Dettagli Recensione

 
Uomini che odiano le donne
 
Uomini che odiano le donne 2010-11-27 20:46:07 Asfe
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Asfe Opinione inserita da Asfe    27 Novembre, 2010
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Magnifico

E' ufficiale: sono innamorata di questo romanzo.
Anzitutto lo stile è scorrevole, facilmente leggibile ma affatto infantile o semplice. Insomma, Larsson riesce a trasportarti con il giusto tono e a descrivere senza lanciarsi in inutili discorsi prolissi ed esageratamente minuziosi; la fantasia del lettore è stimolata a volte dall'insieme omesso e dal particolare specificato, altre l'incontrario, aggiungendo dettagli in modo naturale mano a mano che procede la storia e sta a chi legge unirli nella sua mente e la cosa è addirittura spontanea.
Ciò è utile per districarsi in una trama abbastanza complessa ed intrecciata, che tuttavia risolve tutti i dubbi alla fine in soluzioni inaspettate eppure spiegate quasi con ovvietà! I personaggi sono molti, è vero, ma fortunatamente l'autore ci dà una specie di albero geneaologico da cui attingere in caso di dimenticanze. Ma questo lo vedo difficile: pur non ricordandosi un nome od un cognome, è improbabile dimenticare il carattere di ogni persona che lo scrittore sa far emergere anche in poche righe. Difatti ogni personaggio è approfondito: alcuni più e altri meno, è certo, ma sicuramente sarà rarissimo incontrare qualcuno fra le pagine conoscendone solo nominativo o aspetto.
Mikael Blomkvist, il protagonista che alcuni hanno giudicato troppo perfetto sotto il profilo della sua vita sessuale (molto attiva, direi...) è per me una cosa possibile: insomma, di donnaioli ne esistono molti, perché Mikael non potrebbe esserlo essendo un bell'uomo? Non scade nello stereotipo risultando meraviglioso fisicamente né caratterialmente (anzi, a tratti è troppo testardo e noncurante, in alcuni periodi mette su pancia e via discorrendo), dunque io non trovo nulla di irreale.
Lisbeth Salander, eroina troppo "genio"? Forse, fatto sta che gli hacker come lei ci sono, eccome! A me pare incredibilmente imperfetta: è asociale, aggressiva e parecchio incline alla violenza (parzialmente dovuto alla sua infanzia infelice che... *si cuce la bocca*), tuttavia conserva caratteristiche come memoria fotografica e abilità informatiche strabilianti, più un'intelligenza decisamente fuori dal comune.

Davvero, resterete incollati alle pagine: un noir che riveste a sprazzi i toni del macabro, un giallo ingegnoso e dai colpi di scena, coinvolgente a tal punto da sentir respirare i personaggi accanto a te.
Imperdibile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chiunque.
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il detective selvaggio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero degli Inca
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Marie la strabica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una perfetta bugia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La bella sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il confine
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tempo dell'ipocrisia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La maledizione delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'eredità di Mrs Westaway
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Sorelle sbagliate
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una vita in parole
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri