Narrativa straniera Romanzi storici Il gioco della vita
 

Il gioco della vita Il gioco della vita

Il gioco della vita

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Il gioco della vita è il secondo capitolo della saga di Jalna. È trascorso un anno da quando abbiamo lasciato la turbolenta Jalna. Eden è scomparso e non si hanno più notizie di lui, Alayne è tornata a New York, Pheasant ha avuto un figlio da Piers e lo ha chiamato Maurice, come suo padre. Ritroviamo la famiglia riunita attorno al tavolo davanti a un invitante soufflé al formaggio e una bottiglia di rum di quelle buone per gli uomini. Manca solo Adeline. La nonna ormai passa la maggior parte del tempo a letto: quello stesso letto che è stato testimone di concepimenti, nascite e addii, e che ora sembra attendere un commiato. Difficile credere che la complicata trama tessuta da Adeline nelle stanze di Jalna possa squarciarsi. Ma una preoccupazione domina su tutte: a chi andrà l’eredità? Per tenere tutti in pugno, la furbissima nonna ha dichiarato che sarà destinata a una sola persona. Così, fra gelosie e sospetti reciproci, scatta la rincorsa all’ingente patrimonio: finirà forse nelle mani di Renny, per cui tutte le donne, nonna compresa, perdono la testa? O il fortunato sarà Nicholas, il più anziano, il figlio preferito? O l’adorabile piccolo Wakefield? Nel frattempo, il giovane Finch ha ben altro a cui pensare e coltiva in gran segreto la sua passione per le arti nell’attesa di entrare finalmente a far parte del gruppo degli uomini Whiteoak, mentre Renny non riesce a dimenticare l’affascinante Alayne, che tornerà a rimescolare le carte.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il gioco della vita 2020-06-24 20:35:49 68
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    24 Giugno, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sospensioni e cambiamenti

A Jalna tutto accade lentamente, persino i tentativi di fermare il corso naturale degli eventi. Partenze, lontananze, sospensioni, ritorni, la ricerca del proprio angolo di mondo, il mistero di un’ eredità da indirizzare.
Il secondo volume della celeberrima saga canadese dei Whiteoak ritorna sui temi già noti spulciando il privato dei protagonisti, attesi da sviluppi imprevedibili.
Di certo si respira una netta separazione tra le nuove generazioni, che coltivano il sentimento dell’arte, ereditato dalla madre, incarnato in Finch e Eden, mai così vicini, ispirati da musica, poesia e bellezza, e i più vecchi, pensiamo al fascinoso Ronnie, indirizzati alla praticità della gestione aziendale e a una tradizione di stabilità.
Alayne farà ancora da tramite, tornata a Jalna per assistere l’ex marito malato che non ama più ma alle prese con sentimenti precocemente abbandonati.
Una donna del New England, dolce, attenta, incline al dialogo e all’ascolto, che ama ordine e decoro, così lontana dalla confusione e dal disordine dei Whiteoak, da quel premeditato riserbo che innalza un muro tra se’ e il resto del mondo.
E Jalna continua a essere una roccaforte inespugnabile, dai segreti intatti, quel senso di appartenenza che viola i sentimenti individuali, un attaccamento viscerale verso i propri figli a dispetto del tetto coniugale.
Finch, ancora in età scolare, sta crescendo, vive un periodo difficile, tra inclinazioni sospese e fluttuanti, in primis per la musica, inseguendo un pezzo di mondo, coltivando amicizie intriganti ritenute pericolose, acerbo di vita e sentimenti.
I Whiteoak non lo comprendono, lo isolano, detestano il suo atteggiarsi, lo spingono a desiderare un enigmatico e fallimentare piano di fuga, ma, al suo ritorno, ci sarà un momento in cui assisteremo a delle strane chiacchierate tra una centenaria sul punto di morte e un ragazzo di diciannove anni. Scopriremo una donna profonda, tenera e pungente, saggia e interessata alle inclinazioni del nipote, un’ intimità da negare agli occhi altrui. Adeline, in questo contesto inusuale, sveste gli abiti della vecchiaia e diventa una donna senza tempo.
Anche Eden ha sofferto di solitudine, dopo la sua fuga a New York, un poeta senza tempo che ha perso tutto, famiglia, amore, voglia di vivere, un presente di malattia per riscoprire se stesso e ripartire alla ricerca del proprio talento.
Nel frattempo Pheasant e Pierce si sono rappacificati nella condivisione di un figlio, Meg continua a vivere isolata dal mondo, Ernest e Nicholas cercano di giustificare la loro presenza, Wakefield, il piccolo di casa, sempre coccolato e irriverente.
Il corso della vita inevitabilmente scoperchierà gli eventi, Adeline lascerà il dolore dei figli e un unico erede con il rischio di scatenare una lotta intestina. Ma, ancora una volta, i buoni sentimenti e il senso di appartenenza pacificheranno la trama, tra partenze definitive, promesse di stabilità e viaggi chiarificatori, in attesa di sviluppi futuri.
Il secondo capitolo della saga di “ Jalna “, “ Il gioco della vita “, conserva i tratti del primo volume, una navigazione in superficie interessata agli aspetti intrafamigliari ma poco inserita nel mondo, ma riesce a penetrare nel cuore di alcuni personaggi aprendo un sistema relazionale con sorprendenti spunti di intimità, maggiore piacevolezza, un interessante confronto generazionale con profondità inaspettate e forse, oltre le apparenze, il muro invalicabile di Jalna sembra offrire i primi segni di cedimento.

Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri