Dettagli Recensione

 
La solitudine dei numeri primi
 
La solitudine dei numeri primi 2015-01-09 22:40:33 Vincenzo1972
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Vincenzo1972 Opinione inserita da Vincenzo1972    10 Gennaio, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Urgono ripetizioni di matematica...

Se questo libro fosse una favola si concluderebbe con 'E vissero tutti tristi, soli ed insoddisfatti'...
E quando scrivo 'tutti' intendo proprio tutti... non solo i due protagonisti Alice e Mattia ma anche tutti coloro che ruotano intorno a loro.. e non s'intravede alcun spiraglio di luce, per nessuno.
Beh.. io sinceramente ho sempre immaginato i numeri primi in modo diverso, proprio per la loro particolarità, proprio per il fatto di essere numeri speciali, consci della loro singolarità, li ho sempre immaginati come dotati di una 'personalità' forte, decisa, autorevole... e non invece come 'numeri' che sentono il disagio di questa loro diversità tanto da isolarsi ed allontanarsi da tutti gli altri... anzi, se potessero, lascerebbero volentieri dei buchi, dei salti nella progressione dei numeri e fuggirebbero via al riparo da tutto e tutti per vivere la loro eternità in completa solitudine, magari all'ombra di una rassicurante radice quadrata...
Così come accade appunto ad Alice e Mattia; d'accordo, entrambi sono stati 'segnati' sin dall'infanzia da una brutta vicenda le cui ripercussioni si dilatano negli anni seguenti: Mattia si autocolpevolizza per la scomparsa della sorellina gemella avendola incautamente lasciata sola in un parco e ne sopporta poi il 'peso delle conseguenze' con la sua tendenza all'autolesionismo, Alice invece colpevolizza il padre per l'incidente che le ha praticamente paralizzato una gamba, rendendola una 'storpia' agli occhi degli altri, ma soprattutto ai suoi, e a cui cerca di 'porre rimedio' rifiutando il cibo e sfociando nell'anoressia.
Due numeri primi, quindi, nell'accezione del termine imposta dall'autore, due persone sole, ciascuna con la propria 'particolarità' che non vogliono condividere con nessuno perchè nessuno può comprenderli, nessuno è come loro... ed ogni volta che cercano di avvicinarsi, ogni volta che avvertono forte il desiderio di abbandonarsi l'uno nell'altro interviene sempre un pensiero, un dubbio, un'indecisione che fa perdere l'attimo, l'istante decisivo.. perchè è vero che "le scelte si fanno in pochi secondi e si scontano per il tempo restante".
Però, diamine, ci vuole pure una gran sfiga, eh! Perchè per quanto il destino sia in genere tendenzialmente avverso e mai favorevole, non può sempre andare tutto storto... più che numeri primi, siamo di fronte a numeri sfigati, come il 13 e il 17.. che neanche a farlo apposta sono pure numeri primi..
Sarà che poi non sopporto le persone poco reattive, cioè chi si lascia trascinare dalle difficoltà della vita senza mai reagire, senza neanche tentare di opporsi, di prendere una decisione in modo autonomo piuttosto che accettare passivamente tutto ciò che gli capita davanti... per questo non riesco a provare neanche simpatia verso i due protagonisti, in particolare Mattia.
In definitiva, un libro che si lascia leggere in modo abbastanza scorrevole ma che non lascia un messaggio degno di nota in chi legge, almeno nel sottoscritto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 
Che bella visione poetica dei numeri primi hai !
:-)
Interessante punto di vista; mi piace la frase "vivere all'ombra di una radice quadrata". Grazie. Ciao.
Ferruccio



Ciao Vincenzo.
Condivido sostanzialmente la tua analisi.
Quando ho letto il libro, ho avuto un'impressione moderatamente positiva, dovuta essenzialmente alla prima parte del testo. Ora, a distanza di un po' di tempo, ho la sensazione che mi abbia lasciato ben poco. Anche esteticamente, penso che un libro debba avere uno stile capace di reggere per l'intera opera.
In risposta ad un precedente commento
Pia Sgarbossa
10 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Come si nota dal tuo bel commento, c'è chi vede il bicchiere mezzo vuoto e chi quello pieno...è sempre stato così...
Questo è un libro che mi ha lasciato tanta tristezza...ma mi pare, se non erro, un barlume di speranza ...alla fine...
Ciao, Pia
In risposta ad un precedente commento
Vincenzo1972
10 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Sinceramente trovo più affascinanti i numeri complessi in cui s'incontrano e scontrano una parte razionale ed una immaginaria... un pò come le donne complesse..
In risposta ad un precedente commento
gracy
10 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
I numeri complessi che si scontrano su due livelli, razionale e immaginari? Mi piace... La tua bocciatura a questi numeri primi non fa una piega, nemmeno per un gioco di probabilità per ipotetica rilettura :D
Rollo Tommasi
11 Gennaio, 2015
Ultimo aggiornamento:
11 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Sono d'accordo con te sul fatto che sia un libro da non consigliare. Eppure, quando uscì, divenne un caso letterario e di brillante esordio di un nuovo talento. Questo favore della "critica" mi lasciò all'epoca molto perplesso. Dopo aver letto "Il nero e l'argento", e averne comunque apprezzato lo stile, resto convinto che Giordano non sia particolarmente rappresentativo delle nuove leve o tendenze letterarie.

26 Gennaio, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Assolutamente d'accordo con la tua analisi! il fatto che i due personaggi non riescano mai ad abbandonarsi l'uno all'altro mi è sembrato un po' forzato soprattutto alla fine.
Complimenti per l'immagine "magari all'ombra di una rassicurante radice quadrata... "
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La seconda porta
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri