Dettagli Recensione

 
La verità sul caso Harry Quebert
 
La verità sul caso Harry Quebert 2014-12-14 17:35:14 Vita93
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Vita93 Opinione inserita da Vita93    14 Dicembre, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non si può sapere di cosa siano capaci le persone

" La verità sul caso Harry Quebert " è un romanzo di Joel Dicker, giovane scrittore svizzero che con questo interessante giallo ha spopolato in Francia vincendo il prestigioso premio " Grand Prix ", prima di riscuotere un notevole successo anche in Italia.

Il giovane scrittore Marcus Goldman, dopo essere stato sulla cresta dell' onda per il successo ottenuto con il suo primo romanzo, attraversa una fase di scarsa vena creativa.
Ossessionato dalla casa editrice e dalle scadenze sempre più imminenti, decide di sbloccare la situazione rivolgendosi al suo ex professore universitario e maestro di vita Harry Quebert.
Il saggio professore, anch' egli scrittore e famoso per il suo best seller " Le origini del male ", invita il giovane ad allontanarsi per un periodo dalla frenetica New York per trasferirsi nella propria residenza ad Aurora, nel New Hampshire.
Presto un avvenimento cambierà per sempre le vite dei protagonisti.
Nel giardino della casa di Harry viene infatti ritrovato il cadavere di Nola Kellergan, scomparsa 33 anni prima nel lontano 1975 alla tenera età di 15 anni. Harry viene accusato di omicidio.
Harry confessa a Marcus di aver avuto nel 1975 una storia d' amore con la giovane Nola nonostante la notevole differenza di età. Marcus decide di indagare per scagionare il proprio mentore.

La storia alterna attraverso numerosi flashback il 2008 e il 1975 . Curioso il fatto che la numerazione dei capitoli sia in ordine decrescente e che all' inizio di ognuno di essi sia riportato un consiglio dato da Harry a Marcus per diventare un bravo scrittore.

" La verità sul caso Harry Quebert " oltre a trattare tematiche poliziesche, è soprattutto una storia di amicizia e amore.
Amicizia tra un giovane scrittore ed il proprio mentore e maestro di vita. Il rapporto tra i due protagonisti del libro, tra alti e bassi, è uno dei punti forti del romanzo e uno dei suoi aspetti più riusciti. Un legame fedele, sincero, forte, che va al di là dell' età.
I momenti più divertenti del racconto, perchè c' è spazio anche per qualche risata, riguarderanno quasi sempre i flashback di Marcus e Harry nei primi anni della loro amicizia. Chi ha letto il libro non potrà aver dimenticato il modo spassoso e goliardico con cui Marcus, alzandosi in piedi in classe, si presenta a Harry.
Proprio l' età, o meglio la differenza di età, caratterizza anche la storia d' amore tra Harry e Nola.
Un amore che se oggi farebbe gridare allo scandalo, negli anni '70 era addirittura impensabile, inconcepibile. Un amore vietato, non consentito ma troppo forte per poter essere represso. Un amore destinato a trasformarsi in tragedia.
E proprio il legame tra Harry e la 15enne Nola è a mio avviso uno degli elementi meno riusciti del libro. I capitoli, per fortuna pochi e brevi, dedicati al rapporto tra i due innamorati nel 1975, sono lenti, troppo romanzati e sdolcinati, in netto contrasto con le fasi di indagine concitate e frenetiche. Una scelta dell' autore che trova una scusante nel fatto che le parole e i gesti melensi che Nola rivolge a Harry, sono pur sempre le parole e i gesti di una adolescente e per questo comprensibili.

Joel Dicker si diletta, tra un flashback e l' altro, a costruire più livelli di narrazione e ad incastrare tra loro i numerosi personaggi. La cittadina di Aurora, tranquilla e allo stesso tempo frenetica e pettegola a seconda delle situazioni, può essere considerata un personaggio extra. Un altro pregio della storia è il cambiamento dei personaggi, sia principali che secondari, dal 1975 al 2008. Cambiamento non solo fisico e ideologico, ma anche come grado di responsabilità nella vicenda. Non ci si può mai fidare di nessuno in questo libro.

Un romanzo che in definitiva ho apprezzato molto, una lettura fresca e coinvolgente. Un thriller diverso dal solito, con una narrazione più vicina e attenta ai sentimenti ma non per questo meno avvincente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempi duri
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri