Narrativa straniera Gialli, Thriller, Horror Il ranch della Giumenta perduta
 

Il ranch della Giumenta perduta Il ranch della Giumenta perduta

Il ranch della Giumenta perduta

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Sullo sfondo le montagne dell'Arizona, che sembrano "racchiudere il mondo da tutti i lati"; in primo piano un uomo a cavallo. Oggi, 7 ottobre 1947, l'uomo a cavallo, John Evans detto Curly John, il rispettato proprietario del ranch della Giumenta perduta, compie sessantotto anni, ma in sella si tiene ancora ritto come quando ne aveva venti. C'è un punto della pista dove, ogni volta che ci passa, a Curly John sembra quasi di "provare il dolore di quel giorno": il giorno in cui, proprio lì, trentotto anni prima, ha ucciso Romero, il messicano che qualcuno aveva pagato per farlo fuori. Dopo, tutto è stato diverso: Andy, che Curly John sospetta di essere il mandante del tentato omicidio, è diventato per lui Valtro, "l'Innominabile". Ma il caso cambierà le carte in tavola. L'amicizia virile, la vendetta, il perdono; e le miniere, il deserto, i saloon e le case da gioco: gli elementi del buon western ci sono tutti.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il ranch della Giumenta perduta 2015-07-25 16:05:59 topodibiblioteca
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
topodibiblioteca Opinione inserita da topodibiblioteca    25 Luglio, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'importanza dell'amicizia

Nella lunga e prolifica carriera di Simenon poteva forse mancare un romanzo con un'ambientazione western? La risposta ovviamente è no. Ecco che in due e due quattro, durante il suo soggiorno americano del 1947 giustificato dalla necessità di “cambiare aria” e lasciare temporaneamente l'Europa viste le le errate accuse di collaborazionismo con i nazisti, nasce “Il ranch della giumenta perduta”. Come ampiamente noto Simenon è versatile ed eclettico, riesce a ricreare qualsiasi location con grande semplicità, pertanto quello che descrive ci appare assolutamente credibile e familiare: l'Arizona, i rancheros allevatori di cavalli, le miniere di rame, il gioco d'azzardo, le pistole e le imboscate. Proprio il tema del tradimento e delle imboscate sono alla base di questa storia che ha come presupposto la grande amicizia giovanile che unisce tra loro due ragazzi, Andy Spencer e Curly John, arrivati in Arizona per cercare fortuna. La fortuna sembra arrivare, i due fondano un ranch, ma all'improvviso una brutta vicenda, un tentativo di omicidio, poi fallito, da parte di un sicario nei confronti di Curly John crea un'insanabile frattura tra i due. Tutti gli indizi infatti parrebbero convergere verso Andy Spencer quale mandante. Curly John tronca qualsiasi rapporto con l'ormai ex amico, lo accusa di averlo voluto eliminare per impossessarsi della sua proprietà, l'astio ed il senso di tradimento continuano a roderlo dentro per anni ed anni, fino a quando una lettera ritrovata casualmente comincia a svelare retroscena inaspettati ed a cambiare le carte in tavola.

A mio avviso questa è una delle migliori storie di Simenon di sempre. Rispetto ai soliti standard infatti ho trovato un qualcosa in più. Oltre alla classica analisi introspettiva dei personaggi ed ai loro tormenti interiori, oltre alle debolezze umane spesso presenti nelle realtà di provincia così ben descritte, l'autore da fine conoscitore dei meccanismi del romanzo giallo-noir accompagna il lettore mostrandogli una realtà che progressivamente muta, facendo crollare, metaforicamente parlando, il terreno delle certezze consolidatesi negli anni nella mente del protagonista. Curly John a tratti sembra più un Maigret ed un Poirot, un detective indagatore piuttosto che un ranchero allevatore di cavalli.
Sopra a tutto infine, Simenon ci vuole comunicare il valore e l'importanza dell'amicizia che mai come in questo caso avvalora il famoso proverbio che ricorda come chi trova un amico trova un tesoro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Simenon
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
La legge del sognatore
Valutazione Utenti
 
3.3 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri