Cigni selvatici Cigni selvatici

Cigni selvatici

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La storia vera di "Tre figlie della Cina": l'autrice, sua madre, sua nonna, le cui vite e le cui sorti rispecchiano un tumultuoso secolo di storia cinese, un'epoca di rivoluzioni, di tragedie e di speranze. Dal 1909, quando nasce la nonna di Jung Chang e la Cina è ancora una società feudale, al 1932, che vede, sotto l'occupazione giapponese, la nascita della madre, fino agli anni '60 quando tocca a Jung Chang il compito di vivere, riflettere e sopportare la realtà del Paese.


Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.1
Stile 
 
3.0  (3)
Contenuto 
 
4.7  (3)
Piacevolezza 
 
2.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Cigni selvatici 2020-05-22 08:16:41 oscar
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
2.0
oscar Opinione inserita da oscar    22 Mag, 2020
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Si poteva fare meglio............

Si tratta di un romanzo che affronta un argomento piuttosto interessante, la storia della Cina dall’inizio del secolo sino al 1975. Il libro intreccia le vicende di tre generazioni di donne con la storia del popolo cinese ai tempi di Mao. L’autrice ha un approccio ferocemente critico verso le politiche sociali del regime comunista della repubblica popolare dal “Grande balzo in avanti” alla “rivoluzione culturale”, ponendo l’accento sui misfatti e sulle ingenti perdite di vite umane causate dall’atteggiamento perennemente conflittuale del leader che è stato padre padrone della Cina dal 1949 sino alla sua morte. La prima parte del romanzo ambientata nella Manciuria durante il periodo dell’occupazione giapponese descrive la pratica della fasciatura dei piedi, che mette i brividi soltanto ad immaginarla…………..
Purtroppo, ahime, lo stile non è all’altezza dell’argomento trattato; povero, ridondante in molti punti, e per lunghi tratti noioso. Come ha scritto qualcun altro, vi è uno squilibrio importante tra il contenuto e la forma, per cui la valutazione globale non può essere positiva.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cigni selvatici 2020-04-28 07:26:34 C.U.B.
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
2.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    28 Aprile, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'insostenibile peso di un volume

“Gigli dorati di otto centimetri”
Ha solo due anni e piange convulsamente mentre con delle pietre le rompono le ossa dei piedini. Verranno fasciati stretti e continuerà a strillare quando il dolore non le darà tregua, quando le unghie lunghe le lacereranno la carne, quando l’odore sgradevole le impregnerà le narici. La madre si volta e non cede alla disperazione della sua bambina, ritiene di avere scelto per il suo bene. I piccoli piedi deformi sono ritenuti sensuali dagli uomini e questo le garantirà un buon futuro.

“La sofferenza farà di te un comunista migliore”
Tre donne, tre cigni selvatici che si trasmettono il nome di generazione in generazione, raccontandoci un secolo di storia attraverso i ricordi e la testimonianza di una nonna e una madre e una figlia sezionando una mastodontica saga familiare.
Il contenuto del libro è oggettivamente molto interessante e Jung Chang non si risparmia su alcun dettaglio. Usi e costumi, povertà, privazioni, tradizioni, prigionia, campi di lavoro, indottrinamento, minuziosa è la descrizione di qualsiasi sfondo, stia Chang concentrandosi sugli interni, sugli esterni, sulla condizione politica o sociale.
La grande lacuna di quest’opera è da collocarsi a mio avviso nella penna.
Più che sobrio lo stile ha il ritmo della peggiore didattica. La sensazione e’ quella di interagire con un autore che narri ininterrottamente con lo stesso tono piatto dando le spalle al lettore, fissando piuttosto un muro bianco privo di cornici.
Accettabile sul breve, visto il valore intrinseco, su seicento e più pagine fittissime il procedere diviene snervante e gia’ dalla seconda metà del volume – tra maoismo e rivoluzione culturale – ho mio malgrado cominciato a trascinarmi tra le pagine esausta ed esangue.

“Ti prego di accettare le mie scuse, che arrivano con una vita di ritardo”
Senz’altro un documento storico importante che invito a leggere, consci che vi state approcciando ad una saggistica impegnativa poiché molto poco invitante nella forma.

Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cigni selvatici 2015-06-18 11:47:47 LaClo
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
LaClo Opinione inserita da LaClo    18 Giugno, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La verità sulla Cina

Un libro che è stato vietato in Cina per le verità scomode che contiene al suo interno. Attraverso una sorta di saga familiare l'autrice mostra un percorso della cultura e soprattutto della storia cinese che assume tratti vividi e non rimane solo una pagina di storia con date ed eventi. Mediante la storia della nonna si dell'autrice il lettore viene a conoscenza della delicata condizione femminile dell'epoca e della barbara abitudine della fasciatura dei piedi, degli infiniti rituali tra le varie mogli e concubine in una grande famiglia cinese. La parte più consistente del racconto è sicuramente quella della Cina comunista sotto il governo di Mao Zedong. Tale periodo viene tratteggiato mediante la storia della madre e in seguito della stessa protagonista. Qui emerge tutta la brutalità di un regime che avrebbe dovuto migliorare la vita dei cittadini ma che ha portato a situazioni paradossali e a proibizioni ridicole.
L'autrice è molto abile nell'unire vicende personali alla storia cinese che viene svelata senza mezzi termini. Il libro diventa quindi anche un importante fonte storica perché rivela situazioni che anche i media hanno preferito evitare. Lo stile è molto chiaro, a tratti autobiografico e tratti molto scientifico nel portare alla luce eventi e date, l'autrice mantiene sempre un tono molto distaccato anche mentre parla di situazioni brutali che la riguardano da vicino, le violenze che si dipanavano di fronte ai suoi occhi di bambina, ragazza e infine donna.
In conclusione l'ho trovato un romanzo veramente sconvolgente, che unisce sapientemente tematiche storiche, personali e analizza la difficile condizione della donna dall'epoca in cui i canoni di bellezza femminile erano uniti alla sopportazione del dolore, al periodo comunista in cui la femminilità veniva negata mediante imposizioni al limite del ridicolo. Quindi, tale cambiamento diventa un nuovo spunto per l'autrice per analizzare anche la confusione psicologica delle donne, la negazione di qualsiasi forma d'affetto verso i parenti, i figli e i genitori che doveva sempre essere subordinato alla fedeltà verso lo Stato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il senso della mia vita
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La locanda del Gatto nero
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La pista. La prima indagine di Selma Falck
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo scarafaggio
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Se scorre il sangue
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Il copista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dove crollano i sogni
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cerchi nell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La natura è innocente
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Olive, ancora lei
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Lo splendore del niente e altre storie
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri