Dettagli Recensione

 
Chiru
 
Chiru 2015-11-12 14:18:57 siti
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
siti Opinione inserita da siti    12 Novembre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Chirù, leggilo tu...

Mi accosto alla lettura con estrema diffidenza, mi armo di difese se devo affrontare un nome già noto, fatico il doppio a lasciarmi andare, colpevole e consapevole di non aver voluto leggere ancora niente del nome in questione.
È la volta di Michela Murgia, osannata con il suo “Accabadora”che appunto non ho letto e per il quale non posso esprimermi. Posso solo riferire ciò che ne ha segnato le distanze: lessi a suo tempo del fenomeno tutto antropologico della eutanasia alla sarda da non sentire l’esigenza di vederlo riproposto in termini narrativi.
Ora, a lettura terminata del nuovo romanzo “Chirù”, qualcosa di indefinito mi allontana da quello che, ho sperato, potesse essere una scoperta. Mi fa piacere che dal panorama sardo si levino delle voci ma mi piacerebbe ancor di più che quello che raccontano fosse sostanziale ed emozionante.
La storia narrata in “Chirù” è stata in qualche modo “spinta” da un fenomeno molto tipico del nostro tempo. In una commistione di linguaggi, nell’era delle sperimentazioni comunicative per eccellenza, Chirù è uscito da un libro non ancora pubblicato e si è fatto personaggio inventato con tanto di profilo su Facebook, gestito dalla sua autrice. Il successo mediatico c’è stato e Chirù, il vero assente del libro, è stato protagonista indiscusso di se stesso. Non avendo un profilo Facebook né tempo per questi giochini da social network, pur riconoscendo l’originalità di questo linguaggio contaminato, non posso esprimermi neanche su questo.
Ho però letto il libro e allora a quello veniamo, perché di quello in fondo si deve parlare quando ci si presta a scrivere una recensione.
La storia è quella di Eleonora, attrice di teatro, sarda, che dopo precedenti, non sempre edificanti, sulla soglia dei quarant’anni, con una vita da definire nei suoi contorni più stabili, cede ad una sorta di impulso che pare animarla: diventa nuovamente la “maestra”, la guida formativa, la tutor di un giovane studente di violino. Li separano vent’anni d’età e la presunzione dell’adulto sul giovane. Tra cambi di scena per cui si alternano tiepide descrizioni del capoluogo isolano ad ambientazioni romane, svedesi e due brevi parentesi una praghese, l’altra fiorentina , l’impressione è quella di assistere ad un tirocinio formativo al contrario. Ripercorrendo varie tangenziali della memoria, in un recupero mai autentico ( fa eccezione la pagina sulla malattia della madre e sul loro rapporto), ci si avvicenda tra Eleonora bambina, Eleonora figlia ingabbiata in una famiglia che ferisce, Eleonora tra i suoi uomini - ex e nuove conoscenze- , Eleonora e Chirù. Questo è nel romanzo un fantasma che agisce da controcanto agli stati d’animo di una donna autentica e complessa, fondamentalmente alla ricerca di se stessa.
Sul piano narrativo il libro è disorganico, sfuggente, impalpabile. Non c’è storia!
Sul piano stilistico apprezzo una buona penna ma da esercizio stilistico: le corde emotive non vibrano mai. La prova è , a mio parere e secondo il mio gusto, del tutto fallita. Consiglio come sempre la lettura perché si può parlare di ciò che si conosce ma questo libro non rientrerà mai nel novero di quelli : “ Come? Non lo hai mai letto?”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

15 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Ho letto Accabadora e, a parte il fatto che fino a un certo punto pare scritto da un autore e dopo da un altro, devo dire che mi ha lasciato, più che perplesso, stupito per le gratificazioni e gli osanna tributatigli; personalmente lo reputo solamente mediocre. La Murgia, è la mia impressione, non è altro che un fenomeno mediatico, perchè di sostanza c'è poco o nulla.
Non conosco proprio l'autrice, ma tu sei stata chiarissima e convincente....
Ho retto per poche decine di pagine...
Ciao Laura.
Il tuo commento è bellissimo, cauto e severo al contempo.
Dell'autrice ho letto solamente "Accabadora", e non mi è piaciuto: un racconto artificiosamente allungato, con un tema sull'onda modaiola del dibattito sull'eutanasia. C'è un po' di esercizio letterario. Tutto qui.
Sono tornato ai cari Classici che sanno essere attuali proprio perché debitamente 'distanti' , lontani dalle mode del momento che poi, quando coinvolgono la vita e la morte, mi fanno rabbrividire.
In risposta ad un precedente commento
siti
13 Novembre, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Renzo, hai descritto esattamente le sensazioni suscitate da questa lettura.
In risposta ad un precedente commento
siti
13 Novembre, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Anna Maria, dedicati ad altro...
In risposta ad un precedente commento
siti
13 Novembre, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Capisco, io avevo l'impegno della recensione per il sito ma per fortuna è finito in fretta!!
In risposta ad un precedente commento
siti
13 Novembre, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Emilio, qui la storia penso sia ancora peggio...
Ciao Laura, ho letto il tuo commento con grande interesse perchè conosco la Murgia di Accabadora.
che dire....nel romanzo sopra citato ho trovato spunti buoni e una penna con potenziale, ma se ora ha pubblicato un lavoro tanto spento, mi spiace molto.
In risposta ad un precedente commento
siti
15 Novembre, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
L'opinione sulla penna è la medesima, peccato che che non ci sia alcuna sostanza narrativa...Grazie Silvia per il commento.
15 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Indipendenza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La rinnegata
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La non mamma
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri