Dettagli Recensione

 
La verità sul caso Harry Quebert
 
La verità sul caso Harry Quebert 2013-10-08 06:47:16 Mephixto
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mephixto Opinione inserita da Mephixto    08 Ottobre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'acerbo allappa

“La verità sul caso Herry Quebert” è un giallo simpatico, fresco, che strizza l’occhio al cinema; scritto per le masse e a loro rivolto, un testo studiato a tavolino per macinare soldi ! riassumendo un testo commerciale. Stilisticamente parlando è un lago di tristezza, nessun virtuosismo, nessuna poesia, un testo veramente senza pretese. In alcuni passaggi sembra ascritto da un adolescente.
Si salva un po’ di più sul comparto narrativo, la storia è gradevole, i ritmi abbastanza serrati, anche se troppo spesso ribadisce situazioni e concetti inutili ai fini narrativi, generando cosi pagine e pagine di “reptita iuvant” ma dopo un pò scoccia !
La storia si snoda dopo qualche pagina e prende forma, quando il marcio viene a galla però il tutto si perde in interrogatori improbabili, in stile : “ si ricorda cos’ha mangiato il 12 agosto del 1975 ? e si ricorda il colore del maglioncino che indossava quel giorno ?” Si perché per scoprire i l colpevole e salvare il povero Harry che è sospettato di un crimine commesso 30 anni prima: L’omicidio di una ninfetta locale con cui ebbe una fugace tresca amorosa clandestina, e dell’omicidio di una anziana signora che viveva al limitare della foresta (e non sono cappuccetto rosso e la nonna) bisogna scavare nel passato e nella memoria delle persone che, quei giorni che precedono il 30/08/1975, li hanno vissuti.
Ma perche lo scrittore Marcus Goldman dovrebbe farsi maltrattare dal poliziotto cinico di turno e odiare da un intero paese? ma perché Harry Quebert è il suo vecchio insegnante d’università ! non che unico vero amico, ecco perché ! (e non perché è cronicamente affetto dalla “Sindrome della pagina bianca” ) Quindi ?!? quindi Marcus vuole a tutti i costi tirarlo fuori di galera: dimostrando al mondo intero che Quebert (l’autore di “alle origini del male” un libro che tratta una grande storia d’amore,considerato un classico moderno ) non è l’incarnazione di Hubert Hubert ma ben sì un povero scrittore ultra trentenne che in quel periodo si innamorò di una adolescente procace e disinibita. (Figlia di un pastore protestante)
A parte le scintille iniziali, il fuoco della mia attenzione arde alla svelta, e si assopisce dopo l’apertura delle indagini : personaggi sono stereotipati, le mamme sembrano tutte stordite, le giovani donne tutte oche, i mariti tutti dei dementi debosciati e via cosi per tutto il libro, gli unici personaggi degni di questo nome sono appunto Marcus, Harry e Nola per il resto sembrano tutti presi in prestito da una sitcom americana .
Per il finiale Dicker prepara il botto, e in parte ci riesce, anche se con tutte le possibilità che aveva per chiudere la storia ha francamente a mio parere fatto la scelta peggiore, ma questa è questione di gusti.
In conclusione un romanzetto con una buona operazione di marketing alle spalle . Dicker ha ancora molto da crescere, sia nella costruzione della trama, ma in particolare nello stile, che come già detto risulta banale e troppo sbarazzino. Rimandato al prossimo libro !

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
A chi vuole una lettura semplice in grado di distrarre qualche ora
Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

7 risultati - visualizzati 1 - 7
Ordina 
Sono stata molto contenta di leggere la tua opinione. Viste le lodi che ne hanno tessuto i critici ufficiali (primo fra tutti il Corriere) sembrava davvero un capolavoro. Anche se poi vedevo fioccare commenti tiepidi dei lettori comuni. Quel tuo sì/no la dice lunga. Grazie!
dopo la Lackberg un altro thriller deludente, insomma...
altra mossa commerciale di stagione!
Sono in dirittura d'arrivo anche io con questo romanzo ormai un centinaio di pagine e ho finito . Concordo con gran parte di quello che hai scritto anche se pero io sarò meno cattivella nel recensirlo probabilmente perché soni una profana del genere giallo .
Bravo come sempre le tue recensioni sono davvero ottime e utili.
@Amarilli Grazie mille, non è mai facile criticare in modo costruttivo !

@Silvia si direi che in entrambe i casi la considerazione nei confronti del lettore è un palese insulto all'intelligenza

@Katia non è questione di essere più o meno cattivi, io la vedo più nell'ottica che ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria: più insistono a vendermi fumo e più io divento cattivo. :)

Tra l'altro parliamo di 750 pagine di fumo, piacevole ma pur sempre fumo , non bisogna mai fidarsi del famoso caso editoriale , io fortunatamente l'ho preso in biblioteca insomma un mezzo pacco a costo zero però.
In risposta ad un precedente commento
Mephixto
10 Ottobre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
In effetti Katia, mi sto accorgendo che se voglio qualcosa di valore, non sarà certo la sponsorizzazione sfrenata a condurmi alla meta.
Normalmente è dagli angoli bui e impolverati, della mia libreria di fiducia, che recupero dei piccoli capolavori, ignoti ai più.
In risposta ad un precedente commento
gracy
10 Ottobre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Bella la tua esposizione, brutta cosa prendere in giro i lettori
7 risultati - visualizzati 1 - 7

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempi duri
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri