I simulacri I simulacri

I simulacri

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Nel XXI secolo gli Stati Uniti d'Europa e d'America sono governati da una coppia incantevole: "der Alte", il presidente, e la First Lady, vero motore del potere. Popolare e amatissima star televisiva, la donna nasconde segreti che ne potrebbero destabilizzare l'autorità, e si oppone a ogni tentativo di rovesciamento del suo benigno regime. Fra complotti, corporation industriali, conflitti sociali tra élite e massa, tra chi conosce la verità sulla reale natura di "der Alte" e chi crede ciecamente nella verità offerta al pubblico, si muovono gli altri personaggi del romanzo: il pianista psi Richard Kongrosian, capace di suonare senza toccare i tasti; Bertold Goltz, capo dell'organizzazione dei Figli di Giobbe; Loony Luke, venditore di astronavi che permettono alle famiglie disperate di emigrare su Marte; e poi i simulacri, sostituti robotici degli esseri umani, usati come strumenti fondamentali di un rischioso gioco politico. Un affresco che precorre la politica-spettacolo e la religione dell'apparire, temi che Dick anticipa con gli strumenti analitici della fantascienza, e con un sentimento profondo della condizione umana.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I simulacri 2020-09-07 12:29:29 Valerio91
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    07 Settembre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un romanzo meno dickiano

Nella produzione letteraria di Philip K. Dick (o almeno in quella parte che ho affrontato finora) sono diversi i romanzi in cui le idee e gli eventi si dividono tra genialità e follia. In certi casi, questa follia diventa così accentuata da lasciare il lettore sconcertato al punto da chiedersi: “ma cosa diavolo sto leggendo?". Questa è una peculiarità che ha contribuito alla fama di Dick e gli ha permesso di produrre opere molto riuscite (“Le tre stimmate di Palmer Eldritch" o “Ubik”) e altre che partivano da una buona premessa ma erano sviluppate maluccio (“La svastica sul sole"). Anche quelle meno efficaci, tuttavia, hanno spesso avuto un'enorme influenza su una buona fetta della produzione letteraria e cinematografica, sia alla fine del Novecento che nella nostra era “netflixiana”: basti pensare a “Blade Runner” o alla più recente serie “The man in the high castle”. Questo, ripeto, è dovuto a quelle idee che nella maggior parte dei casi si rivelano un cocktail di genio e sregolatezza.
"I simulacri" credo sia la prima eccezione che mi sono ritrovato davanti: è infatti un’opera che rispetto alle altre si mostra paurosamente “normale”. La cosa mi ha soddisfatto? Nì. Venendo meno questa caratteristica dell'autore, sebbene fosse croce e delizia, viene meno anche quel fascino che rendeva ogni sua opera un’esperienza unica. Con questo non voglio dire che "I simulacri" sia un brutto libro, anzi, si legge con piacere, ma ho avvertito distintamente quanto gli manchi qualcosa; quanto sia meno “dickiano”.

La narrazione viaggia sui punti di vista di diversi personaggi e ci racconta un'America guidata da presidenti che non sono altro che simulacri: fantocci senz'anima che si limitano ad apparire su uno schermo televisivo e si spengono per il resto del tempo, senza alcun potere decisionale effettivo. La vera detentrice del potere sembra essere infatti la First Lady Nicole Thibodeaux, che nonostante l'avvicendarsi dei presidenti rimane salda al suo posto e rappresenta per tutti una specie di idolo a cui non possono fare a meno di offrire una cieca devozione. La società in cui opera questo strano governo è palesemente instabile, divisa tra il potere ingannevole del governo, l’enorme influenza dei monopoli e le flotte di navicelle che portano i “reietti” verso le colonie di Marte. Una società destinata a crollare.
Dick non si fa mancare nulla, in questa storia, e ci mette in mezzo anche nazisti pescati nel passato grazie a una macchina del tempo. Dunque ne “I simulacri” c’è un po’ di tutto: androidi, viaggi nel tempo, colonie extramondo, e tante altre cose peculiari della pura fantascienza; tuttavia si ha la sensazione che, a fronte di tanto materiale, si sia finito per approfondire ben poco. Al termine della lettura, infatti, sentivo d’aver letto una storia di fantascienza come tante altre, il che mi ha fatto un po' pentire di tutte le volte in cui ho definito Dick troppo confusionario. Rimane un suo difetto, e continuo a dire che con la capacità narrativa di un Bradbury avremmo avuto di fronte uno scrittore leggendario, ma quella confusione era ottimamente bilanciata dalle sue grandi idee.
In conclusione, quando leggete un autore, state attenti a quel che desiderate.

Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempi duri
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri