Dettagli Recensione

 
Il cartello
 
Il cartello 2015-12-21 18:34:10 Valerio91
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    21 Dicembre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il bene non esiste. Solo il male minore.

Questa "corposa" ultima fatica di Don Winslow mi ha piacevolmente sorpreso, se non addirittura stupito. C'è da dire che le premesse per attendersi un ottimo libro c'erano tutte, partendo dall'acclamatissimo prequel "Il potere del cane", passando dal fatto che è già in programma un film ispirato al romanzo, e finendo con i commenti entusiasti di grandi maestri come Ellroy e Connelly, e di grandi testate giornalistiche come il New York Times.
Insomma, quando un libro ha successo, qualche volta c'è dietro un motivo reale, un motivo che ho scoperto pagina dopo pagina.
Certo, le pagine non sono poche (quasi 900), ma la lettura è resa fluida dallo stile ottimo e magnetico di Winslow, che nonostante narri una miriade di vicende e introduca tantissimi personaggi (caratterizzati alla perfezione, alcuni dei quali memorabili), mantiene sempre vivo l'interesse.
La storia è coinvolgente e ben scritta, permeata da una buona suspance e ricca di informazioni accurate, che mettono in luce un evidente e approfondito studio da parte dell'autore. Il fatto che questa storia sia ispirata a fatti realmente accaduti, mette davvero i brividi.

Nonostante "Il cartello" sia il diretto sequel del precedente libro di Winslow "Il potere del cane", ci tengo a dirvi che può essere letto anche senza aver nemmeno aperto il prequel, anche se la voglia di leggerlo sarà tanta, quindi tanto vale cominciare da quello, no?
L'ex Re messicano della droga, Adàn Barrera, sta vivendo uno dei momenti più bui della sua vita. Sbattuto in galera dal suo acerrimo nemico, l'agente della DEA Art Keller, ha visto il suo potere dissolversi e la sua organizzazione scindersi nel caos.
Ma non del tutto.
Adàn si prepara con pazienza a riprendere il suo trono, e stavolta non ci sara Keller che tenga.
E' da qui che ha inizio una sanguinosa guerra tra le varie fazioni che si dividono il potere nel traffico di droga in Messico, in cui i veri cattivi sono difficili da individuare e i buoni non esistono. Winslow ci catapulta in un mondo dove il bene assoluto non esiste; dove con certe cose "sbagliate" non si può fare altro che imparare a conviverci; dove il male non lo si può estirpare. Si può solo accettare il male minore.
Il Messico diventa scenario di sangue e dolore, non adatto ai deboli di stomaco, dove il numero di vittime innocenti non si può contare.
"Il cartello" è crudo, intenso, spietato.
La violenza dilaga al punto che anche il lettore vorrebbe che finisse, come se la vivesse, trascinato nel terrore dilagante disegnato dalla penna di Winslow, che vuole rendere il tutto spaventosamente reale. La possibilità che questa possa essere la realtà in cui viviamo fa davvero paura.
Un "piccolo" capolavoro per stomaci forti e palati sopraffini dei thriller/noir contemporanei.
Per concludere, vi rendo partecipi di una domanda che mi è sorta durante la lettura, che soltanto chi conosce quel capolavoro assoluto di serie TV che è "Breaking Bad" potrà capire: se i cartelli della droga in New Mexico hanno solo un pizzico della crudeltà spietata di quelli messicani presentatici ne "Il cartello", come diavolo ha fatto Walter White a non finire morto ammazzato dopo la prima settimana? Heisenberg doveva essere proprio cazzuto, e la meth che cucinava roba da nouvelle cousine.
Da leggere.

"La sua solitudine è come un dolore lieve, una vecchia ferita che non noti più perché ormai è parte di te."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Perfidia di Ellroy.
Chi ha visto e amato Breaking Bad.
Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

5 risultati - visualizzati 1 - 5
Ordina 
Ho apprezzato molto Il potere del cane, quindi dopo questo tuo commento di sicuro non mancherò di leggere anche Il cartello.
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
22 Dicembre, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Fidati... non te ne pentirai!
Vale.
In risposta ad un precedente commento

25 Marzo, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciò che coinvolge in questa storia, più di ogni altra cosa, è la minuziosa e dettagliata descrizione dell'organizzazione del narco traffico che, per quanto romanzata e non priva di cliché, rivela un mondo che da queste parti conosciamo da una letteratura cinematografica e a volte stucchevole legata a figure di spicco e alle loro stravaganze esaltate, per lo più, da un pubblico ansioso di emulazione.
Qui non è "il personaggio" a prevalere sull'attenzione del lettore, né il banale dualismo tra bene e male. Il bene stesso risulta contaminato e non è facile prendere posizione completamente a favore dell'invincibile eroe americano. L'asciutta evidenza della realtà della vita di quei luoghi ci esplode in faccia, e man mano che ci si addentra nella storia, si fa fatica a rimanere estranei al caos che governa il Messico in ogni settore della vita civile. Le stesse storie minime di amore e affetti a contorno che aprono uno spiraglio di normalità, quasi subito risultano contaminate dalla tensione circostante e nascono praticamente già tese e senza speranza.
Da brividi quei pochi ma centrali accenni alla 'ndrangheta. Se pensavamo di essere lontani da Barrera e dai polverosi deserti messicani , beh, ci sbagliavamo.
bella recensione
appena finito di leggere, crudo, crudele, violento... forse e dico forse un pochino troppo lungo... spero solo che in Messico non sia realmente così... in linea generale però mi era piaciuto di più 'Il potere del Cane'... comunque da consigliare
Grazie :) Si, in effetti sono d'accordo con te, poteva essere più breve, ma non lo fa pesare come tanti mattoni che oltre a essere grossi, sono anche illeggibili e noiosi. Perlomeno questo è un bel libro davvero. :D

Vale.
5 risultati - visualizzati 1 - 5

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri