Sassi vivi Sassi vivi

Sassi vivi

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La storia di due giovani, lui altoatesino e lei romana, durante il fascismo. L'amore può resistere alle maree della Storia? Nel 1939 si incrociano le strade di due adolescenti: Dora e Franz. Due giovani che provengono da lingue e culture profondamente diverse: lei è una ragazza di Roma, esuberante, vivace e appassionata, che ammira il Duce; lui viene dai monti del Sudtirolo, è timido ma curioso. Franz rimane affascinato da Dora, tuttavia dopo una sola estate la vita li separa. Nel 1944 il ragazzo deve rispondere alla chiamata alle armi dell’esercito tedesco e viene inviato a Salò dove il destino lo riunisce inaspettatamente a Dora. Attorno a loro il mondo crolla e l’Italia divisa in due conosce i suoi giorni più bui. Molti anni più tardi, in una sorta di lungo flashback, Franz racconta la propria storia e quella – ancora piena di lati oscuri – della ragazza. Due vite travolte dalla Storia e dalle ideologie salvate però dai sentimenti. Quella che Anna Rottensteiner fa vivere in Sassi vivi è una storia d’amore e allo stesso tempo una coraggiosa ricognizione del passato come opportunità per accettare il presente.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Sassi vivi 2017-10-26 09:57:40 Elena72
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Elena72 Opinione inserita da Elena72    26 Ottobre, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

una pagina di storia da ricordare

Il breve romanzo di Anna Rottensteiner è poetico e suggestivo: con delicatezza rievoca i momenti salienti di due vite intrecciate e segnate dal dramma della seconda guerra mondiale. Costruito attraverso una serie di immagini e flashback, la storia si apre in modo misterioso: una coppia che vive su una lontana isola nordica vaga in cerca di sassi che la donna sceglie con cura meticolosa, con amore ed attenzione per poi realizzarne ritratti in pietra. Voce narrante del romanzo è Franz che, ormai anziano, ricorda la sua infanzia in un maso del Trentino insieme alla madre, rimasta vedova in giovane età, ma risoluta ad occuparsi del figlio e del lavoro senza alcun aiuto. Nell'estate del 1939 Franz, ormai adolescente, conosce Dora, giovane figlia di un maestro di origini siciliane inviato dal regime al Nord ed ospitato, tra le maldicenze della gente, proprio nel maso in cui vive il ragazzo. Dora arriva da Roma, è esuberante, solare e convinta ammiratrice di Mussolini; Franz, più timido ed introverso, rimane affascinato da Dora ma non può che provare una certa ostilità per il fascismo che ha imposto alla sua terra una lingua ed una cultura percepite come estranee e ha obbligato gli altoatesini a scegliere con chi schierarsi. Terminata l'estate, Dora e Franz si separano, ma la guerra e il destino li faranno ritrovare in un crescendo di situazioni drammatiche che, come le tessere di un mosaico, andranno a ricostruire la vicenda umana e sentimentale dei due protagonisti.

“Sassi vivi” fa riflettere su un periodo della nostra storia attraverso un punto di vista diverso e apre uno spaccato su alcuni aspetti e situazioni spesso poco conosciute: l'italianizzazione forzata del Trentino e l'obbligo, formalizzato nel 1939, alla “opzione” che portò gli abitanti di questa regione a dover scegliere se rimanere in Italia o emigrare in territorio tedesco.
Anna Rottensteiner, nata a Bolzano nel 1962, è una studiosa di letteratura germanica e slava; questo è il suo primo romanzo edito da Keller nella collana “Confini”, un progetto che “racconta attraverso la letteratura internazionale la Prima guerra mondiale e le sue conseguenze: cosa è accaduto, come ha segnato la vita del Novecento e talvolta del tempo in cui oggi viviamo”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Sassi vivi 2017-10-02 09:21:38 MATIK
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
MATIK Opinione inserita da MATIK    02 Ottobre, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sassi vivi.

"Quello che so è che le farfalle volano nell'aria senza preoccuparsi se sono italiane o tedesche. I fiori, le bacche e le erbe crescono nelle terra, non importa di quale paese. La terra non è nostra e il sangue scorre nelle vene di tutti gli uomini. Le mucche nella stalla non fanno resistenza alla mano tedesca o italiana fintanto che le munge delicatamente."
La recenti vicende storiche italiane non si studiano mai abbastanza: pur avendo visitato il Trentino-Alto-Adige, non mi sono mai informata molto a proposito della sua travagliata vicenda politica e sociale. Proprio per questo ho scelto di leggere “Sassi vivi” di Anna Rottensteiner, un romanzo a tratti crudo ma romantico, delicatissimo e lieve che racconta di sentimenti modellati dagli eventi storici degli Anni Trenta e Quaranta.
Il giovane Franz è uno studente sud tirolese che vive con la sua mamma in un maso in montagna, parecchi chilometri da Bolzano, non ha più il padre e spesso, dopo la scuola, segue la campagna e cura gli animali della stalla. All’improvviso, arriva un professore di origini siciliane, ma che vive a Roma e non sapendo dove stare, viene accolto nel maso di Franz, ma il paesino è molto piccolo, le malelingue si divertono a parlare male della sua mamma e di quel tipo 'italiano'. Nel periodo estivo giunge da Roma la figlia del professore, Dora, la quale fa immediatamente amicizia con Franz.
I due ragazzi, però, non potrebbero essere più diversi: Dora ama il duce, lo ammira, ascolta con attenzione i suoi discorsi alla radio, sogna di vederlo affacciarsi a Palazzo Venezia ed è convinta che sia un bene per l’Italia, che grazie a lui il Paese progredirà e prospererà. Franz, al contrario, ha subito l’italianizzazione forzata durante i primi anni del fascismo, ha provato sulla sua pelle cosa vuol dire dover abbandonare i propri valori, tradizioni, cultura e lingua: i cognomi tedeschi sono stati italianizzati a forza, sono state chiuse le scuole germanofone e soppressi i giornali di lingua tedesca.
Con l’ascesa di Hitler e i patti con il duce, ai sud tirolesi vengono date le Opzioni: diventare cittadini tedeschi sotto il Terzo Reich oppure diventare cittadini italiani e rinunciare alla loro cultura. La mamma di Franz non sceglie e continua a vivere nel maso. La situazione precipita: Franz non può più permettersi di andare a scuola e Dora dopo le vacanze ritorna a Roma ad ascoltare le parole del suo amato duce.
Molti anni dopo, Franz e Dora si incontreranno di nuovo, in una situazione molto pericolosa e una serie di eventi terribili e violenti faranno capire a Dora tutti gli errori che ha commesso in passato.
"No, Franz, io so cosa si prova quando ci si sente ingannati dalla vita e nessuno ti chiede perché. Quando non si può raccontare a nessuno perché ci si vergogna, non tanto per quello che si è fatto, ma più per quello che forse non si è avuto coraggio di fare. Quello che non si è visto, che non si è voluto vedere. E non si vuole raccontarlo, per nessun motivo, per non essere feriti ancora una volta. E lei probabilmente non ha nessuno al suo fianco."
Il libro racconta anche il percorso emotivo della protagonista Dora, l'accettare quello in cui ha creduto fervidamente e che poi si è rivelato un grandissimo sbaglio, del suo rammarico per aver lasciato solo il padre perché la pensavano diversamente ed avevano scelto di percorrere strade completamente diverse. Franz sarà sempre al suo fianco, ma anche la natura, quella della splendida Finlandia, il posto dove hanno deciso di vivere dopo la fine della II Guerra Mondiale, avrà un ruolo fondamentale nel suo viaggio verso la pace interiore e psichico.
"La quiete della natura mi ha calmata Franz. Ha zittito i colpi e i rimbombi dentro di me; il mare in burrasca ha rabbonito le mie tempeste; il vento ha placato le mie onde, era il mio compagno di lotta, gli ho gettato addosso i miei lamenti, le mie urla nel suo ruggito; i gabbiani stridevano più forte di me, la bonaccia del mare mi ha incitata a non dimenticare, il bianco della neve faceva brillare il rosso delle ferite e insieme le rinfrescava col gelo indifferente dei suoi cristalli. E tu eri con me e mi lasciavi essere."
Nei primi capitoli il lettore si trova spiazzato, perché Franz racconta la storia saltando dal presente al passato, dall’infanzia nel maso con la mamma ai giorni in cui era militare presso Salò, man mano che si entra nel flusso del racconto le vicende diventano più fluide, i personaggi più famigliari e le emozioni si fanno più intense. Il libro benché sia molto breve narra con vivacità e coinvolgimento un pezzo della nostra storia, un frammento che pochi conoscono. Una lettura molto interessante che apre una finestra su un difficile periodo storico così vicino a noi e così importante da non dover assolutamente essere dimenticato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
per chi vuol conoscere un po' di storia...
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La grande fortuna
Sabotaggio
Nuove abitudini
Linea di fuoco
L'ufficio degli affari occulti
Il mago
La moglie del lobotomista
La guerra di H
Il canto di Calliope
L'aria innocente dell'estate
Max e Flora
Rincorrendo l'amore
Giochi proibiti
Il canto di Mr Dickens
I Netanyahu
Oblio e perdono