Narrativa straniera Fantascienza La fiaba nucleare dell'uomo bambino
 

La fiaba nucleare dell'uomo bambino La fiaba nucleare dell'uomo bambino

La fiaba nucleare dell'uomo bambino

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Nella carrozza di un treno che corre attraverso la sconfinata e monotona steppa kazaka, un viaggiatore si imbatte in un venditore che suona magistralmente il violino. Si chiama Erzhan e, malgrado sia un giovane adulto, conserva un aspetto da bambino. Per ingannare il tempo, il passeggero lo prega di parlare della sua storia. Si dipana così il misterioso racconto dell'uomo bambino, nato negli anni della guerra fredda in un villaggio sperduto, nei pressi di una stazioncina di transito. Erzhan è cresciuto in una piccola comunità, in un microcosmo scandito da riti magici e credenze remote, con la rigida educazione del nonno e da sempre innamorato della piccola vicina di casa, Ajsulu. Un'infanzia serena su cui si addensa una sola ombra minacciosa, quella che si proietta dalla Zona, una impenetrabile area recintata al centro della steppa. Detonazioni intermittenti oscurano il cielo e fanno tremare la terra, provocando violenti uragani e generando timori nel villaggio di Erzhan. Violando le raccomandazioni della famiglia, un giorno il bambino si immerge nel Lago Morto, un bacino color smeraldo che si è formato in seguito a un'esplosione nucleare. E smette di crescere.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
 
La fiaba nucleare dell'uomo bambino 2022-01-25 05:53:08 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    25 Gennaio, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L’uomo-bambino

Una fiaba sul tempo in un tempo che non c’è, almeno per il protagonista, Erzan, l’ uomo-bambino, un violinista sublime che negli anni ha maturato coscienza e anima, è cresciuto dentro ma resta imprigionato, per cause imprecisate, nel corpo di un dodicenne.
Nel cuore del Kazakistan un treno avanza tra la luce e le tenebre in una steppa sempre più spoglia fino a farsi deserto, popolata da innumerevoli specie e animali, poco dagli uomini, una zona di frontiera nei pressi di una stazione di transito nella quale si manifestano esplosioni nucleari improvvise, la risposta sovietica alla corsa agli armamenti cercando di pareggiare gli americani e sorpassarli nel caso di scoppio della terza guerra mondiale.
Erzan ufficialmente ha ventisette anni, comincia a raccontare la sua storia a un passeggero qualunque, l’ infanzia trascorsa in mezzo a due famiglie, al confine con la “ Zona “, sede degli esperimenti nucleari, cresciuto dai nonni, senza padre, una madre sentimentalmente lontana, l’ amicizia speciale con la coetanea Ajsulu, l’ amore per la musica, il violino, lui talento precoce, un’ infanzia e una giovinezza felici, fino a quando ha smesso di crescere.
È il momento in cui si chiede da chi è veramente amato, chi sono gli altri, cosa fare, dove vivere, in una vita che non può essere autentica ne’ come una canzone, imprigionato in un corpo destinato a rattrappirsi per sempre.
Che cosa gli è successo e perché, trattasi di una malattia o di un incantesimo, di certo un mistero che ne guarnisce l’ anima e il corpo, una preda imprigionata in se’ stessa.
Che il suo talento di bambino ne sia stata la causa e che cosa ha invertito il tempo in un’ implacabile versione dello stesso? Difficile dirlo, tutto cambia, proiettati nel futuroattraversando un passato ricco di cultura, di tradizioni, di storia, le persone crescono, il paesaggio muta, le parole scorrono, ma Il corpo di Erzan resta radicato in un infinito presente, prigioniero di se’.
...” Ci si può liberare della propria anima nel crescere e invecchiare del corpo e se questo corpo si arresta nel suo movimento eterno, accade altrettanto all’ anima? “...
E allora potremmo considerare il tempo solo in ciò che è stato e sarà, non in ciò che è, un tempo in cui fermare la bellezza dell’ esistenza, e in cui, una volta trascorso, riconoscersi.
E forse il significato dell’ esistenza di Erzan sta proprio lì, nell’ avere vissuto, nell’ essersi consumato e logorato.
Un autore sorprendente, Hamid Hismailov, una fiaba poetica, seducente, ipnotica, che fa riflettere sul racconto di una vita, su noi stessi, sul senso di infinito e di finitezza, di anima e di materia, in un’ alternanza di reale-immaginario e di sogno-realtà, rimescolando le carte, l’ io narrante, l’ uomo-bambino, altre storie, un flusso narrativo che scorre nel tempo in un luogo non luogo che esiste, lo sguardo rivolto a un vecchio ricurvo e all’ impeto di un bambino mentre si allontanano oltre le case abbandonate nella profondità della steppa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'eclisse di Laken Cottle
Il pianeta del silenzio
Il maestro della cascata
La luna è una severa maestra
Verso il paradiso
Terminus radioso
La fiaba nucleare dell'uomo bambino
Ritorno dall'universo
Un oscuro scrutare
Tutto il nostro sangue
Fiori per Algernon
Nel paese dei ciechi
La classe
L'invincibile
Dirk Gently, agenzia investigativa olistica
I simulacri