Dettagli Recensione

 
Una famiglia quasi perfetta
 
Una famiglia quasi perfetta 2016-02-28 20:45:06 lapis
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
lapis Opinione inserita da lapis    28 Febbraio, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Peperoncino negli occhi

Jenny è una donna moderna che si destreggia freneticamente tra la professione di medico, il matrimonio con un neurochirurgo di successo, l’hobby della pittura e tre figli adolescenti da crescere. Il tempo è tiranno ed è difficile tenere tutto sotto controllo ma, in fondo, se si guarda intorno, non può che ritenersi soddisfatta: un marito, Ted, ancora innamorato dopo vent’anni, un lavoro gratificante seppur impegnativo, ma soprattutto tre ragazzi indipendenti, maturi, appassionati di arte e sport. Anche se Ted ultimamente è poco presente nella vita familiare. Anche se i gemelli sembrano scostanti e scappano appena possibile nelle loro stanze. Anche se Naomi non si confida più e sembra diversa, con quei tacchi alti e quel vestito audace. Ma è solo un momento, tutto tornerà presto alla normalità.

E invece no. Nulla torna alla normalità perché un evento terribile e sconvolgente si abbatte su tutti loro: la scomparsa di Naomi. E questo evento finisce per lacerare, tutto a un tratto, il velo che copre la realtà, rivelando che la vita che credeva di condurre forse era tutta un’illusione. E a un anno di distanza, a Jenny non rimane che un enorme groviglio di interrogativi: che fine ha fatto Naomi, dopo mesi di inconcludenti ricerche e supposizioni? Come ha potuto distrarsi, perdere di vista le cose importanti, non dare peso a tutti gli “anche se” che aveva sotto gli occhi? O forse era solo più facile non vedere? Ma soprattutto, come trovare ora la forza per andare avanti e avere ancora speranza, senza soccombere ai sensi di colpa?

La narrazione si snoda su un duplice binario temporale tra la vita di ieri, con le sue incrollabili certezze di bugie, e la solitudine di oggi, angosciosa e desolante. Eppure il filo dell’indagine sembra non essersi mai sopito e forse c’è ancora spazio per recuperare, tra le macerie del passato, gli elementi che possono rivelare la verità sulla scomparsa di Naomi. E placare un opprimente bisogno di sapere. Lo stesso bisogno che inchioda noi lettori fino all’ultima pagina.

Sicuramente è un thriller avvincente e originale, sebbene forse un po’ troppo semplice per destreggiarsi con successo con gli elementi psicologici di questa trama. I personaggi avrebbero richiesto, a mio avviso, una maggiore profondità di caratterizzazione e analisi, in particolare dei conflitti interiori e delle motivazioni che hanno sgretolato l’apparente perfezione di questa famiglia conducendo ciascuno di essi su un proprio drammatico percorso. Non nego inoltre che a pesare sul giudizio è anche un finale devastante e imprevedibile, come d’obbligo per un buon thriller, che però mi ha deluso nella sua precipitosa e insoddisfacente chiusura.
Avvincente, ma non del tutto convincente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Nero come la notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caldo in inverno
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Ah l'amore l'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ragazza nuova
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'angelo di Monaco
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Universum. Cronache dei pianeti ribelli
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Anello di piombo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa delle voci
Valutazione Utenti
 
3.4 (4)
Nozze. Per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri