Lo sparo Lo sparo

Lo sparo

Letteratura straniera

Classificazione
Autore

Editore

Casa editrice

Una donna uccisa brutalmente con un colpo partito da lontano, una giudice della Corte suprema trovata impiccata e un politico morto in circostanze misteriose. Stavolta, per scoprire la verità, Selma Falck dovrà farsi largo tra abusi di potere, tragedie personali e un'infinità di bugie. A una festa tra vecchi amici Selma Falck viene ferita da un cecchino e la sua migliore amica, la parlamentare Linda Bruseth, viene uccisa. La polizia è convinta che l'obiettivo principale fosse proprio l'avvocata, ma dopo il ritrovamento del cadavere di un secondo membro del parlamento e di una giudice della Corte suprema, Selma comincia a intravedere una trama oscura fatta di vendette, complotti e una feroce premeditazione nella scelta delle vittime. Mentre si propone di vendicare la morte dell'amica e scoprire la verità dietro la cospirazione, la sua stessa vita, ancora una volta, è seriamente minacciata. In questo caso, però, il pericolo potrebbe essere piú vicino di quanto avrebbe mai immaginato.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Lo sparo 2022-09-07 12:29:08 cesare giardini
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    07 Settembre, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sulla tutela dei minori in Norvegia.

Ci si immagina la Norvegia come un classico paese “perfetto”, dove tutto funziona correttamente, i diritti civili sono rispettati, la criminalità non segna pesantemente la vita d’ogni giorno, tutti vivono nel rispetto reciproco e nell’osservanza responsabile di leggi e regolamenti. Anne Holt, scrittrice, avvocato, ministro norvegese della Giustizia negli anni 1996/97, ci mostra in questo terzo romanzo della serie riguardante le indagini dell’investigatrice privata ed ex avvocato Selma Falck che non è proprio così, e che anche la Norvegia ha le sue pecche, i suoi lati oscuri, e che nelle cosiddette alte sfere non tutto appare limpido e incorrotto. Il romanzo inizia con un prologo ( siamo nel 2010), nel quale viene raccontato l’episodio di una povera donna che ospita uno sconosciuto, gay, e, dietro compenso, gli propone un rapporto come ultima possibilità per rimanere incinta, rapporto che lui, a modo suo, accetta scomparendo subito dopo. La narrazione vera e propria inizia nove anni dopo. Siamo ad Oslo, nel 2019, la protagonista Selma Falck, seduta al bar in compagnia di una parlamentare è ferita da una pallottola che colpisce a morte l’amica. Il dubbio che l’assassino abbia voluto colpire lei la tormenta, anche perché vive sola, soffre di crisi di panico e, per di più, si accorge che qualcuno ha forzato la serratura del suo appartamento, lasciando strane tracce. Selma, impaurita, inizia ad indagare, passando in rassegna uomini che l’avevano in passato molestata, avvalendosi anche dell’aiuto di un ex poliziotto, di un vecchio cliente che installa nella casa microspie e telecamere nascoste e di un giornalista amico, incaricato di decifrare documenti segreti e compromettenti che fanno intuire che anche in Norvegia i tempi stanno cambiando e che certi diritti umani, riguardanti soprattutto la tutela dei minori ed i servizi sociali, sono cinicamente calpestati. La trama si complica quando vengono alla luce altri due delitti: un importante giudice viene trovato impiccato in un bosco (la messa in scena è di un suicidio) ed il ministro dell’infanzia e della famiglia muore in modo straziante ferito da un miniproiettile contenente un potentissimo veleno, la ricina. L’assassino ha così colpito i tre principali poteri dello Stato: quello legislativo (la parlamentare), l’esecutivo (il ministro) ed il giudiziario (il giudice). E’ compito di Selma e della polizia indagare per districare la matassa, ovviamente tra ostacoli, depistaggi di ogni genere e documenti falsificati, ma alla fine il misterioso assassino viene alla luce e bloccato, proprio mentre sta per eliminare Selma, un ostacolo scomodo alle sue mire.
Il colpevole è collegabile al prologo, e, nel romanzo, riveste un ruolo importante, non suscitando mai sospetti: la sua è una sorta di vendetta contro lo Stato, reo di aver sottratto un minore ai nonni adottivi, affidatari ma privi in effetti di diritti, una vendetta contro un atteggiamento autoritario riguardante la tutela dell’infanzia e delle famiglie di fatto. Ewa, la nonna defraudata, conferma a Selma che “il sistema norvegese è stato costruito partendo da un atteggiamento di forte realismo, il che è molto positivo: non deve però mai trasformarsi in cinismo”. Quel cinismo che ha indotto l’assassino a compiere i suoi delitti.
Le malefatte sono ormai di dominio pubblico, Selma è soddisfatta e si riconcilia con figlia e nipotino (che si erano allontanati da lei temendo coinvolgimenti pericolosi), ma non tutto sembra cambiare per il meglio: un gelido e sinistro capo della sicurezza incontra Selma e la mette in guardia dall’indagare in certe carte segrete e su certi apparati dello Stato.
Anne Holt ha indubbiamente scritto un bel romanzo, interessante e coinvolgente, mettendo in luce lati oscuri di alcuni importanti servizi sociali: soprattutto nel sistema di tutela dell’infanzia molti sono gli aspetti positivi ma alcuni sono quanto meno assai discutibili. Lo stile è stringato e incisivo, anche se a tratti indulge ad approfondimenti che poco hanno a che fare con il racconto. Certe divagazioni sulla vita passata di Selma rallentano il ritmo narrativo, così pure la descrizione di minuziose indagini informatiche difficili da comprendere per i non specialisti.
Il giudizio complessivo è comunque positivo: la figura di Selma, il suo carattere difficile, la sua caparbietà nella ricerca della verità, le sue paure e le sue crisi fanno della protagonista un personaggio variegato difficilmente dimenticabile dal punto di vista professionale e soprattutto umano. Particolarmente toccante il suo rapporto affettivo con il nipotino, rivisto dopo mesi di forzata lontananza: e Selma “avvertì un guizzo di calore e di felicità, al pensiero che adesso era tutto finito e che la vita era di nuovo sicura”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri romanzi di Anne Holt, soprattutto quelli della serie Selma Falck.
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lo sparo 2022-08-29 13:27:13 Mian88
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    29 Agosto, 2022
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una nuova indagine per Selma

Selma Falck, personaggio nato dalla penna di Anne Holt e conosciuto in prima istanza ne “La pista. La prima indagine di Selma Falck”, torna a colorare le pagine delle opere della scrittrice. Come noto la Holt è stata anche Ministro della Giustizia Norvegese prima che scrittrice di gialli del filone scandinavo. È una personalità molto attenta a quelle che sono le tematiche attuali e dunque non stupisce il fatto che nelle sue stesure vi sia sempre una componente di queste. Tratto comune che talvolta prevarica anche sull’aspetto giallo è il caratterizzarle in modo tale da renderle fotografie di cronaca attuale e costante. Ne “La pista”, infatti, abbiamo conosciuto la protagonista, scoperto un primo spaccato di realtà norvegese, fatto i conti con un mondo molto poco concreto e coerente ma anche ben poco cristallino quanto fatto di falsità, inganni e corruzione. Ne “La tormenta”, invece, ad essere oggetto di problematica prevalente era la svolta conservatrice norvegese con annesse organizzazioni paramilitari reazionarie che minavano al perseguimento delle piste democratiche. Ne “Lo sparo” ad essere trattata e affrontata è la problematica degli affidi e delle adozioni.
Selma Falck è chiamata ancora a investigare. Questa volta, oggetto del suo agire e investigare, è dettato da un omicidio che la vede coinvolta in prima persona in quanto un assassino misterioso uccide una sua cara amica, la parlamentare Linda Bruseth. Nel compiere siffatto atto delittuoso viene colpita e ferita la stessa Selma. Che obiettivo principale dell’omicidio non fosse la Bruseth quanto la Falck? Questo verrebbe da pensare se non fosse che altri due morti brutali si susseguono a questa prima occorsa. A dare una mano a Selma vi sarà l’amico giornalista Lars nonché l’ispettore Fredrik Smedstuen.
Nuovamente ci troviamo davanti a un titolo molto particolare e con un personaggio altrettanto eclettico quanto contradditorio. La Falck è una madre anaffettiva, una donna giocatrice d’azzardo, un’amica premurosa ma anche una nonna affettuosa. Sono proprio i suoi vizi ad averla costretta ad abbandonare la precedente carriera; venuti a galla, non poteva più ometterli al giudizio e al contesto sociale in cui era radicata. Il paradosso del personaggio è evidenziato altresì dalla, invece, profonda empatia ed emotività dei personaggi maschili, quali Lars che antepone i doveri di padre a quelli di professionista o, ancora, l’ispettore Fredrik, che da depresso a causa del divorzio, ritrova la forza di ripartire e ricominciare.
Lo scritto scorre abbastanza rapidamente tra le mani del lettore. Non conquista tanto per lo stile che si presenta fluente ma nella norma. Non particolarmente accattivante o capace di trattenere. La caratteristica principale che ne delinea la forza è data dalla caratterizzazione della società e dallo spaccato che descrive. Si evince di trovarsi davanti a un Paese orgoglioso di se stesso, della propria democrazia, di quelle che sono state le conquiste sociali, con un profondo senso di collettività ma che al tempo stesso non è esente da criticità e pecche quali la corruzione, una burocrazia sempre maggiore e ottusa, un popolo incapace di reagire davvero davanti alla spinta e progressione nazista in modo sempre più aggressivo e cruento. Questo aspetto prevale sulla parte gialla e non fa solo da sfondo.
Accompagna i fatti, conduce sino alla risoluzione del mistero ma non sempre riesce a dar il giusto vigore all’arcano. Il lettore è sì affascinato dallo scritto, dall’enigma e dal caso da risolvere; tuttavia, l’intreccio si presenta più debole e trattiene meno. Incuriosisce e prevale il panorama descritto che offre al conoscitore un aspetto da assaporare e conoscere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Flashback
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale dell'oblio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il lampadario
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Carne e sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Agatha Raisin. Campane a morto
Il caso Agatha Christie
Trappola di sangue
Brave ragazze, cattivo sangue
Il verdetto
Ci vediamo stanotte
Quel che la marea nasconde
Il caso della sorella scomparsa
La ragazza di neve
L'abito da sposo
Bersaglio. Alex Cross
La congiura dei suicidi
Il club delle vacche grasse
Il regno di vetro
In silenzio si uccide
Gli eredi di Stonehenge