Dettagli Recensione

 
Mai visti sole e luna
 
Mai visti sole e luna 2013-07-08 07:56:11 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    08 Luglio, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mai dimenticare!

Devo ammettere che la lettura dei libri di Ferdinando Camon riserva sempre grandi sorprese, e non solo per quanto concerne il tema trattato, ma anche per come esso viene esposto. Su quest’ultimo aspetto ritornerò in argomento approfonditamente più avanti, perché credo che ben più importanti siano i contenuti, tali da scuotere una naturale indolenza estiva che mi porta a cercare prose facili e meno impegnative. No, con Mai visti sole e luna, è d’obbligo leggere soffermandomi su svariati punti, lasciandomi trascinare dalle apparenti digressioni di cui è infarcito il racconto e con le quali l’autore conduce per mano a scoprire i reali e autentici significati di questa sua fatica.
Ancora una volta lo scenario è quello agreste, il mondo è quello contadino, lontano mille miglia dalle visioni idilliache delle Bucoliche di Virgilio, una terra aspra su cui spezzare le reni per trarre il necessario per il proprio sostentamento, una civiltà sempre uguale nel tempo che l’industrialismo del dopo guerra ha spazzato via. Uomini e natura, natura e uomini, quasi un’identità che non lascia scampo: si viene al mondo sulla terra, alla terra si ritorna quando si muore, in una vita già scolpita nella pietra del tempo, fatta di poche gioie e di molti dolori. È un’esistenza dura e lo è ancora di più se si aggiungono alle tante difficoltà e privazioni quotidiane una guerra (la seconda) e la feroce occupazione tedesca. È il barbaro germanico che nell’assoluta condizione di essere superiore schiaccia, tortura, uccide i contadini, visti non come uomini, ma come paria, come individui inferiori, eguali ai loro animali. Mi sale un brivido lungo la schiena nel ricordarmi di certe nefandezze raccontate nel libro: sono massacri del tutto inconcepibili che non possono trovare giustificazione e le cui vittime gridano ancora giustizia, senza essere ascoltate. Anzi, il tempo smussa, sfuma, la resistenza nelle campagne diventa un evento lontano, talmente lontano che i figli dei figli dei figli di quei protagonisti ora possono perfino chiedersi se qualche cosa c’è stato, o ancor peggio non chiedono nulla, non gli interessa, meglio ignorare il passato per vivere sradicati senza uno scopo, succubi del presente.
E pur in questa tragedia, che si rincorre di pagina in pagina, e nonostante l’esperienza dell’autore, perché l’aspetto autobiografico non è per nulla secondario, le capacità narrative sono sorprendenti, accompagnate da un velo d’ironia che nel capitolo che dà il titolo all’intera opera (Mai visti sole e luna) si trasforma nella satira dell’alfabetizzazione serale.
Però il sipario si apre ogni volta sul mondo contadino e curiosa al riguardo è la parte della contrapposizione fra campagna e città, quest’ultima fonte di tanti guai, perfino della guerra, abitata da individui incapaci di integrarsi, a differenza dei contadini, che vivono nella natura e secondo i ritmi della stessa.
Convengo però con Giorgio Bàrberi Squarotti, autore della postfazione, che giustamente scrive che leggere Mai visti sole e luna come l’opera dell’estrema nostalgia contadina, dell’ultima elegia di una cultura scomparsa, oppure come la rinarrazione, a tanta distanza di decenni, della guerra e della resistenza e anche degli anni che seguirono la guerra, significa ridurre alquanto il significato di un’opera che porta invece in sé un messaggio di universale portata. E quale è questo messaggio? La società moderna, in cui l’apparenza vela qualsiasi realtà, in cui tutti sembrano felici senza esserlo, in cui la ricchezza è la pietra di paragone per definire qualità che non sono tali, impedisce di vedere – a differenza di una civiltà contadina in quel tempo, nuda e scarna, che non impone visioni artefatte, ma si presenta tale e quale è - la vera tragica condizione umana, immutabile da epoche immemorabili: si nasce per poi morire e si paga il prezzo della morte vivendo.
Quindi, questo libro porta diversi messaggi, anche se forse ce n’è uno che all’autore interessa in modo particolare: l’importanza della memoria. E in questo senso Ferdinando Camon ha ben presente il concetto che, senza memoria, un fatto, per quanto aberrante e tragico, è come se non fosse mai accaduto. Non è quindi un caso se nella dedica ha riportato a penna queste parole: non c’è giustizia dopo le grandi stragi. E’ vero, la storia ce lo insegna, l’armadio della vergogna non è fantasia, ogni scusa è buona per seppellire il passato, quando scomodo. E questo è un ulteriore messaggio: il perdono interessato ai carnefici, senza pietà per le vittime, è un trionfo di quell’animalità che è in noi e che puntualmente, qualora le circostanze lo richiedano, si ripresenta.
E veniamo all’esposizione, a un italiano parlato che ha il grande pregio di essere corretto, bello ed efficace anche trascritto, con periodi lunghi che non stancano, anzi incollano il lettore alla pagina, con il ricorso non infrequente, ma esatto e insostituibile, al dialetto, in un contesto generale che sembra porgere una realtà in palmo di mano.
Camon deve aver voluto molto bene alla sua gente, a questi campagnoli, spesso ottusi e in lotta perenne con una natura indomita, un mondo ormai scomparso, sostituito da un’agricoltura industriale anonima, come anonimi sono gli attuali agricoltori, così diversi da quei contadini che nella loro umiltà non si sono mai nascosti il destino di ogni uomo.
Mai visti sole e luna è un romanzo stupendo, un vero e proprio capolavoro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il quinto stato, La vita eterna, Un altare per la madr, tutti di Ferdinando Camone
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

5 risultati - visualizzati 1 - 5
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

ho apprezzato molto questa recensione, anche se non concordo con il discorso generalizzato che esprime nella penultima frase. non è giusto farlo, le assicuro per esperienza personale che c'è chi, ancora, trova nel sacrificio donato con il lavoro della terra la propria fiera e umile identità, senza nasconderlo, donando totalmente se stessi a quella terra che è madre di tutti noi.
Non è una questione di generalizzare, ma è chiaro: la civiltà contadina non esiste più. Oggi c'è l'operaio agricolo. Camon è il cantore della fine di questa civiltà, immobile per millenni e poi spazzata via dall'industrialismo.
In risposta ad un precedente commento
calzina
08 Luglio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Sono fiera di essere figlia, ma anche nipote e pronipote di contadini. mio babbo non è un operaio, è un contadino, proprietario e coltivatatore della nostra amata Terra che attraverso il sudore e la fatica ci dona i suoi immensi frutti. Stesso amore e stesso sacrifico profuso già dai miei nonni e bisnonni, assolutamente nulla a che vedere con la sola manovalanza. Sudore e amore per il proprio lavoro. Ripeto, non è giusto generalizzare, non è assolutamente scomparsa la "civiltà contadina", anzi, le realtà intorno a me stanno mutando in senso opposto all'industrializzazione. Lo vedo con i miei occhi, ogni giorno.
Mi sembra che lei confonda l'attività con la civiltà, e comunque non mi pare di avere generalizzato, evidenziando un fenomeno (quello della scomparsa dell'arcaica e immbile civiltà contadina) oggetto di studio di diversi sociologi, a livello mondiale. Questo per dire che ciò che vediamo intorno a noi può essere un fatto sporadico e per questo non si deve generalizzare. Lei forse è giovane e non si ricorda le famiglie contadine a carattere patriarcale, dove erano presenti i genitori, con i figli e le nuore, e dove non capitava mai che un vecchio malandato finisse all'ospizio, perchè tutti in famiglia, specie le donne, lo accudivano. Il contadino generava contadini e questi altri contadini, perchè era quasi considerata una legge di natura. Premetto che io per primo attribuisco un immenso valore al lavoro dei campi, i cui frutti sostentano gli uomini, ed è quindi ben più importante delle attività industriali.
Le consiglio comunque di leggere i tre libri di Camon, figlio di contadini, che ho indicato fra i consigliati e si accorgerà così che la realtà, in generale, è ben diversa da quella che lei ha prospettato.
In risposta ad un precedente commento
calzina
09 Luglio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Sicuramente leggerò i romanzi da lei citati, ma confermo appieno ciò che ho scritto in precedenza: non è giusto generalizzare sull'industrializzazione contadina, non è così. Non è giusto farlo, nei confronti di chi ha nel sangue i valori da lei citati, io in primis, e che continua a svolgere la propria attività con lo stesso principio di sacrificio per la famiglia e per il lavoro. Nonostante io sia giovane conosco bene la realtà contadina da lei descritta, per questo non trovo giusto asserire che essa esista solo in pochissime realtà.
La mia non è assolutamente polemica, ma è difesa di quei valori che i miei genitori ed i miei nonni mi hanno trasmesso, è profondamente ingiusto pensare che essi siano scoparsi. Pur rimanendo conscia del fatto che esistano realtà diverse, questa è la mia realtà e penso vada rispettata come le altre che fanno eccezione (se poi eccezione siano).
Rispetto la sua opinione, seppur in contrasto con la mia , e la ringrazio per il confronto che ha avuto con me.
5 risultati - visualizzati 1 - 5

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Qualcun altro
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Un millimetro di meraviglia
Nannina
Chiudi gli occhi, Nina
Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio