Narrativa straniera Fantascienza Memento. I sopravvissuti
 

Memento. I sopravvissuti Memento. I sopravvissuti

Memento. I sopravvissuti

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

La trama e le recensioni di "Memento. I sopravvissuti", romanzo di Julianna Baggott edito da Giano. Un grande boato, il sole che emana la luce e il calore di tre stelle sovrapposte, e il mondo svanisce, spazzato via dal fuoco. È il giorno delle Detonazioni, il giorno in cui l'umanità si divide in due: da un lato i Puri che, rifugiatisi nella Sfera, sono privi di deformazioni o cicatrici sul corpo; dall'altro i Sopravvissuti che, coi loro corpi deformi, fusi con gli oggetti più disparati, si aggirano tra i detriti e le pozzanghere nere di pioggia della terra esplosa. Pressia aveva sette anni quando le Detonazioni le regalarono una bambola al posto di una mano. Ora ha quasi sedici anni e la bambola è divenuta parte di lei. Tuttavia, nel magazzino sul retro di un negozio di barbiere dove vive con suo nonno, Pressia pensa a volte che sarebbe bello essere Puri, cancellare le cicatrici, vivere in quella Sfera da dove qualche settimana dopo le Detonazioni lasciarono cadere sulla terra devastata un messaggio che diceva: "Sappiamo che siete li, fratelli e sorelle. E un giorno emergeremo dalla Sfera per unirci a voi, in pace". Invece Pressia deve ora guardarsi dall'ORS, il cui acronimo significava Operazione Ricerca e Salvataggio, e aveva l'obiettivo di ripristinare le unità mediche, redigere liste dei morti e dei sopravvissuti e poi formare una piccola milizia per mantenere l'ordine. Trasformata in Operazione Rivoluzione Sacra, L'ORS governa infatti col terrore e arruola tutti i sedicenni con lo scopo di abbattere, un giorno, la Sfera.

Julianna Baggott ha scritto numerosi romanzi per ragazzi prima di dedicarsi alla trilogia di Memento. I suoi scritti sono anche apparsi sul New York Times, il Washington Post, il Boston Globe.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Memento. I sopravvissuti 2013-09-12 17:22:02 Pupottina
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pupottina Opinione inserita da Pupottina    12 Settembre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un distopico originale e avvincente

Nell’attesa che il romanzo Memento I Sopravvissuti di Julianna Baggott diventi un film, visto che i diritti sono stati acquistati dalla Fox, non potevo fare altro che precorrere i tempi scoprendone la storia attraverso le 496 pagine che mi hanno portata in una realtà davvero diversa, futuristica, fantascientifica e profondamente catastrofica. Siamo cioè nella fase post-catastrofe, nel “Dopo”. Siamo sul pianeta Terra, o meglio su quello che ne è rimasto, dopo che è avvenuta una grande Detonazione, ossia il sole ha aumentato troppo l’intensità del suo calore perché tre stelle si sono sovrapposte. Le Detonazioni hanno cambiato la vita degli essere umani e li ha distinti in due categorie. Alcuni, i Puri, sono rimasti indenni e sono andati a vivere sulla Sfera (un microcosmo protetto in cui pochi eletti hanno avuto il privilegio di rifugiarsi), mentre i Sopravvissuti hanno riportato deformazioni, bruciature e cicatrici e si aggirano tra i detriti e le pozzanghere nere di pioggia della Terra, dopo l’esplosione. Questi ultimi, i Sopravvissuti hanno inglobato gli oggetti che tenevano in mano. Per esempio, Pressia, la protagonista, al momento della Detonazione, aveva sette anni e la sua mano si è fusa con la bambola con cui giocava. Nel “Dopo”, Pressia vive nascosta in un armadio sul retro di un negozio di barbiere, insieme all’unico familiare che le è rimasto, suo nonno, il quale ha un ventilatore innestato nella gola. In questo mondo segnato dalla sofferenza, Pressia si aggrappa disperatamente alle poche tracce del “Prima”, ossia ai ricordi del passato e tenta di rievocarlo giocando a “Mi ricordo” e tentando di riportare alla mente il volto dei suoi genitori e tutte le cose normali della vita così come la vivevano prima gli umani. C’è, però, qualcosa che, più delle deformità, spaventa Pressia e suo nonno. Infatti, il suo sedicesimo compleanno si avvicina e con esso il terrore di doversi consegnare dall’ORS (Operazione Ricerca e Salvataggio). Nel suo futuro Pressia potrebbe o diventare un soldato o un bersaglio, se la milizia la giudicasse troppo danneggiata e deforme. Cercando di fuggire da questo terribile destino, Pressia incontra Partridge, un Puro fuggito dalla Sfera per cercare sua madre. Tra i Sopravvissuti si dice che i Puri che vivono sulla Sfera osservano con benevolenza dall’alto i fratelli sventurati e che, al momento più opportuno, interverranno a salvare anche loro. Nessuno sa se credere o meno a queste voci che altro non fanno che alimentare le speranze. Anche Bradwell, un ribelle, che convive con alcuni uccelli innestati nella schiena, ha dei dubbi e, entrando in contatto con Pressia e Partridge e confrontandosi con loro, scopre la verità. L’unica cosa certa è che devono cercare di mettersi al sicuro e non sarà una cosa facile. L’atmosfera che si percepisce tra le pagine di Julianna Baggott è perfettamente distopica in ogni sua componente. L’ambiente descritto è distopico. Le speranze sono davvero poche e vengono subito cancellate. Il futuro è caratterizzato da incertezza e gli stessi protagonisti soffrono, sia chi vive nella Sfera, sia chi ne è al di fuori. Un comune destino di infelicità avvolge chi agisce fra le pagine di questo romanzo distopico pensato per un pubblico young adult. La Baggott alterna capitoli in cui racconta la storia attraverso gli occhi di Pressia ad altri in cui la racconta in base alla vita di Partridge. Il loro duplice punto di vista alternato narra la storia dall’una o dall’altra prospettiva. Lo stile della Baggott crea un’atmosfera sofferta, ma non risulta rallentato nelle scene d’azione e di svolta. Il lettore si sente costantemente coinvolto nell’assistere alle vicende. Si sente impotente e viene pervaso dall’inquietudine e dal terrore. Il dramma è già avvenuto, ma i personaggi non hanno smesso di essere in pericolo e ogni situazione angosciante appare imminente e probabile, ciò anche grazie alle macchinazioni sempre in atto all’interno della Sfera che non smette di ordire complotti e programmare qualcosa di ancora più terribile. Gli spunti d’attualità e di riflessione, contenuti in Memento, sono tanti, così come altrettanti sono i valori positivi proposti, portati avanti da personaggi validi e sfaccettati nelle sfumature della personalità. Questo volume di Julianna Baggott è solo il primo di una trilogia che inizia ottimamente e promette ancora molto. Originale nella storia ed avvincente nell’evoluzione dell’intreccio e dei personaggi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La città dei vivi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri