Dettagli Recensione

 
Joyland
 
Joyland 2013-07-02 05:28:56 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    02 Luglio, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'horror decadente

Joyland di Stehphen King è un romanzo “double face” e forse “sui generis” nella produzione dell’autore. Rappresenta una pausa? E’ il nuovo corso? Costituisce l’addolcimento invitabile che deriva dall’avanzare dell’età?
Nella prima metà del libro la storia procede per passi di danza su un registro tra il romantico e il nostalgico.
Sia per la location (siamo nella Carolina del Nord, in prossimità di Heaven’s Beach), sia per i giovani protagonisti (studenti squattrinati che decidono di lavorare d’estate per raggranellare qualche quattrino e intessono amicizie), e soprattutto per il luogo di lavoro: Joyland “è vecchio e male in arnese, però qui sta il suo fascino”.
I giovani protagonisti sono “i tre moschettieri di Joyland”: oltre a Erin e Tom, in primo piano si muove Devin Jones. In crisi sentimentale con Wendy, diviene factotum al parco dei divertimenti con un compito particolare: recita la parte del cane Howie (“Quando hai addosso la pelliccia i bambini ti adorano alla follia”), sfidando il caldo dell’estate per la gioia dei bambini.
La prima parte del romanzo procede al suono di uno slogan (“Noi vendiamo divertimento”) e sulla scia di un ritornello: “Che dolce, eh?”

Poi, nella seconda parte, in King prevalgono passato e propensione al genere.
Allora Joyland diviene un parco spettrale.
La Ruota Sud si trasforma da romantica passeggiata nel cielo in anfiteatro dell’orrore: “La Ruota del Sud girava nella notte ventosa. A destra la furia delle onde, la spuma dei cavalloni talmente bianca da sembrare fosforescente”.
La luce che illumina la scena è quella dei lampi di Gilda, la tempesta che sta per abbattersi sulla costa atlantica.
Alcuni personaggi da “figli del carrozzone” si trasformano chi nel “Killer del parco”, chi in fantasma.
Devin si è fermato in autunno, a Joyland, oltre che per collaborare nelle operazioni di manutenzione conservativa, per dare pace al fantasma di Linda Gray che si aggira nel “tunnel dell’orrore, il Castello del Brivido” e per regalare una giornata di gioia indimenticabile a Mike Ross, il ragazzino affetto dalla “distrofia muscolare di Duchenne” e che sembra avere poteri speciali (“Sta’ attento Dev. Non è bianco”). Ma soprattutto Devin vuole smascherare il folle omicida (”… a oggi ci sono stati quattro omicidi simili in Georgia e in Carolina. Tutte ragazze. Una accoltellata, le altre tre sgozzate”) che si aggira in prossimità dei parchi del divertimento.

Di questo romanzo ho amato il clima agrodolce, che si trasforma in atmosfera gotica approfittando delle attrazioni, delle giostre, dei personaggi che popolano il mondo del luna park e delle strane malinconie che sono legate a questo ambiente.
E se concludessi dicendo che, a me, King piace anche in questa versione un po’ più moderata?

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
241
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
gracy
02 Luglio, 2013
Ultimo aggiornamento:
02 Luglio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
OMG!!! Piace anche a me....dolcissimo King!! Un viaggio nel Maine o Kingland è un mio sogno nel cassetto
In risposta ad un precedente commento
Bruno Elpis
04 Luglio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Ti auguro di realizzarlo presto!!!
E dimmi, salirai sulla ruota? Ed entrerai nel tunnel dell'orrore? :-)
In risposta ad un precedente commento
gracy
05 Luglio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
O si!! Certo che entrerò nel tunnel dell'orrore!! Se posso solcherò anche in quel cancello ed entrerò in quella casa rossa;))
In risposta ad un precedente commento
Bruno Elpis
05 Luglio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Così poi mi racconti! :-)
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Girl in snow
Avversario segreto
L'ermellino di porpora
Otto perfetti omicidi
Città in fiamme
Lupa nera
Prede
Il cercatore di tenebre
La solitudine del ghiaccio
Il mistero della signora scomparsa
Cuori in trappola
La sua verità
Il seme del terrore
Autopsia
Nulla ti cancella
Le ore più buie