Narrativa straniera Fantascienza Venere sulla conchiglia
 

Venere sulla conchiglia Venere sulla conchiglia

Venere sulla conchiglia

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

La trama e le recensioni di Venere sulla conchiglia, romanzo di Philip Jose Farmer edito da Mondadori. Da un capo all'altro della galassia in compagnia dell'Astronauta pazzo di Farmer: Venere sulla conchiglia è la più originale space opera della fantascienza, un romanzo di avventure il cui obbiettivo è Trovare la Verità in fondo all'universo. Costi quel che costi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Venere sulla conchiglia 2013-07-11 10:55:21 catcarlo
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
catcarlo Opinione inserita da catcarlo    11 Luglio, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Venere sulla conchiglia

Farmer scrisse questo libro in omaggio a Kurt Vonnegut, tanto che la prima edizione uscì a firma Kilgore Trout, l’immaginario scrittore di fantasceinza che compare qua e là nei romanzi dell’autore di ‘Mattatoio n. 5’. Vonnegut diede prima il suo assenso e poi si ritirò mentre il volume vendeva numerose copie: di questa marcia indietro non sono chiari i motivi, ma in essa bene si riflette l’ambivalenza di cui resta preda il lettore una volta girata l’ultima pagina. Farmer utilizza come canovaccio un accenno di trama presente in ‘Dio la benedica, Mr. Rosewater’ e da lì parte per una storia scanzonata in cui unisce le sue passioni – l’avventura fine a se stessa, l’essere immortale che scavalca le epoche, l’unione di forma popolare e cultura alta (il libro è pieno di citazioni quasi invisibili spiegate in una prefazione da leggere solo alla fine) – alle idee del suo scrittore di riferimento, tanto che qui ne raddoppia lo spunto immaginando le opere sia di un poeta, sia di un altro romanziere. Quest’ultimo serve anche per descrivere qualche aggiuntiva società aliena oltre a quelle che il protagonista Simon Wagstaff – in compagnia di un cane, una civetta e, per un bel tratto, di una fighissima robot - visita nella sua ricerca del senso della vita: la capacità dell’autore come ‘costruttore di mondi’ (tanto per parafrasare il titolo di un suo famoso ciclo) è indiscutibile e fonte di momenti di puro divertimento – come dimenticare il pianeta abitato da una razza i cui maschi sono una sorta di palloni aerostatici che si muovono a forza di peti? Altrove, però, l’ironia è assai più acre, specie quando si tratta di sbeffeggiare la religione e, soprattutto, il modo in cui essa si insinua nella sfera sociale e politica moltiplicandone l’ottusità: introduzione nel mondo chiuso della fantascienza di un argomento delicato, ma che ha sempre avuto un peso relativo perché l’interesse si è subito appuntato sull’altra grande novità, il sesso. Del resto il periodo in cui queste righe furono scritte era quello giusto, la prima metà degli anni Settanta, e così il buon Simon accompagna il suo vagare avendo rapporti con tutta una serie di svariate creature: letto con occhi odierni, il tutto risulta abbastanza casto, ma quarant’anni fa certe situazioni potevano essere percepite in modo diverso. Il problema è che questa sorta di mezza via finisce per valere riguardo all’intero romanzo, il quale diverte (a volte molto) e appassiona, specie se si amano i lunghi viaggi nello spazio, grazie anche a una scrittura leggera e brillante, ma non riesce mai davvero a incidere nel profondo. L’impressione è che le premesse – Vonnegut, il sesso, la religione – finiscano per creare un’attesa che Farmer non riesce a soddisfare in pieno: in ogni caso, il libro rimane una svelta e arguta lettura estiva rallegrata da alcuni passaggi davvero spassosi come il battibecco che, nella mente di Wagstaff, si svolge fra pittori di epoca diversa per la paternità della ‘Nascita di Venere’ (dipinto parafrasato nella copertina dell’edizione originale e, purtroppo, non riportata sul volumetto Urania Collezione introdotto da Valerio Evangelisti e acquistato dal sottoscritto per la modica cifra di un paio di euro).

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La donna da mangiare
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri