Dettagli Recensione

 
Con gli occhi del nemico
 
Con gli occhi del nemico 2012-12-02 16:44:29 antonelladimartino
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
antonelladimartino Opinione inserita da antonelladimartino    02 Dicembre, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La vita come morte latente

«Da che parte stai, Israele o Palestina?» Sì, mi hanno posto la domanda. Secondo me, non ha senso. Io sto dalla parte di coloro che vogliono la pace. Non vedo alternative.
Questa breve introduzione non mi sembra fuori tema per introdurre questa raccolta di saggi, scritta dall’ottima penna di David Grossman.
“Hegel ha detto che sono i malvagi a fare la storia. A me sembra che in Medio Oriente conosciamo bene il rovescio di questa medaglia, e cioè che una certa storia può rendere malvagi”.

L’autore affronta diversi argomenti, che ci portano a riflettere su Israele e sulla guerra: il suo lavoro, della sua famiglia, del suo paese, il suo popolo, la storia; tutto riconduce all’ossessione di una pace che sfugge. Le riflessioni sono scritte con passione, ma non per questo difettano in lucidità: ci raccontano gli effetti deleteri di una storia fatta di guerre e persecuzioni; esaminano le deformazioni devastanti prodotte dalla paura, che incatenano e generano odio e schiavitù; esplorano le possibilità e gli orizzonti di un futuro senza guerra.

L’autore analizza le cause e i sintomi della malattia che ha cambiato i fondamenti etici e culturali del suo popolo, che dopo millenni di esilio e di esistenza inerme ha preso le armi e non ha più smesso di usarle. Il lungo conflitto, i confini sempre instabili dello Stato, la paura, l’odio e il senso di colpa hanno impoverito e svuotato di senso la vita, ma anche la morte.
“La consapevolezza dell’insostenibile leggerezza della morte, la cui più mesta espressione ho sentito una volta in un’intervista a una coppia di israeliani alla vigilia del matrimonio. Alla coppia fu chiesto quanti figli avrebbero desiderato, e la giovane, dolce sposina rispose prontamente che ne avrebbero voluto tre - perché, se uno viene ucciso in guerra, ce ne restano altri due.”

Un presente funestato da una guerra infinita, un passato di esilio e di persecuzione, un futuro immutabile: non è più una vita, ma una “morte latente”, come la definisce l’autore. In questa condizione priva di continuità, cambiare prospettiva è la chiave per immaginare un futuro migliore: è necessario guardare il mondo con gli occhi del nemico, proprio perché la pace sembra un obiettivo irraggiungibile.
“Non credo che un cambiamento drastico possa avvenire in tempi brevi, ma se anche ciò dovesse verificarsi nel giro di una o due generazioni, potrebbe contribuire a sanare la deformazione che ha portato Israele lontano dal suo stesso ethos.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
altri libri sull'argomento, altri libri dello stesso autore.
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 
davvero un argomento ostico !
analisi molto interessante...
ti faccio una domanda, Antonella: a livello stilistico è di facile lettura o rientra a pieno titolo nel genere di saggio storico-politico?
In risposta ad un precedente commento
Sydbar
03 Dicembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Ci sono troppi intererssi di mezzo... ma scusate la parentesi politica, bella recensione Antonella molto analitica.
Grazie Silvia:-) Lo stile di questi saggi non si distacca da quello narrativo: non semplice, ma sempre coinvolgente.
Sono d'accordo con te Syd. La pace è difficile anche perché la guerra rappresenta un affare molto conveniente. Grazie e buona giornata:-)
In risposta ad un precedente commento
kobe
03 Dicembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Recensione molto puntuale Antonella!! Ritengo Grossman uno dei pilastri della letteratura contemporanea e su un tema del genere penso abbia tanto da dire!!
In risposta ad un precedente commento
piero70
03 Dicembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
concordo con tommaso..
lui è stato toccato in prima persona dal conflitto e quindi è uno dei pochi che riesca e possa dire la sua con cognizione..
bella recensione!
Grazie Tommaso:-) Anch'io ritengo che Grossman sia un grande scrittore contemporaneo, e anche un grande uomo: ha perso un figlio in guerra, però è riuscito a conservare lucidità e compassione.
Grazie Piero!
Sì, l'analisi di Grossman ci offre una visione ravvicinata e al tempo stesso molto ampia.
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo del porto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Gli occhi di Sara
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri