Narrativa straniera Romanzi storici Il Palazzo d'inverno
 

Il Palazzo d'inverno Il Palazzo d'inverno

Il Palazzo d'inverno

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Varvara Nikolaevna ha sedici anni quando diventa una "protetta della Corona", una di quelle ragazze, orfane o abbandonate, al servizio dell'imperatrice Elisabetta Petrovna, la figlia minore di Pietro il Grande, salita al trono di Russia nel 1741. Orfana di un legatore polacco, svelta e già priva di tutte le illusioni proprie dell'adolescenza, abbastanza carina da doversi difendere da mille attenzioni nei corridoi del Palazzo d'Inverno, Varvara Nikolaevna rimarrebbe una delle innumerevoli e anonime ragazze del guardaroba imperiale, una goffa cucitrice vessata dalla capocameriera di corte madame Kluge, se non si imbattesse un giorno nel conte Bestuzev. Cancelliere di Russia e, secondo le voci ricorrenti tra le cucitrici, uno degli uomini che riscaldano spesso il letto di Elisabetta Petrovna, il conte cerca di non lasciarsi sfuggire nulla di ciò che accade nella residenza imperiale. Nella giovane Nikolaevna scorge una possibile portatrice della "verità dei sussurri ", la servetta capace di aprire cassetti nascosti, di staccare e ripristinare abilmente la ceralacca dalle lettere, di riconoscere all'istante libri cavi, bauli con doppi fondi, meandri di corridoi segreti. Dopo averla istruita all'arte di origliare senza farsi scoprire, le affida perciò il più delicato dei compiti: tenere d'occhio la principessa Sofia Federica Augusta Anhalt-Zerbst, la giovanissima tedesca scelta da Elisabetta come consorte dell'orfano di sua sorella, Karl Peter Ulrich, duca di Holstein, il quindicenne nominato principe ereditario.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il Palazzo d'inverno 2019-05-28 08:42:23 La Lettrice Raffinata
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
La Lettrice Raffinata Opinione inserita da La Lettrice Raffinata    28 Mag, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lady Oscar senza Lady Oscar. In Russia

“Il Palazzo d’Inverno” è un romanzo storico ambientato nella suggestiva cornice della San Pietroburgo di metà settecento, e si concentra soprattutto sull’ascesa della futura Caterina II, detta la Grande, una tra le più amate zarine di Russia. In originale, questo sarebbe il primo libro in una duologia, ma in Italia la pubblicazione si è interrotta con questo volume, quindi lo considereremo uno stand alone.
Protagonista e voce narrante degli eventi è la giovane Varvara, umile figlia di un legatore la cui abilità riesce a strappare all'imperatrice Elisabetta I la promessa di occuparsi della figlia se dovesse rimanere orfana. Per merito di questo accordo, Varvara entra a servizio nel maestoso Palazzo d'Inverno in veste di cucitrice per poi diventare una delle “lingue” di corte, a metà tra una spia e una flâneur, grazie alla sua abilità nel passare inosservata e poter così origliare le conversazioni private dei cortigiani.
A cambiare il destino della protagonista è l'arrivo a corte della principessa Sofia di Anhalt-Zerbst, destinata a sposare il granduca Pietro, nipote ed erede di Elisabetta. Varvara avvicina la giovanissima principessa per spiarne le mosse, ma rimane ben presto toccata dal suo animo ingenuo e gentile, arrivando così a decidere di aiutarla nell'insidioso ambiente del palazzo imperiale.
Il volume affianca il procedere degli avvenimenti storici, come il matrimonio tra Caterina (nome di Sofia dopo la conversione alla fede ortodossa) e Pietro o gli interminabili lavori dell'architetto Rastrelli per dare vita al nuovo Palazzo d'Inverno, alla vita privata di Varvara, riuscendo a mantenere sempre un buon ritmo di narrazione che incalza il lettore e lo mantiene interessato alle vicende raccontate.
Punto di forza del romanzo sono indubbiamente i suoi personaggi, sia quelli fittizi che le figure storiche.
L'imperatrice Elisabetta ottiene un ruolo d'enorme rilevanza e il suo comportamento, sempre in bilico tra la compassione e l'egoismo, la rende un personaggio davvero credibile. La vediamo spesso preda della vanagloria, circondata com'è da uno stuolo di cortigiani interessati soltanto a compiacerla

«Le piace [ad Elisabetta] sentici ripetere che dal giorno in cui è salita al trono a nessuno è stata tagliata la testa, ma ci proibisce di menzionare lingue e orecchie.»

e dell'ira più funesta quando gli eventi non seguono il percorso da lei desiderato

«-L'ho portata qui per riprodursi, non per leggere!-, urlava [Elisabetta] facendosi sentire da tutti quando riceveva l'ennesimo rapporto sull'arrivo delle mestruazioni di Caterina. -Ma chi si crede di essere?»

ma anche capace di gesti d'affetto, come quando cura personalmente il nipote malato.
Un altro personaggio storico molto interessante è il cancelliere Bestužev, viscido e cospiratore come ci si aspetta da una figura del genere. Ricorda per molti versi l'altrettanto ambiguo Ditocorto della serie Le cronache del ghiaccio e del fuoco di George R.R. Martin, specie quando scopiazza l'iconica battuta di Cersei Lannister

«-Se giochi al gioco di palazzo, puoi vincere o perdere-, mi disse quella notte il cancelliere, accarezzandomi il seno. -Anche tu potresti ritrovarti al punto di partenza.»

eppure rimane lucido fino alla fine ed è il solo ad aprire gli occhi a Varvara sulla vera natura di Caterina.
E arriviamo finalmente a Caterina! Questa dovrebbe essere la sua storia, eppure l'autrice riesce a renderla il personaggio più odioso di tutti: per gran parte del libro si dimostra fiacca e sottomessa, limitandosi a piagnucolare per ottenere quello che vuole, mentre nelle ultime cinquanta pagine il suo carattere viene stravolto e si trasforma in una monarca forte e decisa. Ho trovato inoltre ridicolo il doppiopesismo nel valutare i suoi comportamenti in relazione a quelli del marito Pietro; ad esempio, entrambi tradiscono il coniuge, ma lui viene dipinto come crudele fino al ridicolo mentre per lei quelle solo le uniche occasioni in cui poter provare un pizzico di libertà.
Ottima la caratterizzazione della protagonista, che con l'avanzare della narrazione acquista sempre maggiore consapevolezza e determinazione, ottenendo una crescita davvero significativa. Tra i personaggi secondari invece, il mio preferito si è rivelato essere Egor', scelta inaspettata se si pensa al suo ruolo iniziale, ma i lettori come la protagonista imparano a conoscere nuovi aspetti del suo carattere e a rivalutare la prima opinione di lui.
Alla Stachniak vanno tutti i miei complimenti per l'enorme lavoro di ricerca alla base del libro, sia per narrare gli eventi storici sia per ricreare l'atmosfera della Russia di quell'epoca, con tutte le bizzarre superstizioni e le leggende folkloristiche che influenzavano le vite degli poveri servi della gleba come dei potenti di palazzo. Apprezzo anche la scelta di ricorrere a molti termini in russo, per quanto le pronunce siano difficoltose almeno al pari dei nomi propri

«Barbara, o Basie?ka, mi chiamava mia madre. In polacco, come in russo, un nome può trasformarsi in molti modi. [...] In russo, sono diventata Varvara.»

Lo stile invece non mi ha convinto del tutto: ci sono spesso delle ripetizioni inutili, come quando questa frase:

«Tutte le padrone di casa di San Pietroburgo desideravano averlo [Sergej Saltykov] come ospite.»

viene seguita, una decina di righe dopo, da quest'altra:

«Era un ambitissimo ospite d'onore nei salotti di San Pietroburgo, Sergej con le palpebre abbassate, [...]»

Non ho apprezzato troppo neanche il continuo ricorso alle interrogative dirette, che vanno sovente a comporre interi paragrafi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri