Dettagli Recensione

 
Assassinio sull'Orient Express
 
Assassinio sull'Orient Express 2021-08-16 13:33:22 Calderoni
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Calderoni Opinione inserita da Calderoni    16 Agosto, 2021
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Trattato di sociologia

Se vuoi goderti un intreccio travolgente e mai banale, non puoi non scegliere Agatha Christie. In Assassinio sull’Oriente Express ogni tassello è al proprio posto, puntuale. È un puzzle da comporre nella propria mente, capitolo dopo capitolo. Seguire le annotazioni e i pensieri del mitico belga Hercule Poirot fa sentire il lettore partecipe in prima persona dell’indagine. Si è con lui, in tutto e per tutto, ma si rischia seriamente di fare la fine di Monsieur Bouc, direttore della Compagnia internazionale dei vagoni letto, e del dottor Constantine. Quando all’inizio della terza parte Poirot chiede “chiudiamo tutti e tre gli occhi e pensiamo… Uno o più di questi passeggeri ha ucciso Ratchett. Chi di loro?”, viene spontaneo fermarsi, abbassare le palpebre, far lavorare la mente e riflettere perché ormai si è coinvolti mani e piedi nella vicenda. La Christie in ogni suo romanzo giallo si dimostra un’abile psicologa. Sa cogliere le sfumature del volto, i gesti più inconsci, le vibrazioni della voce. Ti invita a osservare meglio gli interlocutori che quotidianamente hai di fronte: nulla dev’essere lasciato al caso perché le parole non sempre trovano corrispondenza negli atteggiamenti fisici. Approfondisce dubbi e perplessità di uomini e donne. Scava fino a raggiungere l’apice delle loro debolezze. È un romanzo, inoltre, che mette in luce tanti luoghi comuni, che ogni giorno ci offuscano la reale visione del mondo, il reale giudizio su una persona. Sull’Oriente Express si ribadisce, ad esempio, che l’inglese è serafico e introverso mentre l’italiano è impulsivo e capace di violenza. Si procede per idee maturate dalla collettività, facendo, come troppo spesso capita, di “ogni erba un fascio”. I fatti, poi, andranno a smentire quanto il luogo comune poteva lasciare immaginare, perché ogni singolo essere umano ha una sua personalità che travalica i confini della propria area geografica. Si è influenzati da chi ci circonda, ma non si è fotocopie. In questo, perciò, è un’Agatha Christie sociologa. Tra l’altro, a tal proposito, ho scoperto che durante gli anni Trenta e Quaranta in Italia, sotto il regime Fascista, il buon Antonio Foscarelli, personaggio di origini italiane del romanzo, fu fatto tramutare in un sudamericano dalla censura mussoliniana affinché non venisse leso l’onore del popolo italiano, non adeguatamente rappresentato proprio da Foscarelli sull’Oriente Express. Un bel esempio di come il sistema letterario sia sempre intrecciato insolubilmente con quello editoriale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le ossa parlano
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Annientare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri