Solitude Creek Solitude Creek

Solitude Creek

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Al Solitude Creek sta per iniziare un concerto rock. Le luci si abbassano, la batteria dà il tempo. Un paio di canzoni, e qualcosa non va. Nel piccolo locale affollato si addensa del fumo, e non c’è tempo di chiedersi cosa stia succedendo. Non tutti ne usciranno vivi. Siamo a Monterey, nella calda California centrale affacciata sull’oceano: l’assassino indossa gemelli Tiffany e scarpe Vuitton, è millimetrico nella sua ossessione. Sceglie un luogo, pianifica nei dettagli l’attacco, si apposta e guarda. Ecco il nuovo caso del detective Kathryn Dance: una letale partita a scacchi che non consente la minima distrazione. Un meccanismo perfetto costruito su svolte improvvise e colpi di scena ben congegnati, nel quale Dance si muove con il solito intuito per giungere alle verità più nascoste.



Recensione della Redazione QLibri

 
Solitude Creek 2015-07-14 18:48:26 Valerio91
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    14 Luglio, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un killer, altrimenti detto Panico

Jeffery Deaver non si smentisce mai. Delle volte mi sono chiesto: "il caro Jeffery non starà diventando un po' troppo prolifico? Sforna un libro ogni tre mesi!".
Temevo che per incrementare le vendite, facendo uscire tantissimi libri, la qualità delle sue opere sarebbe scesa vertiginosamente. Sono stato stroncato brutalmente, questo autore (che io già stimavo tantissimo), si è mantenuto all'altezza dei suoi standard anche con "Solitude Creek".
Stile perfetto per un thriller, senza la minima sbavatura, con un intreccio che ingloba in un'unica storia almeno tre o quattro vicende parallele, tutte interessanti e ben portate avanti da un autore che per me è ormai il maestro del thriller.

Protagonista il detective Kathryn Dance, uno dei personaggi di punta di Deaver, che stavolta deve vedersela con un "sosco" davvero fuori dai canoni. Un vero e proprio psicopatico.
Tutto inizia in un pub dove va in scena musica dal vivo: il "Solitude Creek", che sorge su un'omonima baia.
Che cosa serve a mandare una folla nel panico? Fatevelo raccontare dalla storia; la strage durante l'incontro Liverpool - Nottingham ne è un esempio lampante. Basta un nonnulla, una futile paura infondata, e una folla festante può trasformarsi tutto a un tratto in un essere autodistruttivo e feroce. Un'entità inarrestabile alla disperata ricerca della sopravvivenza. E cosa accadrebbe se vi ritrovaste di fronte a un uomo che è un maestro nel creare il panico, e lo fa per puro sadismo e soddisfazione?
E' questo che si trova ad affrontare la nostra detective, è questo che accade al Solitude Creek, basta un incendio fasullo e un panico innescato ad arte a portare gli uomini a calpestarsi l'un l'altro, a uccidere sull'onda della disperazione, per salvarsi. Su questo e tanto altro si baserà questo eccellente thriller, che si è rivelato un mix di azione, ingegno e suspense, carico di colpi di scena inaspettati. Una perfetta unione di thriller e poliziesco, con una punta sentimentale che non guasta mai, il tutto intrecciato da quel maestro che è Deaver.

"Non passa. Mai. E non dovrebbe. Dovremmo sempre sentire la mancanza di certe persone che hanno fatto parte della nostra vita. Ma ci saranno delle isole, sempre più numerose. [...] Isole di tempo in cui sei felice, in cui non pensi alla perdita. Adesso è come se il tuo mondo fosse sott'acqua. Tutto quanto. Ma l'acqua scende e l'isola emerge. L'acqua ci sarà sempre, ma troverai ancora della terraferma."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Deaver.
Connelly.
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (4)
Contenuto 
 
3.0  (4)
Piacevolezza 
 
3.5  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Solitude Creek 2016-11-10 14:19:19 cuspide84
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
cuspide84 Opinione inserita da cuspide84    10 Novembre, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

SOLITUDE CREEK


Un concerto, una moltitudine di persone. Del fumo, il panico, la ressa. Morti e feriti.

Una tragedia? Un attentato? Un piano premeditato nei minimi dettagli?

Dopo poco lo schema si ripete: folla, evento scatenante ansia generale, mandria di persone che diventano un unico grande sciame che travolge tutto e tutti. Risultato? Sempre lo stesso: morti e feriti.

Ma chi si diverte a creare il panico? Uno psicopatico? Un killer?

E' Kathryn Dance l'agente chiamata a far luce su questi casi; sarà lei a dover trovare il responsabile di queste tragedie, giostrandosi tra vita professionale e vita privata, la seconda non meno complicata della prima.

Jeffery Deaver non ha bisogno di presentazioni; i suoi thriller sono un susseguirsi di colpi di scena e suspence, con protagonisti carismatici e particolari, ma.... ma questo libro nello specifico non mi ha colpito positivamente. Parte molto lento, è molto descrittivo e spesso si perde in dettagli futili.... dopo ben duecento pagine inizia ad essere interessante e ci si ritrova nei ritmi serrati a cui Deaver ci ha abituati; nel complesso però il risultato finale è poco soddisfacente e al di sotto delle aspettative.
Un vero peccato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Solitude Creek 2016-03-22 04:07:04 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    22 Marzo, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La sua arma è la paura

Al Solitude Creek di Jeffery Deaver si consuma una strage, causata più dal panico che dall’insano regista che ha simulato un incendio per diffondere il terrore tra i presenti.

L’eroina di Deaver, Kathryn Dance, qui agisce disarmata (“Niente pistola?”) per smascherare il folle (“… un soggetto sconosciuto, cioè, in gergo poliziesco, un sosco”) che sembra nutrire una passione patologica (“La sua arma è la paura”) che lo induce a scatenare fenomeni di paura collettiva (“Quando la folla prende il sopravvento. Diventi la cellula impotente di una creatura il cui unico scopo è sopravvivere”) in luoghi chiusi (“Enormi ascensori da ospedale erano un luogo perfetto per il gioco del panico”).
Purtroppo, la cronaca reale è ricca di precedenti simili…
In modalità molto americana, la trama porta a ricondurre tutto nelle trame della vittoria del bene sul male, ma la rappresentazione di quest’ultimo è sin troppo estesa e particolareggiata.

Completano il quadro l’indagine parallela su un’organizzazione malavitosa, le traversie dei figli adolescenti di Kathryn Dance, le vicissitudini amorose dell’investigatrice stretta tra due fuochi: ONeal, il collega di avventure poliziesche, e Jon Boling, un affascinante cyber-professore.

Giudizio finale: azionista, belligerante, mastodontico.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
Solitude Creek 2015-09-25 06:25:38 cosimociraci
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
cosimociraci Opinione inserita da cosimociraci    25 Settembre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Avete paura di leggere un libro?

"La paura governa il genere umano. Il suo è il più vasto dei domini. Ti fa sbiancare come una candela. Ti spacca gli occhi in due. Non c’è nulla nel creato più abbondante della paura. Come forza modellatrice è seconda solo alla natura stessa".
Con questa frase, il premio Nobel Saul Bellow, da forma e consistenza al concetto astratto della paura. Nello stesso modo Jeffery Deaver riesce a far vivere la paura in modo magistrale scalando sempre più la mia classifica personale di autori di thriller.

Il romanzo giusto per riprendermi dal torpore del cielo plumbeo del Nord che magicamente è coinciso con il rientro delle ferie.
Ho trovato il romanzo ben strutturato così come mi aspettavo ma non per questo banale e scontato, anzi non è privo di suspense e di colpi di scena. Basti pensare al gioco di percezioni che porta la vittima all'uccisione di se stessa per capire quanto c'è dietro a Deaver che dopo The October List pensavo non potesse più stupirmi.

Naturalmente non aggiungo nulla nella trama quando chi mi ha preceduto l'ha già fatto abilmente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Solitude Creek 2015-09-22 16:18:30 cesare giardini
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    22 Settembre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Kathryn Dance a caccia di un killer speciale

Una nuova indagine di Kathryn Dance, la coraggiosa e spericolata protagonista di una delle due serie di gialli che hanno fatto la fortuna di Jeffery Deaver (l’altra serie è quella di Lincoln Rhime e di Amelia Sachs, pur citati di sfuggita ). La nostra detective, sempre più determinata, è alle prese con un killer speciale, fuori dai consueti canoni, che procura con estrema abilità stragi in luoghi affollati, rivendendo poi i particolari più agghiaccianti a clienti sadici e facoltosi. La Dance, esperta in cinesica (l’arte di studiare negli interrogatori la postura ed i movimenti degli indagati), non è in grado però di individuare la colpevolezza in un trafficante di droga (non sempre la cinesica dà buoni risultati !), che si dilegua e prosegue nella sua attività delittuosa : per questo la detective viene degradata, ma si rifarà alla grande contribuendo a catturare il serial killer e smascherando, in un’indagine collaterale su trafficanti di droga, un poliziotto complice del malaffare. Il romanzo è piacevole, riserva colpi di scena come di consueto e ci rivela una protagonista più vulnerabile, alle prese con complicate vicende familiari. Kathryn, che è vedova ed ha due figli, convive con un collega, ma non dimentica un vecchio spasimante, che finirà per tornare a galla rimettendo ordine nella vita sentimentale della bella poliziotta : questo aspetto della vita della protagonista è trattato con mano felice dall’autore, che si dilunga, senza però annoiare il lettore, sulle vicende private di Kathryn, senza trascurare certe avventure del figlio Wes che sembrano minare la solidità della solita bella famiglia americana. L’autore non manca inoltre di mettere in guardia contro ceri videogiochi troppo realistici, con scene di violenza oltre ogni limite, e contro compagnie pericolose e fuorvianti : si intuisce, più che la volontà di esibire intenzioni moraleggianti, l’invito a tenere semplicemente gli occhi aperti, facendo valere, nel caso della brava Dance, il peso dell’esperienza di una vita vissuta nella lotta al crimine. In conclusione, la trama è ben congegnata, è assicurata la tensione emotiva, la lettura è senz’altro consigliabile agli amanti del genere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I romanzi di Jeffery Deaver
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le ossa parlano
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Annientare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri