Dettagli Recensione

 
La seconda spada. Una storia di maggio
 
La seconda spada. Una storia di maggio 2021-02-16 17:36:12 Mian88
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    16 Febbraio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Introspezione in quel di maggio

Un concentrato di letteratura è l’opera di Peter Handke, opera all’interno della quale il protagonista è mosso dal desiderio di vendicarsi di un’antica calunnia subita dalla madre defunta. È per questo che si mette in viaggio alla ricerca della giornalista alla quale adduce l’addebito del torto subito.
La madre e il suo ricordo, l’Austria, che nel tempo e nello spazio si ripresenta, il viaggio che è un peregrinare, da sempre sono temi cari alla scrittura di Handke insieme a quell'itinerario introspettivo che da sempre l’accompagna.
L’autore trasporta tra le pagine pensieri, opinioni, ironia, e flusso interiore. Un flusso interiore ininterrotto e continuo. Il tutto da un punto di vista unico in cui il lettore è direttamente interpellato dal protagonista e dunque dallo stesso Peter. Titolo, ancora, che inizia “in media res” e con il “vendicatore” che passa all’azione mettendosi in viaggio in quella tarda primavera del mese di maggio che tinteggia quel passato che riaffiora tra la memoria e il ricordo.
Ma la vendetta è soltanto l’inizio di quello che accompagna nel percorso letterario perché come nel perfetto romanzo di formazione questa si trasformerà in un viaggio di rinascita e di riappacificazione con il passato. Il protagonista riesce per mezzo della letteratura a liberarsi dei suoi fantasmi e dei propri fardelli e per mezzo di quella seconda spada, di cui al titolo, ritroverà se stesso.
Elaborato dai toni evocativi ma anche vaporosi, “La seconda spada” è un titolo che chiede di essere interpretato e che non si ferma a una lettura superficiale. È uno scritto che chiede di essere letto un poco alla volta e che può non arrivare a causa dell’impostazione narrativa in quanto chi legge, soprattutto nella prima parte, fatica a ricomporre il puzzle e a capire dove il narratore voglia condurre. Apparentemente la sensazione è quella di una non trama a cui è richiesto uno sforzo notevole da parte del conoscitore.
È un libro, dunque, che consiglio soltanto agli appassionati del genere perché il rischio di una delusione è alto così come quello del suo non arrivare.

Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Belmi
18 Febbraio, 2021
Segnala questo commento ad un moderatore
Maria il titolo mi ispirava, ma dopo la tua recensione lascio perdere..grazie!
Fede
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri