Dettagli Recensione

 
La guerriera dagli occhi verdi
 
La guerriera dagli occhi verdi 2021-03-14 07:58:54 Belmi
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    14 Marzo, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Avesta Harum

“Quando sei un cecchino, non devi solo saper sparare. Devi avere stabilità mentale, capacità di concentrazione, tenuta fisica. Devi essere in grado di sentire la natura intorno a te. Di controllare e gestire le emozioni. Uccidere qualcuno che non ti sta minacciando direttamente significa uccidere una parte di te stesso. E devi essere capace di resistere a questo morire”.

Marco Rovelli decide di fare un viaggio in Kurdistan per mettersi sulle tracce di Avesta Harum. Avesta è curda, ma il territorio dove vive è stato diviso tra altre nazione, lei si trova nella parte sotto la dominazione turca e un giorno dice basta, lei si sente curda e vuol avere il diritto di parlare la sua lingua nel suo paese, non sarà l'unica a farlo.

L'autore ci racconta una storia forte, la protagonista indiscussa del romanzo è Aversa, ma intorno a lei sono molte le persone che combattono, ognuno a suo modo. Lei fa parte dei guerriglieri del Pkk e vuole la libertà, ma non sono una libertà politica, Aversa combatte anche per le donne:

“Quando ti accorgi che dove vivi la gente ha un comportamento feudale e patriarcale, e poi dall'altra parte c'è il nemico, quello che non vuole che parli la tua lingua e ti picchia per strada, non puoi aspettare che qualcuno venga ad insegnarti, devi camminare da sola. È orribile sentire che intorno a te la gente pensa che la donna da sola non sia capace di fare niente, non sappia decidere, non possa difendersi, muoversi, lavorare fuori, viaggiare. L'idea che debba avere un uomo per sopravvivere, questa per me era insopportabile”.

Con uno stile non proprio indimenticabile, l'autore ci porta fra i monti del Qandil, dove una donna combatte per dei principi. Una storia raccontata dall'interno, che mette in luce molti fatti dolorosi per una terra che cerca pace. Lo consiglio, non per lo stile dell'autore, ma per il coraggio che ha avuto nel raccontare questa storia, sono queste le testimonianze che ci permettono di aprire gli occhi sul mondo. Se avesse scritto anche qualcosina in più, per meglio contestualizzare il periodo storico e le vicende intorno ad esso, l'avrei preferito.

Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Bravissima Fede, titolo non semplice :-)
In risposta ad un precedente commento
Belmi
17 Marzo, 2021
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Maria.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Del nostro meglio
La vita intima
Ombre
Sarò breve
La vita in tasca
Tasmania
Erosione
La città e la casa
Sangue di Giuda
La sottile differenza
Cosa è mai una firmetta
L'altra linea della vita
Ufo 78
Avere tutto
La cosa buffa
Le perfezioni