Narrativa straniera Romanzi L'anno della lepre
 

L'anno della lepre L'anno della lepre

L'anno della lepre

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Giornalista quarantenne a Helsinki, Vatanen ha raggiunto quel momento dell’esistenza in cui di colpo ci si chiede quel “ma perché” che si è cercato sempre di reprimere, nascondendo a se stessi e agli altri che quel grigiore a cui si è arrivati a furia di rinunciare ai sogni, di accettare compromessi, di rassegnarsi al logoramento delle amicizie, del lavoro, degli amori, quel qualcosa in cui siamo rimasti impigliati e in cui non ci riconosciamo, è in realtà la nostra vita. Una sera, tornando in macchina da un servizio fuori città con un amico fotografo, investe una lepre, che fugge ferita nella campagna. Vatanen scende dall’automobile, la trova, la cura e, sordo ai richiami dell’amico, sparisce con lei nei boschi intorno. Da quel momento inizia il racconto delle svariate, stravaganti, spesso esilaranti peripezie di Vatanen, trasformato in un vagabondo che parte all’avventura, on the road.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 8

Voto medio 
 
3.7
Stile 
 
3.4  (8)
Contenuto 
 
3.8  (8)
Piacevolezza 
 
3.8  (8)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'anno della lepre 2021-01-29 20:57:11 archeomari
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    29 Gennaio, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non alla prima, ma alla seconda...

lettura, ti conquista. Più volte lo rileggi, più lo apprezzi.
Il libro era in lista da tempo, ne temevo la lettura visti i pareri contrastanti, ma poi, come sempre accade, dovevo avere la mia idea e mi son tuffata a capofitto nella storia lasciando in sospeso altre letture.
Ho fatto bene a leggerlo,mi è piaciuto molto.
Le pagine mi hanno donato tante emozioni, la tenerezza in primis, mi hanno messo addosso la voglia di esplorare quei paesaggi nordici, il desiderio di mollare la vita urbana e i rapporti sociali e vivere e respirare la libertà autentica a pieni polmoni, come l‘aria fredda e rinfrancante della Lapponia. Il libro mi ha anche fatto ridere, tante volte. Un libro particolare, perché Paasilinna, il compianto scrittore finlandese fa dell‘humor molto sottile, forse è questo il più grande ostacolo in cui ci si imbatte.
Premetto che io non consiglio il libro a tutti, ma solo a chi ama la sottigliezza di certe battute, di certi contrasti e desidera conoscere la letteratura nordica senza cercare lunghe descrizioni di paesaggi innevati per sognare ad occhi aperti. “L’anno della lepre”, titolo di punta della casa editrice Iperborea che proprio con questo romanzo, uno dei più apprezzati ed importanti della Scandinavia, ha raggiunto un traguardo editoriale importante, tenuto conto comunque che si tratta di una casa editrice indipendente. In Italia il libro ha vinto un importante premio letterario, il Premio Acerbi e sono state fatte ben due trasposizioni cinematografiche. Il protagonista è un giornalista quarantenne di Helsinki, Vatanen, stanco e logorato dalle ipocrisie e dalla falsità della vita che conduce in città e che un giorno, in auto con un amico giornalista, investe una lepre. L‘uomo esce dall‘auto per soccorrere l‘animale e da allora la sua vita prende una svolta inaspettata : si inoltra nei boschi e non si fa più trovare né dall’amico, né dalla moglie (in realtà neppure lo cerca, non lo ama), né da nessun conoscente del mondo “civilizzato”. “L‘anno della lepre” è un inno alla libertà, alla riscoperta di se stessi, la storia di una scelta radicale da parte chi non vuole più scendere a compromessi con la felicità.
In questo senso Vatanen fa pensare al protagonista di un’altra grande storia, “Into the wild“, che pure abbandona il mondo urbano dei simili per vivere in solitudine a diretto contatto della natura. Avventure rocambolesche, alcool a sbafo, salvataggi in extremis di animali, incontri con personaggi bizzarri, situazioni comiche che invitano alla riflessione, l‘immensa tenerezza per animali in difficoltà che col loro silenzio ed i loro sguardi sembrano voler parlare agli uomini: un orso curioso, mucche spaventate,un corvo ladro e mangione e...la lepre. L’onnipresente lepre cui Vatanen si lega come se fosse una bambina da proteggere e tenere in braccio, amica delle sue disavventure, simbolo di un mondo semplice e schietto totalmente estraneo alla farraginosità dei rapporti umani, libero.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi sa apprezzare l‘umorismo sottile
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'anno della lepre 2017-08-01 21:15:49 Laura V.
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Laura V. Opinione inserita da Laura V.    01 Agosto, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Meravigliosa Scandinavia!

Alzi la mano chi, almeno una volta nella vita, anche solo per mezzo secondo, non abbia mai pensato di mollare tutto, lavoro, famiglia, obblighi e responsabilità, e scappare via di punto in bianco. Del resto, un momento di (sana) follia può capitare a tutti.
A Vatanen, giornalista quarantenne, accade in una fase cruciale della propria esistenza, quando si sente deluso, amareggiato, stanco di tutto ciò che ha, matrimonio incluso, e coglie al balzo l’occasione di “perdersi” nel bosco al seguito di un leprotto ferito. Prendono così avvio le vicende narrate ne “L’anno della lepre”, sullo sfondo di splendidi, incontaminati e spesso innevati paesaggi finlandesi, fino all’estremo nord lappone.
Con la sua scrittura leggera e garbatamente ironica, è stato davvero una bella scoperta Arto Paasilinna che, attraverso la storia del protagonista, ci invita a una fuga dalla deludente e deleteria quotidianità che ci opprime, a riprenderci il nostro tempo e ad assaporare lentamente i ritmi pazienti della natura: una fuga, già, ma anche un viaggio dentro se stessi verso una insperata rinascita!
Molto carina e tenerissima la lepre, alla quale manca soltanto la parola e a cui – ci ho riflettuto a fine lettura – non è stato dato un nome, metafora forse della natura stessa che, seppur indomita, se trattata con rispetto e amore può dare tantissimo all’uomo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'anno della lepre 2014-12-05 20:26:43 Nicolò Bonato
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Nicolò Bonato Opinione inserita da Nicolò Bonato    05 Dicembre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un'annata mediocre

Scritto nel 1975, ma tradotto solo venti anni dopo, il libro dimostra indubbiamente l'età che ha, rendendo ancora più surreali le vicende ambientate in una Finlandia molto diversa da quella odierna.
La trama segue quello che penso di poter classificare come stile nordico, caratterizzato da una serie di situazioni surreali ed inverosimili, legate a doppio filo con una vera e propria avventura picaresca.

Come ne "Il migliore amico dell'orso", successivo a questo romanzo, anche qui è un animale a fare capolino nella vita del protagonista, spingendolo a mollare tutto e rinnovarsi completamente.
Questa idea dell'animale come motore catartico indubbiamente deve molto alle tradizioni e alle mitologie nordiche che vedono gli animali collaborare con gli uomini o essere vere e proprie incarnazioni divine.

Purtroppo in questo romanzo non ho trovato lo stesso mordente de "Il migliore amico dell'orso", la colpa va sicuramente distribuita tra la differenza temporale che separa i due romanzi, la conseguente maturazione dell'autore e probabilmente una parte della responsabilità va anche al traduttore, che sembra non essere stato in grado di gestire sempre al meglio la trasposizione del romanzo. Le carenze principali, da imputare a uno dei tre casi o a tutti, si ravvisano nei dialoghi, spesso costruiti molto poveramente, senza capacità di coinvolgimento.
Nonostante queste considerazioni, il romanzo rimane piacevole, anche se non il migliore di Paasilinna, come spesso viene etichettato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'anno della lepre 2014-11-22 18:00:22 topodibiblioteca
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
topodibiblioteca Opinione inserita da topodibiblioteca    22 Novembre, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Chi trova una lepre trova un tesoro

Siamo in Finlandia ed un auto con a bordo due uomini che sono in viaggio per lavoro, un giornalista ed un fotografo, sta percorrendo una strada che lambisce un bosco. All’improvviso compare davanti alla macchina una lepre, l’uomo al volante cerca di frenare per evitare lo scontro ma….. Questo è l’incipit de “L’anno della lepre” dello scrittore finlandese Arto Pasilinna, uscito per la prima volta in Italia nel 1994 e che fin da subito riscosse un grande successo, esattamente come avvenne in patria quando uscì circa vent’anni prima.

Con questo romanzo si inaugura il genere “umoristico-ecologico”, in quanto le avventure che vive il giornalista Vatanen con la lepre sono tutte piuttosto strampalate ed assurde, così come sono molto pittoreschi e sui generis, i personaggi che incontra. Giusto per fare qualche esempio trova sulla sua strada un pastore luterano molto arrabbiato perché la lepre ha lasciato nella sua chiesa delle palline di sterco, oppure un ex insegnante che ha deciso di consacrare la sua vita alle divinità pagane finlandesi e pertanto vuole rapire la lepre per sacrificarla agli dei in cui crede. Sullo sfondo delle vicende di Vatanen, l’autore dedica grande attenzione alla flora ed alla fauna finlandese. I due “personaggi“ si muovono lungo laghi e foreste, trovano la neve che comincia a cadere già a fine agosto, si imbattono nelle renne ed anche in un pericoloso orso con il quale Vatanen ingaggia un lungo inseguimento.
Indubbiamente si tratta di un’opera dal forte contenuto simbolico. Vatanen viene descritto come una persona cinica, infelice, delusa dal suo matrimonio e dal suo lavoro. Nel momento in cui trova la lepre e decide di fuggire con lei, lontano dal mondo urbanizzato e da Helsinki, riesce finalmente a riscoprire sé stesso ed a raggiungere la pace interiore. Con la fuga Vatanen si assume la responsabilità di abbandonare la sua routine quotidiana scegliendo la vita che ha sempre sognato a contatto con la natura.

Concludo con le mie impressioni. Ho letto questo libro sull'onda dell'entusiasmo trasmessomi da amici oltre che dai commenti su internet di altri lettori. Col senno di poi posso dire che la storia è sicuramente molto particolare ma io non l'ho poi trovata così divertente!...... Sicuramente la colpa è solo mia in quanto si vede che non capisco l'humour finlandese :)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri libri di Paasilinna oppure a chi vuole farsi due risate ed una lettura piacevole.
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'anno della lepre 2014-02-26 16:15:49 Mariiik
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mariiik Opinione inserita da Mariiik    26 Febbraio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'uomo e la lepre

L'idea di fondo del libro mi intrigava parecchio, complice anche il fatto che si rifà ad una storia vera.
Il protagonista Vatanen, giornalista in crisi con la moglie e, a quanto sembra, con la vita, dopo aver investito assieme ad un fotografo una lepre, scende dall'auto per soccorrerla nel bosco. Ma inoltratosi sempre di più si convince a non voler tornare in quella strada ed in quella macchina che lo attendono indietro, inizia così a prendersi cura della lepre fino alla sua completa guarigione e a vagabondare per la Finlandia. Si concretizzano moltissime avventure a contatto diretto con la natura e con i piccoli paesini di campagna.
Molto reale per chi conosce davvero la natura, ma fin troppo giornalistico. Il romanzo è scritto bene ma con uno stile che definirei privo di sentimenti, appunto come può fare solo un occhio di tipo giornalistico, e questo in un romanzo non riesco molto a sopportarlo perché credo che i sentimenti facciano il 50% di un romanzo, siamo pur fatti di questo.
La cosa che ho apprezzato però è la sincera veridicità con cui ha raccontato questa storia, veridicità che esiste limitatamente perché è un libro e non so quanto ci sia di reale; attraverso questa sincerità però si scopre un popolo che io prima d'ora non avevo conosciuto, paesaggi, situazioni e luoghi sconosciuti si intrecciano nella vita del protagonista per darci, se non i sentimenti, almeno la bellezza della natura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'anno della lepre 2013-03-29 06:48:19 Mario Inisi
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    29 Marzo, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non l'ho capito

Non conoscevo Paasilinna ma mi ero fatto l'idea che fosse proprio il tipo di scrittore che piace a me: storie strampalate alla Buzzati senza nessun vincolo alla trama. Invece ... Sì le storie sono più o meno così ma lo stile è freddo, quasi giornalistico e non suscita immagini o emozioni almeno in me. Lo stile così serio non rende ragione e non fa risaltare la storia strampalata, non crea suggestioni. Forse sono partito male aspettandomi un Buzzati nordico e non sono riuscito a superare la delusione di non aver trovato nulla di quello che mi aspettavo data la partenza. Sinceramente ho trovato il libro anche noioso, la storia che pure è di quelle che potrebbero tenermi sveglio fino a fine libro non mi ha coinvolto per niente. Mi dispiace molto quando mi passa per le mani uno scrittore e non riesco a cogliere niente di quello che ci vedono gli altri. Mi piacerebbe riuscire a vedere il bello di ogni libro. In una vita precedente devo essere stato un editor. Purtroppo con questo scrittore c'è una incomunicabilità totale nonostante i gusti simili, cosa che mi capita raramente.
Comunque ho preso anche il migliore amico dell'orso per i fumetti. Magari come graphic novel è un po' meglio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'anno della lepre 2012-12-18 17:38:45 Dilo
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Dilo Opinione inserita da Dilo    18 Dicembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'anno della Lepre

Narrazione schietta e diretta, senza termini ricercati o fronzoli di qualche tipo e si capisce fin dalla prima frase del libro: "Sull'automobile viaggiavano due uomini annoiati.". Non so se il merito sia più dell'autore o del traduttore, molto probabilmente di entrambi. Se mettiamo insieme frasi schiette e brevi e un narratore in terza persona che non perdona nulla ai suoi personaggi, abbiamo come risultato una lettura veramente divertente.
Siamo in Norevegia e un uomo scende dalla macchina per vedere se l'autista ha investito una lepre. L'uomo nel bel mezzo di una crisi di mezza età comincia a viaggiare per il paese insieme alla sua piccola amica servatica. Il protagonista che prima faceva il giornalista per un'importante testata nazionale, comincia a fare i lavori più disparati e incontra individui sempre più strani e di ogni livello sociale, così l'uomo comincia a fare esperienze che prima non aveva neanche osato immaginare. Come sfondo i fantastici paesaggi Norvergesi, descritti così bene che scorrono davanti agli occhi del lettore e fanno venir voglia di prendere un aereo e partire. L'unico lato un po' negativo, giusto a voler essere pignoli è il fatto che spesso lo scrittore faccia ubriacare il protagonista per tirarlo fuori da situazioni poco chiare (un po' come quando Dante sviene durante la Divina Commedia) e quindi ci ritroviamo con dei buchi temporali. Un viaggio interessante e divertente, vale la pena leggerlo dall'inizio alla fine

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Piccoli suicidi fra amici
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'anno della lepre 2012-12-12 09:43:04 kudra276
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
kudra276 Opinione inserita da kudra276    12 Dicembre, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

boschi neve e....

tanta natura, tanti animali, tanti personaggi particolari e umanamente toccanti, in questo viaggio alla ricerca della libertà, perduta chissà come chissà quando, nel momento in cui si è permesso alla quotidianità ed alla noia di diventare i padroni nella vita. Vatanen la crisi dei quarant'anni la affronta così, muovendosi fino al confine russo ed oltre con una lepre in tasca, trasportando quanti leggono le sue avventure nei boschi incantati della Finlandia, facendoci incontrare renne, corvi, cani da caccia, facendoci calpestare la leggera e polverosa neve dei paesi del nord, senza mai voltarci indietro a guardare le nostre impronte.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
gli altri di Paasilinna
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Giorno di vacanza
Génie la matta
Mattino e sera
L'anno che bruciammo i fantasmi
T
Il mondo invisibile
Moriremo tutti, ma non oggi
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Una primavera troppo lunga
La vedova
Il bambino e il cane
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa
La mia Ingeborg