Opzioni Opzioni

Opzioni

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Tom Mishkin è un astronauta con un carico di materiali da trasportare per un normale volo commerciale. Improvvisamente il motore dell'astronave ha un guasto, ma, fortunatamente, il non lontano pianeta di Harmonia, ufficialmente disabitato, è usato come deposito per pezzi di ricambio. Una volta atterrato su consiglio del computer di bordo, però, cominciano i guai per Mishkin. Il computer magazziniere gli dice che, per questioni di sicurezza, i pezzi di ricambi sono stati decentralizzati su tutto il pianeta. Sarà lui a doverselo andare a cercare, in compagnia di un robot accompagnatore che lo dovrà difendere dai pericoli di Harmonia. Purtroppo il robot è stato programmato per un altro pianeta. Inizierà così una strampalata odissea tra personaggi via via più assurdi e situazioni tra l'onirico e l'allucinato, in caccia del fantomatico pezzo di ricambio come unico filo conduttore.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Opzioni 2015-12-16 14:33:16 FrancoAntonio
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    16 Dicembre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le irridenti e folli opzioni di Mishkin

Tom Mishkin è un pilota di astronave in un volo di routine per il trasporto di merci tra pianeti, quando il "guasto che non può mai verificarsi" puntualmente accade: una avaria al motore principale. Poiché non c'è possibilità di proseguire, su consiglio del computer di bordo, l'astronauta atterra sul vicino pianeta di Harmonia, ufficialmente disabitato, ma sede di un magazzino d'emergenza. Qui dovrebbe esserci il pezzo di ricambio necessario a riparare l'avaria. Tutto semplice? No, perché, come fatalmente avverte lo stesso computer "complicazioni ce ne sono sempre". Infatti Mishkin si troverà costretto ad una vera odissea alla ricerca del pezzo di ricambio, che, alla fine, diverrà solo un tenue filo conduttore per giustificare il susseguirsi degli avvenimenti, sempre più strampalati, fino ad una conclusione del tutto inaspettata.

Mentre girellavo in libreria tra gli scaffali dei remainders il mio occhio è caduto su un nutrito gruppo di volumetti di Urania, la collana di fantascienza di Mondadori. In particolare sono stato attratto da un libricino, ingiallito dal tempo, il cui autore, però, mi è particolarmente caro: Robert Sheckley, genio di grande inventiva, sempre divertentissimo. Il titolo mancava alla mia collezione e, quindi, non ho esitato ad acquistarlo.
Chi conosce Sheckley sa che da lui ci si può aspettare tutto ed il contrario di tutto, ma debbo confessare che, anch'io, sono rimasto stupefatto da quanto ho scoperto leggendo “Opzioni”.
Per la verità l'autore prudenzialmente, inizia la sua narrazione con questo
"AVVISO - Le regole della normalità saranno temporaneamente sospese e nuove regole verranno istituite. Può darsi che quelle nuove siano diverse dalle vecchie. Non verrà fornito alcun indizio riguardo alle nuove regole.
La cosa migliore da fare è evitare situazioni conflittuali, passare il resto della giornata a letto, calmarsi.
O, se vi sembra noioso, potrei portarvi a fare una galoppata"
Nonostante l’avvertimento, io non mi sono messo a letto né sono andato al galoppatoio, ma neppure mi aspettavo che il romanzo, in pochissime battute, perdesse qualsiasi parvenza di unità e logica, disgregandosi in una miriade di rivoli narrativi, storie senza inizio e senza fine, senza consequenzialità, senza coerenza e senza logica, neanche la più folle.
I capitoli sono, per lo più, formati da pochissimi paragrafi e, in ognuno di essi, il nostro eroe si trova sbalzato in situazioni sempre diverse, sempre più folli e sconclusionate. Inoltre il racconto viene frammezzato e spezzettato ulteriormente da inserti dal sapore onirico quando non del tutto allucinato. In ogni singolo frammento è possibile trovare una potente frecciata a questo o a quel modo conformistico di intendere le cose o di fare letteratura, ma non si fa a tempo a entrare in sintonia con quei concetti che la scena cambia repentinamente, costringendo ad un continuo lavorio per adattarsi.
Alla fine per questo incessante vorticare di cose, fatti, concetti, osservazioni, visioni, pensieri, descrizioni, che girano attorno come in una giostra che ruoti a tutta velocità, tutto sfuma in un caleidoscopio di immagini e sensazioni e viene da chiedersi se ci si trova di fronte ad un vero parto di genio della letteratura o alla presa in giro più assoluta. Concludendo, questo romanzo o lo si odia totalmente o lo si ama alla follia (ed il termine non è casuale).
Ho deciso di accettarlo per quello che è e farmi trascinare nel suo vortice insano di irridente pazzia al punto da considerare con parziale disappunto la conclusione. In essa l'autore sembra voler cercare una spiegazione razionale alle pagine che precedono: tutto sommato, era meglio abbandonare il lettore nell'aura soffusa dell'allucinazione.

Una postilla. Quando s'è trattato di esprimere i voti sono rimasto indeciso: come quantificare stile, contenuto e piacevolezza quando non esiste contenuto (o sono infiniti?), lo stile muta da pagina a pagina mentre l'apprezzamento è frutto solo dell'abilità del lettore di adattarsi a questa narrazione psichedelica? Sia zero stelle che infinite stelle sarebbero state adeguate, ma contemporaneamente inappropriate. Ho deciso per un atto d'amore per Sheckley concedendogli il massimo qui consentito: in fondo il divertimento è stato assicurato, anche se nel modo più bizzarro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Non mi sento di consigliarlo in modo incondizionato. Tuttavia chi avesse la fortuna di trovare il volume (temo ormai sia di difficile reperibilità) e si sentiste sufficientemente attrezzato per affrontare una esperienza di lettura nuova, senza preconcetti, preclusioni o pretese, alla fine scoprirebbe che vale sicuramente la pena di leggerlo.
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La città dei vivi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri