Mi chiamo... Mi chiamo...

Mi chiamo...

Letteratura italiana

Autore

Editore

Casa editrice

Mia Martini racconta, in prima persona, la sua travagliata esistenza poche ore prima di morire. Da quel letto di uno squallido appartamento di un piccolo paese della provincia di Varese, dove cercava di fuggire dalle dicerie infamanti che la perseguitavano e da cui non si è mai più ripresa. Aldo Nove, con un linguaggio secco e poetico, ripercorre la vita di una grande e sempre più popolare artista. “Avevo otto anni quando scappavo al bar dietro casa mia e mettevo cinquanta lire nel juke-box. Quelle cinquanta lire ti permettevano di guardare i titoli delle canzoni sapendo che una di loro sarebbe stata tua, e che tutto il bar l’avrebbe sentita, e vissuta, e danzata con te. Allora se la canzone parlava di un posto lontano il bar si trasformava in quel posto lontano e ci trasportava tutti lì, per tre minuti eravamo lì.”



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
4.0  (3)
Contenuto 
 
3.7  (3)
Piacevolezza 
 
4.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Mi chiamo... 2013-08-02 19:17:24 luvina
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
luvina Opinione inserita da luvina    02 Agosto, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La bella e maledetta storia di Mia Martini

Questo libro non mi è piaciuto. Mi dispiace ma, leggendolo, al di là della bella e sensibile persona che è stata Mia Martini, non c'è stata da parte mia alcuna empatia anzi il libro mi ha fatto provare una sensazione di estraneità a quella storia, a quella vita.
Io leggo molte biografie (romanzate e non) e di solito, andando avanti nella lettura, sembra che quella vita un po' ti appartenga, c'è immedesimazione, curiosità per come il personaggio in questione si è posto rispetto agli accadimenti della propria esistenza. Ecco, questa partecipazione manca del tutto in questo piccolo libro scritto sotto la forma di monologo-poesia, sincopato come una canzone.
Mancano degli interi periodi di vita come il rapporto che Mia ebbe con Ivano Fossati che ha segnato, nel bene e nel male, il suo percorso umano e professionale: anche il troppo amore può distruggerti come può farlo l'estrema sensibilità che infatti la condusse sulla strada degli stupefacenti.
Questo monologo delle ultime ore, della solitudine, è troppo incentrato solo sulla vicenda della "portatrice di jella" che, pur decretando la sua emarginazione, non è la sola ad averla portata alla fine in quella camera da letto in provincia di Varese.
Mi è sembrato infine un mero esercizio di stile poetico, c'è troppo dell'autore (talentuoso per carità, a me piace Aldo Nove) e poco del personaggio.
Non credo che la poesia si addica alla forma letteraria della biografia, si tralascia troppo di tutto. Non c'è nemmeno la musicale poetica di un tributo come lo è stato "Candle in the wind" per Marilyn Monroe ma questa è un'altra storia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Mi chiamo... 2013-05-02 10:25:53 C.U.B.
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    02 Mag, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Sai la gente e' strana

cambia idea improvvisamente,
prima la verita' poi mentira' lui,
senza serieta' come fosse niente."

Biografia e' un genere letterario che nulla ha a che vedere con questo delizioso volumetto. Perche' se normalmente la categoria si propone di scavare nella vita di una persona in maniera approfondita e documentata, Aldo Nove ci offre un manoscritto del tutto originale in questo senso.
Leggendo il libro ho vissuto infatti non la biografia di una donna, ma di un'anima.
L'autore cammina a ritroso nel tempo rivisitando con piccoli aneddoti la vita di Domenica Berte' bambina , poi procedendo con lo scorrere degli anni e degli eventi egli ricostruisce stati d'animo , sogni e ambizioni, disperazione e solitudine di una creatura che voleva una cosa sola : cantare.
Mia sapeva farlo molto bene, un sogno che aveva fin da piccola e che divenne una necessita' molto comune : desiderare di condividere la propria arte, trasmettere gioia e dolore attraverso le canzoni ad un pubblico.
La gente e' strana, prima ti ama e poi ti odia.
Dopo il successo giunsero le malelingue, Mia isolata, lasciata sola, innominata fino al tragico epilogo .

"Gli uomini ti cambiano
E tu piangi mille notti di perché
Invece, gli uomini ti uccidono
E con gli amici vanno a ridere di te. "

Per nulla richiama all'epitaffio lo scritto di Nove, anzi con prosa poetica e talvolta poesia vera e propria, esso non e' altro che un inno alla vita, un inno alla memoria di una cantante infelice cui la morte non ha imposto il silenzio ma ha restituito il meritato splendore . Ed il suo canto torna e ritorna, con quel timbro indimenticabile, con quelle note e quei testi che emozionano sempre come fosse la prima volta.
Delizioso, buona lettura e grazie mille Bruno Elpis, difficilmente avrei scovato il titolo senza di te.

Ps. Il voto striminzito allo stile e' per Skira, piu' che per l'autore.
Perche' se gli errori grammaticali- qui assenti- sono cellule maligne, i refusi sono comunque cicatrici. Il libro non merita quel paio che ho trovato ed i 14 euro spesi valgon bene un editing impeccabile.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore
Mi chiamo... 2013-04-12 18:45:22 Bruno Elpis
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    12 Aprile, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Commento di Bruno E.

Aldo Nove compone con “Mi chiamo …” un’opera poetica incentrata sulla figura tragica di una cantante dalla voce unica: Mia Martini.
Più che una biografia romanzata, l’opera di Aldo Nove ripercorre pensieri e sentimenti di un’artista sensibile, distrutta dall’invidia, dalla maldicenza e dalla superstizione.
La narrazione è disseminata anche di richiami alle liriche dell’artista:
“La gente è strana.
La gente è matta. A volte sparisce.”
E di episodi che ripercorrono alcune tappe di una vita troppo breve e minata dalla maledizione:
“Se c’è una cosa che fa male è quando dicono che sei troppo brava … è una maledizione”.
Oltre che dal malessere:
“Non è nulla. Sto bene. E’ soltanto un attacco di panico …”
Nonostante la passione per la musica e per i suoi versi:
“Le piccole parole del nostro cuore io le ho amate tutte”.
Gli inizi promettenti sono colorati dall’epoca hippy:
“Il pubblico era tutto un ondeggiare di mani alzate, un corpo solo attraversato da un immenso entusiasmo.
Quello era essere hippy”.
Poi arriva il successo internazionale, la collaborazione con Aznavour, l’Olympia di Parigi.
Ma la scure dell’invidia e l’accetta dell’ignoranza si abbattono troppo presto su una delle cantanti più amate di ogni tempo, attribuendole il ruolo di iettatrice e stroncandone la carriera.
Un piccolo libro carico di poesia, ricco di riferimenti culturali e di struggimento per l’indimenticabile voce che ha cantato un drammatico destino, regalando a tutti noi sensazioni uniche.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... biografie, poesie. A chi ama Mia Martini.
Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri