Dettagli Recensione

 
Anita
 
Anita 2019-04-23 07:54:13 ornella donna
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    23 Aprile, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La vita. La morte e le sue sfaccettature

Alain Elkann firma il suo ultimo romanzo: Anita. Il libro, a giudicare da un primo sguardo, sia alla copertina che al titolo parrebbe essere un racconto biografico o una storia d’amore .Non solo, è molto di più. Riflette su svariati e complessi temi: dall’antisemitismo, alla morte, a come conservare la memoria dei nostri cari che non ci sono più, se procedere alla cremazione o alla normale sepoltura in un cimitero o no …
La storia è narrata da Milan, che ha 62 anni, un intellettuale di origine ebrea. E Anita chi è? E’:
“Era una donna che mostrava di rado le sue emozioni e i suoi pensieri perché preferiva nascondersi dietro un sorriso infantile. A volte poteva sembrare scostante, o troppo indaffarata. (…) Era difficile definire se Anita fosse una donna allegra o triste, perché alternava risate molto felici a silenzi distanti.”
L’amore a sessant’anni è diverso, più complicato, meno passionale, più comunione di intenti che passione. E allora? Allora ecco l’importanza del ricordare. Perché ricordare è al contempo riflessione e nostalgia dei tempi passati, dei viaggi, delle amicizie comuni e dei distacchi importanti. E poi è pensiero, soprattutto, sull’al di là, su che cosa è la morte. La morte qui è vista come la scelta di un nuovo spazio da occupare, su cui fermarsi. E allora cremazione o loculo al cimitero. Ma quale cimitero? Parigi o addirittura Gerusalemme? Di questo si interroga a lungo il protagonista narrante in contrapposizione, spesso, alla visione di Anita.
Un romanzo ricco di ironia, sul filo dei ricordi passati, di “vita” intesa come un’incognita in cui nulla si sa, tuto è da scrivere e da gustare. Un lungo racconto intenso e profondo da leggere con passione e riflessione filosofica. Un romanzo tra amore e morte, dove la protagonista femminile, Anita, è il fulcro e simbolo dell’esistenza umana e simbolo perfetto della libertà e della scelta.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Un millimetro di meraviglia
Nannina
Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio
La ricreazione è finita