Narrativa straniera Romanzi erotici I fiori splendenti nell'abbraccio degli amanti
 

I fiori splendenti nell'abbraccio degli amanti I fiori splendenti nell'abbraccio degli amanti

I fiori splendenti nell'abbraccio degli amanti

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Poco si sa di 'Ali al-Baghdadì, l'autore dei Fiori splendenti: visse al Cairo nell'epoca in cui l'Egitto era governato da sovrani turchi mamelucchi, fu testimone della peste del Cairo nel 1348; era benvoluto a corte, nonostante contasse anche parecchi nemici, forse a causa della sua arguzia e abilità di narratore. Come dignitario della scorta del sultano, ebbe modo, durante i lunghi viaggi di ispezione nelle sue terre, di raccogliere aneddoti da inserire nella sua opera. Certo, visse in un'epoca di grandi rivolgimenti, i Mongoli da una parte e il mondo cristiano dall'altra a minacciare il vasto impero dell'Islam. Al- Baghdadi ha portato nei suoi racconti il fermento e il brulicare di personaggi diversi che si incontrano in una grande città in piena espansione, descrivendoli con straordinaria efficacia. Il filo delle avventure narrate da questo Boccaccio arabo sono i trucchi messi in opera ai danni di mariti fin troppo ingenui da mogli molto smaliziate, decise a conquistarsi la loro libertà. Indimenticabili, fra i vari episodi tutti gustosissimi, quello in cui il marito è costretto ad assistere alle prodezze erotiche della moglie e del suo amante, e quello, quasi surreale, in cui i due amanti, per giocare il povero marito, fanno addirittura murare le porte e le finestre della sua casa, provocando nella vittima una crisi d'identità che costituisce lo spasso della folla variopinta che popola le strade della città. In questa guerra dei sessi il nostro autore, nonostante le frequenti invocazioni stupefatte ad Allah, simpatizza apertamente con la donna, che grazie alla sua invettiva e prontezza di riflessi esca sempre vincitrice anche dalle situazioni più scabrose. E' il trionfo della creatività, e l'uomo, il marito, non può che rassegnarsi a soccombere.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I fiori splendenti nell'abbraccio degli amanti 2017-11-24 14:54:28 Laura V.
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Laura V. Opinione inserita da Laura V.    24 Novembre, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Erotismo arabo… da ridere!

Chissà che reazione avrebbero di fronte a libri come questo i bacchettoni e i fanatici dell’Islam…
Nella migliore delle ipotesi, il rogo sarebbe la loro risposta a queste pagine; nella peggiore, tra le fiamme finirebbero pure gli incauti lettori. Fortuna che la feconda, multiforme e tollerante cultura islamica del passato, a dispetto della barbarie odierna, ha prodotto gioielli come “I fiori splendenti”, un’opera considerata un capolavoro della letteratura erotica araba.
La firma è quella di ‘Alî al-Baghdâdî (nessuna parentela con il sanguinario “califfo” dell’Isis), un autore arabo del XIV secolo probabilmente di origine irachena, come s’ipotizza dal nome, il quale visse per lungo tempo in Egitto, alla corte mamelucca del Cairo.
Mi sono regalata di recente – a distanza di un paio d’anni – una rilettura di questo libro, nel quale mi imbattei per puro caso mentre curiosavo in una vecchia libreria di titoli ormai fuori catalogo. Si tratta di una raccolta di oltre venti racconti: piccole storie raccontate con garbo, ironia e comicità, e anche con una buona dose di sana sfacciataggine che però non sfocia mai in volgarità gratuita, sebbene il linguaggio sia schietto e tutt’altro che censurato. L’oggetto del raccontare, elaborato sulla base di aneddoti raccolti dall’autore stesso forse a corte o durante i viaggi al seguito del sultano, è presto detto: il vivace, anzi vivacissimo ingegno delle donne.
“[…] un libro in cui raccogliere, per quanto sia possibile, le facezie, le burle, i giochi proibiti e le scene di sregolatezza, in modo da illuminare la fondatezza e il buon senso dei proverbi popolari, mostrando come tali creature possano cavarsela con risposte tanto pronte quanto appropriate”, scrive nella sua prefazione ‘Alî al-Baghdâdî, il cui intento, aggiunge, è quello di mettere allegria in chi legge e allontanarne così i crucci dell’esistenza. Non se ne dubiti, poiché si rischia per davvero di sorridere e ridere di gusto a ogni angolo di queste pagine ricche di quelle particolari atmosfere dell’Oriente che fu. Spassosissimi alcuni quadretti coniugali, non da meno quelli extraconiugali, dove mariti e amanti, puntualmente in odore di corna, fanno infine la figura dei poveri fessi dinanzi all’astuzie e alle trovate geniali delle loro compagne per mettere in atto e poi nascondere le proprie tresche: in certi casi, non soltanto traditi, ma addirittura felici di esserlo… Gli incontri sessuali vengono descritti con dovizia di particolari, ma, come detto, non c’è alcun intento volgare e il libro si propone come letteratura d’evasione.
Sebbene a più riprese, nel corso della narrazione, venga invocata l’infinita misericordia di Allah per non incappare nella ridicolaggine di simili situazioni, l’opera appare come un indiscutibile riconoscimento all’intelligenza e al valore delle donne, decisamente più scaltre degli uomini, quantunque confinate all’ambiente domestico. E la tanto temuta misoginia araba? In verità, qui non se ne trova traccia, così come viene scardinato d’un colpo l’ormai abusato stereotipo della donna musulmana sottomessa e priva di personalità: le rappresentanti della categoria in questione, protagoniste indiscusse in questo giardino dai fiori splendenti, sanno bene cosa vogliono e, soprattutto, come ottenerlo!
Una bella e divertente lettura che consiglio a chi voglia semplicemente farsi quattro risate, a chi sia curioso di leggere qualcosa di arabo, a chi abbia altrettanta curiosità di vedere un po’ più da vicino l’Islam per capire se esso sia veramente così tetro come le cronache del nostro tempo spesso ce lo raccontano.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Odio volare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il detective selvaggio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero degli Inca
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Instinct
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Marie la strabica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una perfetta bugia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La bella sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il confine
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tempo dell'ipocrisia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La maledizione delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'eredità di Mrs Westaway
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri