La lampada del diavolo La lampada del diavolo

La lampada del diavolo

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Londra, 1975. L’anziano poeta Francis McNulty sente avvicinarsi la fine dei suoi giorni ma il suo animo non trova pace, schiacciato da una colpa che non ha mai avuto il coraggio di confessare. Le ombre di un tradimento sotto le armi, durante la Guerra Civile spagnola, si allungano nella casa di Cleaver Square quando un’oscura presenza, con le fattezze del generale Francisco Franco, comincia a fargli visita. In alta uniforme, il contegno di un militare decaduto, l’apparizione perseguita Francis con i ricordi dei giorni drammatici di quarant’anni prima. Perseguitato dalle visioni e spronato dalle domande di un giovane reporter che sta scrivendo un pezzo su di lui, il vecchio poeta accetta l’invito della figlia ad accompagnarla in viaggio di nozze a Madrid, in cui vede finalmente l’occasione per affrontare i fantasmi del suo passato. Mentre nel palazzo reale si consuma l’agonia del Generalissimo, vittima e carnefice di un’epoca che si sta consumando, Francis torna nei luoghi della sua vergogna, in un viaggio liberatorio nel tempo, nei ricordi di famiglia, nei recessi della sua mente.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La lampada del diavolo 2021-09-18 20:36:02 Mian88
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    18 Settembre, 2021
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Francis e quella presenza

«Avevo la sensazione che stesse cercando di derubarmi di qualcosa, non di un tesoro prezioso, niente del genere, ma di un terrore assolutamente reale che avevo conosciuto da giovane in Spagna.»

Per Francis McNulty il passato non è mai diventato davvero passato. Siamo a Londra, luogo ove il poeta vive in compagnia della domestica di sempre in quel del 1975. Nella notte i suoi sogni sono sempre più irrequieti, ella stessa è preoccupata tanto da arrivare a contattare la figlia e la sorella dell’uomo. Quest’ultimo non prende positivamente la decisione di dover mettere su piazza i suoi affari e ancor meno di dover condividere quel che gli sta accadendo. Sono notti ormai che Lui appare al suo cospetto. E no, anche se sua figlia non gli crede, non sono solo visioni. Lui, il generale Francisco Franco, è tornato per ricordargli quella colpa che in realtà mai ha dimenticato e che dai tempi della Guerra Civile spagnola si porta dentro. Quella oscura presenza all’interno di Cleaver Square è sempre più opprimente, chiede di essere ascoltata e brama che venga affrontato quanto occorso ormai quarant’anni prima. Ecco allora che decide di accompagnare la figlia in viaggio di nozze a Madrid, un matrimonio che non pensava nemmeno si sarebbe mai celebrato. Qui non potrà tirarsi indietro, dovrà fare i conti con quegli scheletri che da troppo tempo lo attanagliano.
Narrato interamente da Francis stesso che ci trasporta in un viaggio che è prima di tutto un viaggio nella sua mente, “La lampada del diavolo” è un romanzo intriso di tutte quelle che sono le componenti proprie della penna di Patrick McGrath, autore noto al grande pubblico per opere di indiscusso valore, tra le quali, il celebre – ma non unico – “Follia”. Quello di McGrath è uno scritto che è prima di tutto un flusso di coscienza ma anche una resa dei conti con rimpianti, rimorsi e sensi di colpa. Questo suo essere un flusso di coscienza è al contempo un pregio e un difetto. Un pregio perché caratterizza l’io narrante, un difetto perché alla lunga è privo di mordente e cade nella non empatia. Le pagine scorrono ma il lettore, per quanto curioso, fatica a farsi completamente catturare. Viene dunque meno la componente emotiva che in un elaborato come questo sarebbe stata fondamentale.
In conclusione, un McGrath che conquista solo a metà e che lascia qualche perplessità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri