Narrativa italiana Romanzi Il tempo che vorrei
 

Il tempo che vorrei Il tempo che vorrei

Il tempo che vorrei

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Lorenzo non sa amare, o semplicemente non sa dimostrarlo. Per questo motivo si trova di fronte a due amori difficili da riconquistare, da ricostruire: con un padre che forse non c'è mai stato e con una lei che se n'è andata. Forse diventare grandi significa imparare ad amare e a perdonare, fare un lungo viaggio alla ricerca del tempo che abbiamo perso e che non abbiamo più. È il percorso che compie Lorenzo, un viaggio alla ricerca di se stesso e dei suoi sentimenti, quelli più autentici, quelli più profondi.

Recensione Utenti

Guarda tutte le opinioni degli utenti

Opinioni inserite: 61

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
3.6  (61)
Contenuto 
 
3.4  (61)
Piacevolezza 
 
3.8  (61)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il tempo che vorrei 2015-02-24 12:07:17 SweetNiky
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
SweetNiky Opinione inserita da SweetNiky    24 Febbraio, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una storia possibile

Partendo dal presupposto che non é scritto con uno dei migliori stili che abbia incontrato o con la storia più avvincente, nella sua semplicità riesce a prenderti, a lasciarti qualcosa.
Una semplice storia d'amore tra due persone finita male dove lui cerca in tutti i modi di recuperare.
A volte surreale e banalizzata ma nonostante ciò, proprio per il fatto che é una storia che potrebbe accadere a tutti, anzi, abbastanza comune direi, riesce a prenderti, a volte mi é sembrerò di leggere parti della mia vita, del mio modo di pensare. Adoro i personaggi di Fabio Volo.
Pagine scritte in modo semplice, scorrevole, alcune molto profonde, che ti viene voglia di rileggere.
Lettura consigliata a qualsiasi genere di pubblico.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi sono piaciuti altri libri dell'autore, come "il giorno in più più"
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

Il tempo che vorrei 2013-08-01 09:14:23 Aspasia1989
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Aspasia1989 Opinione inserita da Aspasia1989    01 Agosto, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

MERITIAMO TUTTI UNA SECONDA OCCASIONE

La settimana scorsa ero su un treno diretta a casa: ero stanca, avevo caldo, sonno e provavo quella sensazione di vuoto allo stomaco tipica di quando hai appena passato due ore su un esame universitario e non sai quanto dovrai aspettare per conoscerne i risultati. Per passare il tempo stavo ovviamente leggendo quando ecco accadere il dramma: uno sconosciuto seduto di fronte a me tira fuori un romanzo, alza lo sguardo e incontrando i miei occhi mi chiede cosa stessi leggendo. Dopo aver sentito la mia risposta alza con orgoglio la copertina del suo che riconosco subito come uno dei tanti romanzetti firmati Fabio Volo.
Ora, al di la del fatto che ho volontariamente ignorato il mio compagno di viaggio in seguito a questa scoperta, ho avuto una sorta di triste epifania: ho sempre denigrato il buon Fabio e i suoi romanzi basandomi sull’aver sfogliato un suo libro e aver letto qualche passaggio qua e la ma non gli ho mai dato modo di spiegarsi, di dire la sua insomma. Così dopo aver consultato le mie fonti segrete ho deciso, nonostante la ferma opposizione dei miei neuroni e del mio buon senso, di leggere “Il tempo che vorrei”.
Il protagonista, Lorenzo, è un ragazzo profondamente in sintonia con le proprie emozioni (non potete neanche lontanamente immaginare la frequenza con cui leggerete “ho pianto” ), un po’ come una giovane donna. È nato in una famiglia povera (anche questo non smetterà mai di ripeterlo), ha abbandonato gli studi per portare un po’ di soldi a casa, per una serie di fortuite coincidenze ha fatto carriera e si è trasferito a Milano. Qui ha incontrato la sua “lei” con cui ha convissuto per poi essere abbandonato perché “impossibilitato ad amare qualcuno”: il romanzo è incentrato su una lunga introspezione che analizza minuziosamente il rapporto di Lorenzo con il padre e di Lorenzo con la sua ex, infarcito di luoghi comuni, frasi fatte, immagini stereotipate e emozioni latenti che hanno confermato la mia teoria secondo cui l’80% dei libri del piccolo Fabio sono composti da frasi tratte dai Baci Perugina e il restante 20% da punteggiatura.
Leggere il quinto romanzo di Fabio Volo è stato stilisticamente parlando un po’ come frequentare un corso preparto,: i paragrafi sono composti da brevi frasi. Immaginate lo strazio di dover spezzare il ritmo di lettura appena ingranato. È lo stesso che chiedono di fare alle partorienti con la loro respirazione per far nascere il proprio pargolo. È lo stesso meccanismo che sto usando in questo momento. Non sentite un formicolio alle mani?
“Il tempo che vorrei” è un libro che mi ha fatto pensare al passato: ricordo con nostalgia quando ero un’adolescente complessata che trascorreva i pomeriggi a riflettere con il mio migliore amico ai tempi del liceo su cose come il senso della vita, le relazioni tra gli esseri umani, l’amicizia e l’amore.
Allora ho capito.
Fabio Volo questo periodo di profonda riflessione critica, saccente e un po’ bohèmienne non l’ha ancora superato: va ancora in giro portandosi a braccetto la versione brufolosa di se stesso e come tutti gli adolescenti di oggi sente la necessità quasi fosse una missione umanitaria (non richiesta, tra l’altro) di dover condividere le sue turbe con noi attraverso i suoi libri.
Fabio Volo è il Federico Moccia degli adulti: viene acquistato da una generazione di post-adolescenti che credono di essere “cresciuti” per il semplice fatto che sono trascorsi più di trent’anni dalla loro nascita ma che in realtà sono ancora affossati nella triste palude della loro tenera età cerebrale e non sono in grado di superare le difficoltà che spesso devono affrontare.
La quantità materiale di libri venduti da un autore del genere è un triste sintomo di come la nuova generazione di adulti si rapporta al mondo; allora cari giovani sbarbatelli, vi svelo un segreto: ogni singolo essere umano sulla faccia della Terra ha passato, sta passando o passerà dei brutti momenti. È la vita, un roller coaster la cui velocità la stabiliscono i fatti: a voi non resta che godervi il giro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
61
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il tempo che vorrei 2013-07-31 20:46:01 LUCA DA CASIRATE
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
4.0
LUCA DA CASIRATE Opinione inserita da LUCA DA CASIRATE    31 Luglio, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

CAFFE' NERO BOLLENTE

Bello.
Più bello se, come in questo caso, la recensione è fatta a mente fredda, dopo un po' di tempo da quando l'ho letto.
Lo stile di Volo (oltre a questo ho letto solo "Le prime luci del mattino") mi piace. E' semplice. Diretto. Vicino.
La trama è un po' banale, anzi, più che banale è ... è una storia come potrebbe capitare a tanti. E proprio per questo acchiappa. E il rischio, per lo scrittore, di cadere nel ruffiano è alto. Tuttavia, mi sono voluto convincere che Volo non mi abbia preso in giro e che sia stato onesto nello scrivere. Con questa convinzione il libro è davvero più appagante.
Altrimenti ... altrimenti non vale gran che ... se non come passatempo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Le prime lucin del mattino
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il tempo che vorrei 2013-06-08 20:14:08 resme94
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
resme94 Opinione inserita da resme94    08 Giugno, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tutti i miei domani per un solo ieri

Fabio Volo.Molti sentono questo nome e fanno una smorfia.Pensano che non sia uno scrittore o che i suoi libri siano solo per ragazzine.La maggior parte di queste persone però non hai mai aperto un suo libro.E la cosa peggiore è giudicare un libro dalla copertina."Il tempo che vorrei" racconta di Lorenzo,un uomo,che ha fatto tanti errori e sente di non poter rimediare,di aver perso l'occasione per essere felice.La storia viene raccontata in prima persona attraverso una serie di ricordi che portano il protagonista a riflessioni sulla propria vita.E sono le riflessioni,una delle tante cose belle di questo libro.Un esempio? "Quando non stai più con la
persona con cui vorresti stare, il pensiero di lei ti entra nella testa nei momenti più impensati.
All'improvviso vieni assediato da ricordi e immagini. Succede ogni volta che il presente
sembra passare nella tua vita senza degnarti nemmeno di uno sguardo, e allora finisce che
vivere negli angoli e nelle pieghe di giorni passati è più bello di ciò che stai vivendo."
La storia può sembrare banale,una persona che soffre per amore,che novità!Qualsiasi storia potrebbe esserlo ma oltre ai singoli eventi,esiste anche il modo in cui vengo raccontati e come si arriva ad essi.Questa rottura porta il protagonista a riconsiderare se stesso e la sua vita,a domandarsi chi è realmente Lorenzo.Amo questo libro perché per molti aspetti,mi ritrovo in Lorenzo e quindi riesco a capirlo.Forse non sarà un capolavoro letterario pieno di paroloni,ma spiega i sentimenti dell'animo in modo che ti arrivino dritti al cuore ed è questa la cosa bella di un libro che ti rimane dentro,che riesci a farlo tuo...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il giorno in più
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il tempo che vorrei 2013-04-07 13:03:50 ansalone
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ansalone Opinione inserita da ansalone    07 Aprile, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Perchè il tempo è prezioso

Ho terminato questa mattina dopo appena una settimana questo libro di Fabio Volo che giudico piacevolessimo, scorrevole, emotivamente coinvolgente. Per me è la prima volta con Volo, l'ho sempre snobbato, ma devo ricredermi, perchè l'autore con questo libro è riuscito a toccare il mio cuore, Lorenzo è diventato mio amico e come spesso accade mi è dispiaciuto lasciarlo. Io ho scelto Il tempo che vorrei, perchè colpita dalla trama, il tempo spesso mi ossessiona, e questo libro da la percezione di quanto il tempo sia importante, e di come spesso non si riesca ad arrivare in tempo...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il tempo che vorrei 2013-01-30 21:50:06 marinablu
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
marinablu Opinione inserita da marinablu    30 Gennaio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

IL TEMPO CHE VORREI?!?

Il protagonista di questo romanzo è un uomo che affronta un rapporto difficile con un padre presente ma anche assente e una donna, una Lei che lo ha lasciato, se n’è andata e sta sposarsi.
Fabio Volo ripercorre sin dall’infanzia la vita del protagonista e tre sono i temi principali: 1-il disagio del giovane Lorenzo che proviene da una famiglia umile che a stento riesce arrivare a fine mese, il senso di inadeguatezza che prova quando si confronta con gli altri perché non ha ciò che hanno loro e non è come loro, perfino quando sarà adulto e affermato professionalmente continuerà a trascinarsi quest’ombra che diventa un senso di colpa nei confronti della famiglia; 2-il rapporto difficile con un padre che è fisicamente presente ma umanamente è distante, lavora e basta, la fatica che fin da piccolo fa per conquistare anche un solo cenno della sua attenzione o approvazione; 3-Lei, una donna il cui nome non verrà mai pronunciato all’interno del romanzo se non alla fine, Lei che lo ha lasciato se n’è andata e sta per sposarsi perché lui è sentimentalmente immaturo o incapace di amare.
Le basi questo libro le ha tutte e alcune sono anche particolarmente toccanti, non di certo quando un capitoli si e uno no, come un mantra che ti perseguita, parla di Lei che lo ha lasciato, se n’è andata e sta per sposarsi . Se per il protagonista LEI è un’ossessione per il lettore è un incubo! Arrivata ben oltre la metà del libro ti fai una domanda: ma la storia quando inizia?
A differenza degli altri, in questo libro Fabio Volo non è particolarmente ironico o scanzonato (escluso l’attore non protagonista Nicola) ma va benissimo così! Il punto è che manca la storia o al massimo ha una struttura molto debole, sembra tutto una premessa, potresti tranquillamente leggere le ultime pagine del libro e hai letto tutto. Bisogna dargli atto che la lettura è molto fluida e semplice, come in tutti i suoi libri non è mai pretenzioso….ma una volta finito il libro sembra quasi incompleto, bastava sforzarsi un po' di più.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il tempo che vorrei 2013-01-17 10:33:45 marika_pasqualini
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
marika_pasqualini Opinione inserita da marika_pasqualini    17 Gennaio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

NO NO NO!

Assolutamente scialbo, privo di spessore, senza capo nè coda, un passatempo come un altro, anzi, peggio degli altri perchè questo libro non mi ha lasciato veramente nulla! non un pensiero, un'idea, NULLA! era il primo che leggevo di Volo, e già ero scettica...adesso i libri di Volo possono proprio farlo un volo...giù dalla finestra! =)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
il nulla! e può continuare a farlo!
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il tempo che vorrei 2012-08-26 22:27:24 chiara
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da chiara    27 Agosto, 2012

ripetitivo

Ho letto questo libro dopo l'euforia di "E' una vita che ti aspetto" ed "Un posto nel mondo" , ma non si è rivelato all'altezza delle mie aspettative . Il succo della storia mi sembra molto simile ai precedenti , l'autore espone i problemi del protagonista senza però poi darne una soluzione , non ci sono indicazioni temporali che permettano di seguire per bene tutte le vicende della vita di Lorenzo e il finale è tristissimo e senza significato . Davvero non sono riuscita a capire che cosa voglia dire ! Dopo che i primi due li avevo trovati bellissimi , questo mi ha delusa molto !

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il tempo che vorrei 2012-08-21 16:12:59 Mombelli
Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
Mombelli Opinione inserita da Mombelli    21 Agosto, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Utile come fermalibri (forse)

Sono sempre stato critico nei confronti di Fabio Volo: non mi riesco a capacitare di come un personaggio così scialbo, incolore, sempliciotto, pseudo-ribelle frutto della televisione e della radio possa aver scritto "libri di grandissimo successo" come dicevano molti miei compari che leggevano i suoi tomi.
Ebbene, un giorno d'Esselunga, trovai in superofferta uno dei suoi masterpiece, e decisi di comprarlo.
Quando mai.
E' stata una lettura deprimente. Non per la storia, la storia più banale che si possa mai raccontare (e con "banale" nel vero significato della parola, ossia "comune, che puoi riscontrare ogni giorno") ma per il modo in cui è impostata: un'accozzaglia dei pensieri più deprimenti di qualsiasi persona che si senta frustrata.
Va bene, può essere che Volo voglia raccontare la vita "comune", ma non così. Si vede lontano un miglio che non ha nemmeno la licenza superiore. Il lessico è di una povertà sconcertante, turpiloquio perché-va-così-tanto-di-moda a iosa, sessosessosessosesso ed un finale da farti venir voglia di prendere il libro e buttarlo fuori dalla finestra dopo essere andati in questura a denunciare una violenza mentale.
Vanno bene le letturine leggere, quelle "per evadere", ma questa non è lettura leggera, figuriamoci letteratura.
La domanda che mi sono posto alla fine del libro non è stata "ma perché quello là scrive questi insulti alla lingua?" ma "perché in Italia vengono pubblicate porcherie del genere?"
Ecco. Ponetevi questa domanda: perché in Italia vengono pubblicati libri di personaggi VIP che parlano di come la vita sia "schifosessofrustrazioneamoreritornanonlasciarmicazzo" (e non alla Bukowski eh) e non vengono pubblicati romanzi, racconti di gente comune che magari si è impegnata a fondo per creare qualcosa di bello da condividere col mondo? Perché dare precedenza a porcate del genere?
Perché fanno immagine? Beh, se questo libro sperava di celebrare il presunto talento di Volo credo lo abbia stroncato definitivamente (sul piano letterario).

Spero vivamente Volo non riempia ancora una volta le librerie di porcate simili perché nemmeno Cinquanta Sfumature di Grigio riesce ad essere così ributtante.

Nessuna trama, nessun messaggio, nessuna morale... il nulla.
Appena 200 pagine scritte in Caslon 20 (20!!!!) che possono leggere anche i presbiti più disperati.

Fortemente sconsigliato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il tempo che vorrei 2012-07-11 18:27:23 Roberto D.
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Roberto D.    11 Luglio, 2012

Ributtante

Ho letto molti brutti libri nella mia vita. Dall'insulso "Io e te" di Ammaniti al noioso "Dottor Niù" di Benni, fino ai classici indigesti "Cuore di tenebra" e "I Malavoglia". Ma nulla potrà mai competere con "Il tempo che vorrei" di Fabio Volo. L'arroganza, la pateticità, gli stereotipi, il provincialismo, la ripetitività, la morbosità, il viscidume, condensati tin 152 pagine. Mi capacito solo ora del perchè abbia tanto seguito tra il pubblico femminile, soprattutto quello che legge poco o nulla. Batte forte su ciò che le donne desiderano, ci gira attorno con fare navigato, come quei ridicoli playboy da riviera romagnola. Per chi ama la letteratura, è un affronto e una minaccia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
a chi ha letto harmony o harlequin piacerà da matti. Anche chi ha letto 50 shades of gray o la saga di twilight ne andrà pazzo.
Trovi utile questa opinione? 
31
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Guarda tutte le opinioni degli utenti
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri