Narrativa straniera Romanzi storici Il codice dello scorpione
 

Il codice dello scorpione Il codice dello scorpione

Il codice dello scorpione

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Nell'autunno spagnolo del 1936, a pochi mesi dall'inizio della guerra civile, la linea di confine che separa gli amici dai nemici è insidiosa e sottile. Ma Lorenzo Falcó, trentasette anni, animo scaltro e scuro e una passione dichiarata per le donne, i bei vestiti e le scarpe di vernice, non ha ideali alti né posizioni da prendere: ex trafficante di armi, avventuriero senza scrupoli, di lavoro fa la spia e si limita a eseguire gli ordini. Con freddezza, precisione. La nuova «faccenda» che lo vede coinvolto, così come la chiama il suo capo, alias l'Ammiraglio, responsabile del nucleo duro dello spionaggio franchista, è tenere le fila di una missione che potrebbe cambiare il corso della storia del Paese. Questa, infatti, è un'Europa turbolenta, questi sono tempi opachi e infiammati; perdere la vita o tradire, per un'idea o per molto meno, non è un'anomalia. Ad Alicante lo aspettano un uomo e due donne, che Falcó non conosce: saranno i suoi compagni di missione, o forse le sue vittime. Violenza, suspense, sogni macchiati di sangue, scontri di potere e un senso malato della lealtà: Pérez-Reverte si muove con maestria tra le ambizioni più nere degli uomini su uno sfondo che intreccia verità storica e finzione.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il codice dello scorpione 2023-01-11 11:59:08 FrancoAntonio
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    11 Gennaio, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I dubbi dello scorpione

Nel novembre 1936 la Guerra civile spagnola infiamma il Paese ormai da quattro mesi ed entrambe le fazioni hanno già dato prova della loro brutalità con la feroce repressione posta in atto contro chi non è allineato alle rispettive idee politiche.
Lorenzo Falcò, in questo scontro senza pietà, è un semplice mercenario. Milita nelle file del Generalissimo Francisco Franco solo perché il suo capo, l’Ammiraglio, che, cinque anni prima, l’aveva reclutato nelle file dei servizi segreti della Marina spagnola (lo SNIO: Servicio Nacional de Infomaciones y Operaciones), si è schierato con la fazione “nazionalista”. Tuttavia Falcò non ha ideali, non ha una causa per cui combattere, osserva in modo obiettivo (e se del caso critico) l’evolversi della situazione. Si gode i privilegi di una vita adrenalinica che gli permette lussi negati al resto della popolazione e, in cambio, la mette in gioco ogni volta spiando, trafficando e, se necessario, uccidendo su commissione, ma restando sempre nell’ombra, nell’anonimato. È un bell’uomo, gli piacciono gli abiti di lusso, la vita nei grandi alberghi, le belle donne (nessuna resiste al suo fascino!), le bevande costose e le sigarette d’importazione, ma quando c’è da agire lo fa in modo professionale e scrupoloso, non lasciando nulla al caso, obbedendo agli ordini, per quanto schifosi essi siano, senza contestare, senza risparmiarsi, ma agendo come uno scorpione: osservare con calma, pungere veloce e ritirarsi ancor più rapidamente.
L’ultima missione che gli è stata affidata dall’Ammiraglio, però, lo costringerà a uscire allo scoperto, contrariamente alle sue metodiche e, forse, a rivedere i suoi punti di riferimento. Dovrà andare a Alicante, nella zona “rossa” (cioè in quella parte della Spagna controllata dai repubblicani comunisti), per coordinare e comandare un gruppo di falangisti che, con il supporto del neo alleato tedesco, cercheranno di liberare dalle locali prigioni José Antonio Primo de Rivera, il fondatore della Falange, catturato dai repubblicani e in attesa di un processo che, inevitabilmente, lo vedrà condannato a morte.
Potrebbe essere un colpo di mano in grado di dare una svolta decisiva alle sorti della guerra civile, oppure un disastro di cui Falcò verrebbe ritenuto responsabile e che potrebbe portarlo a una morte lenta e tormentosa, torturato in una “checa”, le prigioni clandestine dei repubblicani.

Perez-Reverte è un abilissimo narratore che si destreggia con disinvoltura nel romanzo storico, al punto da rendere difficile discriminare ove finisca la realtà documentata e cominci l’invenzione. In questa opera si cimenta nel raccontare uno dei periodi più bui e dolorosi della storia spagnola recente, quello della Guerra civile, iniziata il 17 luglio 1936 con la “Sollevazione” e che si protrasse per quasi tre anni insanguinando tutto il Paese. Lo fa da una posizione privilegiata, quella di una specie di James Bond spagnolo (ma molto più cinico e opportunista dell’archetipo britannico) che ha l’opportunità di osservare le vicende vicino a dove vengono prese le decisioni fatali. Forse il personaggio di Lorenzo Falcò è lievemente sopra le righe, troppo sfacciato e impudente, troppo indifferente, troppo “insubordinato”, troppo tombeur de femmes per essere veramente credibile. Ma è inevitabile che risulti immediatamente affascinate e che si parteggi per questo simpatico ribaldo, anche quando le sue azioni sono tutt’altro che encomiabili.
Ciò che ho apprezzato di più nel romanzo, però, è l’assoluta obiettività con cui Perez-Reverte ci cala la realtà di quegli anni particolarmente difficili, quando il rischio di fare apologia e di essere agiografico (dove, in realtà, non ci fu santità alcuna) o, al contrario, di fare una pedissequa e acritica requisitoria contro una sola delle fazioni in guerra era molto alto, soprattutto per uno spagnolo. L’A., al contrario, ci fa conoscere eroi romantici e tragici, animati da una fede sincera, sia dall’una come dall’altra parte. Ma soprattutto ci ammonisce sul fatto che si trattò di una guerra sporca e cattiva ove nessuno poteva onestamente vantarsi di appartenere alla fazione dei “buoni”. Così, senza partigianeria e senza nascondere le orrende porcherie fatte da tutti, espone una vicenda ove emergono i più animaleschi istinti dell’uomo. Come osserva proprio Falcò, nel romanzo, l’unica reale differenza che distinse i franchisti dai “rossi” è che i primi agivano con fredda lucidità militaresca, anche nella brutalità; mentre i secondi erano spinti solo da una selvaggia, disorganizzata, crudeltà istintiva. Ma il risultato era identico: orrende sopraffazioni e negazione dei più elementari diritti della persona. Ed è Eva (una delle protagoniste) a stigmatizzare la cosa osservando come nessuno sia innocente, con l’esclusione degli animali e dei bambini, e forse nemmeno i bambini lo sono, perché, prima o poi, crescono…
La trama risulta avvincente anche se inevitabilmente prevedibile per chi conosce, pur solo superficialmente, gli eventi di quei mesi. Meno scontata, invece, la vicenda personale di Falcò e forse, proprio per questo, meno credibile, ma sicuramente gradita per dare una eticità accettabile alla storia.
Lo stile, forse non impeccabile, è certamente apprezzabile per l’abilità di raccontare il flusso degli eventi in modo agile e scorrevole come se ci si trovasse in una zona di confine, tra la mente del protagonista e quella di un osservatore esterno. Magari sarebbe stato auspicabile spezzettare meno certi periodi con tutte quelle subordinate, ma in breve si fa l’abitudine a questo cadenzare delle frasi che consente proprio quel gioco di punti di vista.
In conclusione si tratta di un bel romanzo che trascina il lettore e non stanca, ma appassiona sino all’ultima riga.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il codice dello scorpione 2017-12-27 10:28:36 ornella donna
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    27 Dicembre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Due barbarie parallele

Arturo Perèz Reverte ambienta il suo ultimo romanzo Il codice dello scorpione nel 1937, ai tempi della guerra civile spagnola. E compie una scelta coraggiosa: usa lo spionaggio per raccontare una pagina ancora oscura di quella guerra, che ha caratterizzato la Spagna dal luglio del 1936 all’aprile 1939. Il protagonista non è più l’affascinante capitano Alatriste, ma un altro personaggio dal fascino indiscusso: Lorenzo Falcò. Ha trentasette anni, proviene da una buona famiglia di cui ha deluso le aspettative imbracciando una carriera militare, che pareva risolutiva, ma che in realtà gli ha permesso di percorrere la strada del contrabbando e dell’avventura fine a se stessa. Lorenzo è un bell’uomo, piace ad un nugolo di donne, si profuma di Varon Dandy, fuma Players, beve cocktail e soffre di frequenti mal di testa. Spia senza apparenti scrupoli, addestrato in un campo segreto della Guardia di Ferro rumena, non ha patria, è disilluso, e non crede di avere futuro.
Viene mandato ad Alicante per una pericolosa missione, voluta dai vertici della Falange, eseguita in collaborazione con gli alleati tedeschi.
Il romanzo si svolge nell’autunno del 1936, ma la guerra nel romanzo è confinata sullo sfondo. Tutto il libro è incentrato sullo spionaggio, sul suo mondo occulto e sugli ambigui giochi di potere. La ricostruzione storica è minuziosa, e la scelta terminologica particolare. L’autore descrive i due fronti, franchista e repubblicano, come:
“due barbarie parallele”.
Per cui il franchismo è:
“uno sterminio sistematico di tutto ciò che odorava di democrazia, libertà e ateismo.”
La Repubblica è:
“uno sproposito di improvvisazione, opportunismo e demagogia.” .
E nessuno è innocente,
“Forse i bambini e i cani. Anche se dei bambini non sono sicura. Alla fine crescono sempre.”.
E’ un sordido mondo quello descritto da Arturo Perèz Reverte, sia che siano tedeschi che sovietici che patrioti repubblicani o fascisti.
Un romanzo che non può che intrigare ed affascinare il lettore, trascinando in un mondo spietato e privo di qualunque qualità. Un’ambiguità di fondo che è sia storica che politica, ma che viene descritta splendidamente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)
Chi dice e chi tace
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Sabotaggio
Nuove abitudini
Linea di fuoco
L'ufficio degli affari occulti
Il mago
La moglie del lobotomista
La guerra di H
Il canto di Calliope
L'aria innocente dell'estate
Max e Flora
Rincorrendo l'amore
Giochi proibiti
Il canto di Mr Dickens
I Netanyahu
Oblio e perdono
Belle Greene

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232