negativo) nei confronti di qualcuno o qualcosa, io invece dopo una decina di capitoli m'ero accorto che non me ne fregava più niente ne del protagonista, ne del suoi misteri stile sudoku, ne dei suoi complotti massonici da operetta!
Ora che mi rileggo per altro non capisco perché ho dato 4 stelle alla piacevolezza, forse solo per l'inizio quando descrive la quotidianità di Langdon, ricordo che mi ci ero quasi identificato, quella parte mi aveva fatto illudere che fosse diverso dal solito.
In risposta ad un precedente commento
Matelda
11 Settembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Matelda NON è una fan di Dan Brown. Te lo dice lei, credile!Però trova stupendo il tuo stilema "enigmi stile sudoku". Tenta e lode!
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La città dei vivi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri