Virus Virus

Virus

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Nel 1954 un aereo da trasporto militare scompare misteriosamente: le ricerche delle forze aeree e navali degli Stati Uniti sono infruttuose. La pratica è archiviata, almeno fino a quando, trent'anni dopo, Dirk Pitt ritrova, sul fondo di un gelido lago del Colorado, un relitto di aereo che tutti sembrano aver dimenticato.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Virus 2013-07-28 14:25:53 Todaoda
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Todaoda Opinione inserita da Todaoda    28 Luglio, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Rinnovatore

Quinta avventura in ordine cronologico dell'alter ego cussleriano Dirk Pitt. Un romanzo costruito attorno ad una trama piuttosto semplice ed elementare, un avventura che sconfina nel giallo senza tuttavia particolari colpi di scena. La narrazione fin troppo discorsiva e uno stile senza ricercati fronzoli (come gran parte della narrativa dell'Autore) fanno di questo libro un capitolo piuttosto interlocutorio e innocuo della lunga carriera di Cussler.
Attenzione però a non incorrere in fraintendimenti: rispetto ai suoi precedenti lavori quest'ultimo è un notevole passo avanti verso quelle vette di intrattenimento di massa che raggiungerà con i romanzi scritti verso la fine degli anni ottanta e l'inizio del novanta. Tralasciando infatti Vortice (il suo primissimo lavoro), Virus è molto più complesso ed elaborato di Enigma, e decisamente più completo di Iceberg e senza dubbio molto più romanzo di Recuperate il Titanic. Lo stile di scrittura qui infatti si affina sempre più e così la profondità della trama che, per quanto semplice, è ben articolata e senza alcun dubbio ben concepita.
Virus, o Vixen 03, dunque è un libro che, seppur semplice e per certi aspetti troppo lineare, rimane comunque interessante per tutta una serie di particolari degni di nota, tra cui la "comparsa" per la prima volta nella letteratura dell’ autore della bella Loren Smith, che poi diventerà una costante tra i personaggi principali dell'autore; e soprattutto per quella ombrosa atmosfera silvestre in cui ha inizio la vicenda, un atmosfera che poi avremmo rivisto altrettanto ben caratterizzata soltanto in certi romanzi successivi del collega Stephen King.
Dunque se per certi aspetti Clive Cussler con l'uscita qualche anno prima di Raise the Titanic poteva essere definito "un precursore", in questo nuovo (per l'epoca) libro non è da meno e se non può esattamente essere elogiato ancora per la sua vena innovativa, poiché comunque è evidente che in certi tratti si rifà (filtrandolo notevolmente) ad un filone noir anni cinquanta/sessanta e horror/pulp anni settanta, gli va almeno tributato il merito di essere un "rinnovatore".
Per concludere è interessante notare come anche in questo libro la storia principale si svolga attorno ad un tema, quello virale, che negli anni successivi sarebbe diventato a dir poco di grande consumo per ogni forma di intrattenimento, da quello letterario a quello cinematografico, da quello televisivo-mediatico-allarmistico fino e perfino a quello artistico.
In sostanza questo libro può piacere come non piacere, può essere definito in tutti i modi possibili: banale, innovativo, piatto, profondo, lungo, breve, canonico, new age... in fin dei conti è a discrezione del gusto personale del lettore, oggettivamente però è assolutamente impossibile definirlo come un opera figlia della sua epoca, infatti Virus, riletto oggi come trent'anni fa, ha ancora qualcosa da dire e questo, con certa narrativa moderna da supermercato, è indiscutibilmente un pregio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
gli altri libri dell'autore
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri