Dettagli Recensione

 
Le due metà del mondo
 
Le due metà del mondo 2019-05-09 06:21:20 LittleDebbie
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
LittleDebbie Opinione inserita da LittleDebbie    09 Mag, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Libro breve, ma con un contenuto ricco

“Le due metà del mondo” è un libro relativamente breve, ma con un contenuto davvero ricco. Dal titolo è difficile dedurre di cosa tratti il romanzo e dalla sinossi si evince che parli di conquiste, di come una persona possa uscire dalla cupola di protezione.
Il romanzo si legge in fretta, complice lo stile semplice e la facilità del lettore nel riuscire a immedesimarsi nella protagonista – che a volte potrebbe risultare un pochino odiosa – grazie alla scelta di scrivere il libro in prima persona.
Per questo motivo, alcuni personaggi, Salvatore in primis, sembrano poco caratterizzati, anche se il lettore non può far a meno di apprezzarlo. Personalmente credo che proprio lui sia stato un po’ un deus ex machina perché per quanto ci possa essere affetto, per quanto possa essere amico della protagonista, credo che abbia un peso sulle spalle non indifferente ed un adolescente, alla lunga, si potrebbe allontanare se vivesse quello che succede nel libro.
Ad ogni modo, consiglio la lettura del libro. È scritto in modo semplice, ma dà davvero da pensare con un colpo di scena che non ci si aspetta. Avevo pensato, durante la lettura, che potesse accadere, soltanto poca prima che si mettesse in luce la cosa.
È un po’ difficile scrivere senza anticipare nulla, ma posso dire che i personaggi sono ben caratterizzati dalla protagonista e tutti i nodi vengono al pettine alla fine del libro.
Non è un romanzo psicologico, anche se l’introspezione della protagonista è ben caratterizzata. Si denota come un adolescente possa avere sensazioni discordanti verso i membri della propria famiglia, un minuto prima un amore incondizionato, quello dopo rabbia verso i suoi familiari per come la condizionino.
In altre recensioni ho letto che avrebbero preferito che il punto di vista della madre di Maria fosse più lungo, ma a me è sembrato della giusta lunghezza. La storia non è sulla madre, ma su Maria, sulla sua introspezione, su come si sente. È un cercare di entrare nella sua psiche – in prima persona – e quindi è normale che ci siano momenti più lenti. Il punto di vista della madre è servito per sbrogliare tutti i punti che Maria stessa, per via di ciò che accade, non può fare del tutto, perché cambierebbe le sue iniziali convinzioni.
Sicuramente è un libro che consiglio e che mi è piaciuto. È stata una bella lettura che parla di traumi, di affetto verso chi è diverso, di cercare di andare avanti e farsi forza, modificando il proprio io.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
La tua ottima recensione mi ha veramente incuriosito , e pensa che sono piuttosto diffidente verso l novità ( o quellel che mi sembrano tali). Grazie !
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri