Satana a Goraj Satana a Goraj

Satana a Goraj

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Alle soglie del 1666 si diffuse in Polonia la notizia che per gli ebrei la fine dell'Esilio era imminente: un uomo chiamato Shabbatay Tzevi si era rivelato come il Messia, e presto una «nuvola sarebbe apparsa e li avrebbe portati tutti in Terra Santa». I segni non erano mancati: nel decennio precedente i cosacchi dell'atamano ucraino Chmel'nitskij avevano massacrato quasi centomila ebrei, «scorticando vivi gli uomini, sgozzando i bambini, violando le donne per poi squarciarne i ventri e cucirvi dentro gatti vivi». Ma quegli orrori non erano altro se non «le doglie che annunciavano la nascita del Messia». Per accelerare la liberazione – così dicevano gli emissari di Shabbatay Tzevi – bisognava immergersi nell'oscurità del peccato: solo la discesa agli inferi avrebbe consentito l'ascesa delle anime, e la perfetta redenzione. Anche gli abitanti di Goraj, «la città nascosta tra le colline in capo al mondo», si abbandonano dunque all'idolatria e alla licenza, infrangendo ogni legge. Ma la sciagura si abbatte su di loro: dopo aver giaciuto, benché sposata, con il capo dei sabbatiani, Rechele la profetessa viene posseduta da un dybbuk, e finisce per essere ingravidata da Satana, mentre la disperazione stringe in una morsa la città, stremata dalla carestia. Perché a Goraj «vi sia contentezza» bisognerà che le forze demoniache vengano scacciate, e il nome dell'Onnipotente sia di nuovo santificato. «Che meraviglioso, meraviglioso mondo,» ha scritto Henry Miller «un mondo bello e terribile, quello di Isaac Bashevis Singer, benedetto sia il suo nome!».

Recensione della Redazione QLibri

 
Satana a Goraj 2018-05-31 16:29:18 siti
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
siti Opinione inserita da siti    31 Mag, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I pericoli del fanatismo

Romanzo d’esordio del premio Nobel, scritto in Yiddish e pubblicato a puntate su “Globus”, rivista letteraria di Varsavia, nel 1935, tradotto poi in inglese nel 1955.
Goray, piccola comunità polacca, risollevatasi dagli attacchi dei cosacchi che hanno sterminato e disperso la popolazione ebrea nel 1648, è ora una comunità pacifica guidata da un rabbino che a tratti quasi si annoia anche se fatica a incanalare i malumori dei membri della sua famiglia in perenne discordia. Progressivamente la comunità viene investita da straordinarie dicerie: prossima è la venuta del Messia e con essa la fine della lunga schiavitù del popolo ebraico, si avvicina il giorno della liberazione. E giunge l’anno 1666 e in piena aderenza ai calcoli cabalistici Shabbatay Tsevi si rivela come il Messia tanto atteso, egli chiede devozione totale al male in cambio della fine dell’esilio e della tanto agognata Terra d’Israele. Tutti gli sono devoti… In questa cornice storica si inserisce la vicenda romanzata di Rechele della quale si racconta la breve e triste sventura che accompagna il triste collassare degli eventi.
Le pagine si susseguono in un alternarsi di cadute e di risalite, di dannazioni e di resurrezioni, di grandi flagelli e di momentanee schiarite, di condanne e di pentimenti e con essi vacilla anche l’attenzione del lettore che arranca tra toni cupi ed eventi incredibili, consapevole comunque di avere tra le mani le pagine di un grande narratore, seppur all’esordio.
Consigliato se interessati alla storia degli ebrei nell’ Europa orientale del XVII secolo, all’esoterismo ebraico, alla cabala, al primo nucleo del futuro sionismo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Satana a Goraj 2018-10-09 17:53:16 DanySanny
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    09 Ottobre, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La tragedia degli "ismi"

Scelta curiosa quella di Adelphi: pubblicare a breve distanza il primo e l’ultimo romanzo di Singer, i suoi Satana a Goraj e Keyla la Rossa. Una lettura tanto ravvicinata permette di avere subito un’idea dell’evoluzione stilistica dell’autore: la scrittura resta poderosa, quadrata, solida e permette di sostenere una trama che altrimenti finirebbe per cedere su più punti, ma nel corso degli anni Singer matura una certa rarefazione linguistica, una più delicata e saggia scelta delle parole e degli eventi da narrare. Di contro, il tema centrale della sua narrativa, non cambia: il rapporto tra uomo e Dio e le annose vicissitudini della cultura ebraica permeano ogni lembo di pagina e dominano le fila del racconto. Anche qui, però, è lo sguardo dell’autore a cambiare: dall’analisi della comunità, dalla descrizione del collettivo, l’occhio autoriale si fa via via più intimo e privato, la penna si ripiega su se stessa e non mancano sprazzi francamente lirici.

In questo Satana a Goraj, Singer si dimostra una penna promettente, per quanto manchi un respiro narrativo sufficiente a rendere più fluida l’azione, che tra eventi mirabili e grandiose apparizione, demoni e minuziosi riti ebraici, stanca un poco il lettore. La fatica, alla fine del libro, si sente, ma la lettura merita soprattutto per la acuta analisi degli effetti del fanatismo sulla società, ovvero di come voci vaghe, complotti millenaristici, credulità e bigottismo, sfocino in inaudita ferocia. Singer ci ricorda come abili personaggi, mossi dalla fame di potere, sfruttino abilmente paure e difficoltà economiche, ignoranza e ingenuità, per raggiungere i propri scopi e come la manipolazione dell’informazione permei, fin da sempre, la civiltà umana. E possiamo forse perdonare il tono incostante del libro per aprirci a questo mondo incredibilmente attuale, per ricordarci che ogni “ismo” ha in sé i germi dell’oppressione e le stigmate dell’atrocità. Un libro che sarebbe piaciuto a Umberto Eco, se ancora fosse vivo, perché ci insegna che gli uomini, alla fine, credono più alle parole che ai fatti, contro ogni ragionevole dubbio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Bontà
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il giro dell'oca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Game
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rumore del mondo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Suite 405
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Addio fantasmi
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'unica storia
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'uomo che trema
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Isola di neve
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Khalil
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono corso verso il Nilo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una di luna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri