Narrativa straniera Romanzi storici Viaggio alla fine del millennio
 

Viaggio alla fine del millennio Viaggio alla fine del millennio

Viaggio alla fine del millennio

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La storia di Ben Atar e delle sue due mogli è al centro di uno dei romanzi più belli di Yehoshua: Viaggio alla fine del millennio, pubblicato nel 1997 in Israele (in Italia nel 1998). Ambientata alla fine del X secolo, è una storia emblematica e, per certi versi, archetipica dei conflitti culturali fra il Nord e il Sud del mondo. Yehoshua, appassionato di melodramma, ha avuto l'opportunità di ricavarne un libretto, in prosa e in versi, per un'opera lirica musicata dal compositore israeliano Jossef Bardanashvili. L'allestimento dell'Israeli Opera Tel Aviv, che ha debuttato nel 2005, viene ospitato dal Teatro dell'Opera di Roma nel maggio del 2008. Al di là dei cultori di opera lirica, la lettura del libretto è l'occasione per scoprire in Yehoshua, grandissimo narratore, anche lo scrittore di teatro e il poeta.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Viaggio alla fine del millennio 2020-05-04 22:10:08 Franca_95
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Franca_95 Opinione inserita da Franca_95    05 Mag, 2020
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

SOLO ESSERI UMANI

Viaggio alla fine del millennio comincia e finisce con un viaggio. Un racconto di culture diverse, religioni diverse, luoghi diversi, lingue diverse, ma soprattutto un racconto di esseri umani.
Abbiamo il protagonista Ben-Atar, un ebreo del sud, che decide di intraprendere un lunghissimo viaggio per rinsaldare un sodalizio. Quel sodalizio a cui la Nuova Moglie di suo nipote Abulafia ha deciso di porre termine a causa della bigamia dello zio. Una donna estranea sia nell’ideologia che nei tratti. Yehoshua basa gran parte del romanzo sulle contraddizioni; i paesaggi africani contro i paesaggi parigini, gli odori, i colori: i colori bruni delle Mogli di Ben-Atar contro l’azzurro degli occhi e il biondo dei capelli di donna Esther-Mina. Grazie alla scrittura limpida ma profonda di Yehoshua, ogni singolo personaggio, anche il più secondario, ci viene caratterizzato tanto da permetterci di toccarlo. Le contraddizioni che si animano intorno ai singoli, motivo di scontri e di separazioni, quelle stesse contraddizioni porteranno non solo ad una comunione finale, ma anche ad una consapevolezza più profonda per cui non esistono vincitori né vinti, padroni né schiavi, ma solo esseri umani.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Viaggio alla fine del millennio 2014-05-06 14:04:34 Mephixto
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mephixto Opinione inserita da Mephixto    06 Mag, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Questione di principio

“Viaggio alla fine del millennio” è uno splendido affresco storico, ricco di contenuti che ci spingono a una serie di considerazioni tra cui, si possono amare due persone contemporaneamente?
è giusto imporre le proprie idee e la propria moralità al prossimo ?
si può vivere e condividere il mondo con il mio acerrimo nemico ?
la diversità ci unisce o ci allontana ?
chi è “come me”, è realmente in grado di capirmi oppure è più facile condannarmi per le mie scelte?
Le risposte potrebbero essere facili ma quando la teoria viene posta in prosa molte delle domande che mi sono sorte hanno ottenuto risposte diverse, rispetto a quello che d’acchito mi sarei immaginato di rispondere.

Un testo che può essere un inno all'accettazione, oppure, una denuncia alla disuguaglianza, che un popolo intero ha dovuto assumere; per sopravvivere alla mancanza di una patria e proteggersi per la condanna di essere degli apolidi raminghi. Tutti i personaggi sono splendidamente e intimamente rivelati, tanto che si viene a creare, con grazia e delicatezza, un empatia profonda . Tutti splendidi personaggi : Ben-Atar, Abu-Lufti, Abulafia e ancora il rabbino, Esther-Mina, lo schiavo nero pagano, e tanti, tanti altri. Un Viaggio non solo da Tangeri a Parigi e da Parigi al Reno. Ma un viaggio nel universo della diversità ideologica, e morale, che spicca ancora più marcatamente quando il popolo Israelita del Sud e quello del Nord sono costretti a confrontarsi. Si, perche più si scorrono le pagine e più il modo di vivere e di percepire il mondo del protagonista, il mercante Ben-Atar, si palesa nella profonda affinità con il popolo Ismaelita, di cui ne fanno parte l’equipaggio della nave e Abu-Lufti ,socio in affari di Ben-Atar. Il tutto nasce dal distacco forzato che, Abulafia impone allo zio Ben-Atar, per via della ripugnanza morale (e non solo) della nuova consorte europea ,la quale chiede ad Abulafia una prova d’amore, rinunciando per sempre alla società con lo zio Bigamo e immorale, agli occhi di Esther-Mina . E allora Ben-Atar, forte delle sue convenzioni, certo di poter dimostrare non solo la giustezza della sua bigamia ma anche la grandezza del suo equo amore dinnanzi alla restia moglie, decide di raggiungere Abulafia a parigi, costringendolo così ad un confronto diretto che mai prima gli aveva concesso. Parte quindi, in un impresa titanica, affiancato da un rabbino andaluso, pronto a difenderlo a suon di argomentazioni calzate in punta di sacre scritture, bibliche e talmudiche . E accompagnato in questo Viaggio da sei marinai mussulmani, la prima e la seconda moglie, suo personale schiavo nero, e il terzo socio, si avvia verso l’ignoto, che scoprirà essere non solo lo scuro e grigio paesaggio europeo, ma anche usi costumi e tradizioni di un popolo costretto ad adeguarsi alle culture dominanti. E questa è la domanda che mi ha accompagnato con prepotenza per tutto il testo "tanta diversità, in un unico popolo, gli permettarà mai di prosperare o forse è proprio questa la sua forza ?"
Abraham Yehoshua scrive in modo sublime e attraente, per quanto il testo proceda lento, la sua fabula compensa la monotonia, regalandoci con eleganza attimi di vita quotidiana e paesaggi indimenticabili. Ogni momento, sensazione e emozioni sono descritte con dovizia di particolari e gusto. Mi sono imbarcato quindi anch’io con Ben-Atar e la sua compagnia di viaggiatori arabi verso un tesoro che solo una volta chiusa l’ultima pagina, e sceso dal vascello di guardia costiera,si scopre quanto è prezioso.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
La città dei vivi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri