L'antica nave L'antica nave

L'antica nave

Letteratura straniera

Classificazione
Autore

Editore

Casa editrice


Pubblicato originariamente nel 1987, due anni prima delle proteste che sfociarono poi nella tragedia di Piazza Tienanmen, L'antica nave ripercorre quattro decenni di storia cinese, mettendo in risalto tutte le speranze che la rivoluzione maoista aveva inizialmente suscitato e le delusioni che la realtà del socialismo portò con sé. La vicenda è ambientata nella piccola città di Wali sulla riva del fiume Luqing, un luogo di fantasia nella provincia dello Shandong. Narra i fluttuanti rapporti fra tre generazioni delle principali famiglie del posto – i Sui, i Li e gli Zhao – dagli anni Trenta ai primi anni Ottanta. Nel periodo Repubblicano, il clan Sui – industriali e proprietari terrieri – possiede un'enorme fabbrica di vermicelli di soia, i celebri «Drago bianco», che vengono esportati in tutto il mondo. Gli Zhao, invece, lavorano la terra o fanno gli operai. La rivoluzione del 1949 ribalta tuttavia ogni cosa: gli Zhao conquistano il potere e sfogano il loro odio nei confronti dei padroni del passato prendendo possesso dei loro beni e facendo violenza alle loro donne; la fabbrica viene nazionalizzata e i membri della famiglia Sui sono trasformati in operai della loro stessa azienda, mentre i Li, scienziati un po' eccentrici, non possono più dedicarsi all'innovazione scientifica ma si vedono costretti a riparare i macchinari. Ma il ribaltamento dei ruoli non «è un pranzo di gala», ha gravi conseguenze e porta con sé infinite tragedie; e anche la suddivisione della popolazione in classi è spesso artificiosa, come dimostra il figlio maggiore dei Sui, Baopu, che sente sulle sue spalle il peso dei torti precedentemente inflitti dalla sua famiglia: animato da un più alto ideale, non vuole continuare la faida, ma realizzare una pacificazione a favore della nazione e del popolo, in vista di un bene comune.

Recensione della Redazione QLibri

 
L'antica nave 2018-04-20 08:40:59 Mian88
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    20 Aprile, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Panoramica cinese dagli anni '30 agli '80

Wali, una piccola e immaginaria città cinese nella provincia dello Shandong, è il luogo in cui abitano i tre clan familiari – gli Zhao, i Sui e i Li – protagonisti di questa opera prima di Zhang Wei. Siamo nel periodo repubblicano e mentre i Sui sono latifondisti e imprenditori benestanti da tempo immemore, gli Zhao sono proletari che lavorano come operai nella loro azienda di vermicelli di soia (i celebri “Drago bianco” esportati in tutto il mondo) e i Li sono, infine, gli inventori e scienziati che apporteranno notevoli migliorie agli strumenti di lavoro dell’attività di famiglia. Suddette innovazioni non saranno ben viste da coloro che appartengono alle vecchie generazioni, fattore e dato a cui si aggiungerà la sempre più inevitabile rivoluzione culturale. Lo scenario muta infatti con la rivoluzione del 1949 a seguito della quale gli Zhao, conquistato il potere, sfogano il loro odio verso i padroni dello ieri rifacendosi sulle loro donne e impossessandosi dei loro beni, procedendo e assecondando la nazionalizzazione della fabbrica e trasformando i Sui in operai della loro stessa azienda. L’avvento di questa cambierà quindi interamente i rapporti di forza all’interno del villaggio tanto che, i Sui, si vedranno confiscare le terre e nazionalizzare la fabbrica, gli Zhao che per anni sono stati gli oppressi e i vinti dai potenti coglieranno l’occasione per riscattarsi socialmente e ottenere quella posizione di rivalsa mai avuta e tanto ambita e i Li dovranno rinunciare alla loro qualità di inventori per rivestire i panni di meccanici presso le masse. In tutto ciò spicca la figura di Baupou Zhao, figlio illuminato della dinastia di coloro che sono abituati a vincere, che sogna una Cina diversa, una Cina dove si possa costruire un futuro migliore, dove possano esserci condizioni di vita egualitarie, dove si possa non cadere in ripicche, vendette e sconfitte, dove la faida cessi di esistere.
Tre generazioni per tre clan familiari che si susseguono e raccontano le vicende di un paese dagli anni ’30 agli anni ’80 del secolo scorso.
Pubblicato nel 1987, due anni prima delle proteste che sfociassero nella tragedia di Piazza Tienanmen, “L’antica nave” affronta quelli che sono stati quattro decenni della storia cinese, concentrandosi in particolar modo, su quelle che erano le speranze dettate e promesse dalla rivoluzione maoista e le annesse delusioni che il socialismo rivelò e portò con sé.
In particolare lo scritto focalizza la sua attenzione su quel periodo storico in cui in Cina fu dichiarata conclusa “la lotta di classe” e avviata quella delle riforme finalizzate alla modernizzazione del paese. Un periodo storico, questo, in cui si tornò a parlare di umanesimo, di uomo, di persona in quanto tale e non di congegno sociale facente parte di un meccanismo più grande e integrato. Fra gli obiettivi di questa storia riscritta non poteva mancare la riforma agraria, la lotta contro la carestia e la destra, la rivoluzione culturale, la rivincita della persona. È in questo contesto che “l’antica nave” viene riportata alla luce nel fiume Luging ed è una metafora di quella gloria del passato e di quel contatto interrotto tra Cina e mondo esterno.
A un contenuto chiaramente esaustivo e ricco di spunti di riflessione si contrappone un linguaggio prolisso, estremamente descrittivo e a tratti farraginoso. Ciò contrasta e rallenta in parte quella che altrimenti sarebbe stato un componimento ineccepibile.
Nel complesso, un elaborato di grande spessore che non mancherà di soddisfare le curiosità di chi si è sempre interrogato sulle dinamiche e i retroscena dell’universo cinese.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Berta Isla
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le fedeltà invisibili
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Divorare il cielo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La scomparsa di Stephanie Mailer
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tredici modi di guardare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Salvare le ossa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
All'ombra di Julius
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'animale femmina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'antica nave
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Superficie
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri