Dettagli Recensione

 
Io l'amavo
 
Io l'amavo 2015-03-25 14:29:22 SARY
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
SARY Opinione inserita da SARY    25 Marzo, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'abbandono

Un dolore fortissimo in mezzo al petto, spasmi e tremori sconquassano il corpo. La solidità di un matrimonio stravolta dal tradimento di lui. Passano davanti agli occhi le immagini di felicità, flashback di ciò che è stato e non sarà più. E’ possibile che quei sorrisi rivolti a lei ora siano di un’altra? Cosa ne è stato degli abbracci intensi da marito e da padre di famiglia? Dove è finita quella voce roca nei momenti passionali e squillante nelle parentesi riservate alle figlie? E quell’odore che inebria e dà un senso di pace, l’odore della pelle del proprio uomo, ora chi vi si perde? Come si può spiegare l’abbandono alle proprie creature che nulla c’entrano con l’attrazione fisica del proprio papà nei confronti di un’altra donna, diversa dalla mamma principessa della casa? Le lacrime, maledette lacrime che scorrono come fiumi in piena senza tregua, sbucano nei momenti meno opportuni, non temono la gente, non provano vergogna, solo un bisogno di libertà ed espressione massima. Il lusso di cullarsi nell’autocommiserazione non è previsto per le madri, bisogna inserire il pilota automatico e marciare dritto, quel male interiore che rischia di oscurare tutto bisogna arginarlo, un buco nero che si inghiotte anima e tutto quanto. Chloè, la protagonista, un figura positiva accanto ce l’ha, il suocero. Dall’aspetto burbero ed austero, nasconde in realtà una grande capacità di amare. Di errori nel passato anche lui li ha commessi, rimediare ed imparare è un modo per ripagare il prossimo e sé stessi, sì, anche noi stessi dobbiamo perdonarci per ciò che siamo e facciamo. Il perdono. Si può perdonare? Ma come si fa? Voglio che qualcuno mi dica, scriva, urli e tramandi il perdono, quello autentico, non l’ipocrisia. L’autostima e l’amor proprio, ad un certo punto del calvario, risorgeranno più forti?
Breve, intenso, diretto e essenziale. Poche parole ben spese, frasi lapidarie efficaci, con una potenza espressiva forte. Due storie che si intrecciano, la visione della vittima e la versione del carnefice, si scontrano, prendono le misure, cercano un senso, un punto di incontro dove deporre le armi.
Scenari in secondo piano, descrizioni quasi nulle, dialoghi minimi e improvvisi, nel dolore ci sono poche parole.
Concludendo, una lettura che scatena rabbia e comprensione.

“Dopo quanto tempo si dimentica l’odore di chi vi ha amato? E quando si smette di amare? Datemi una clessidra”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

5 risultati - visualizzati 1 - 5
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Bella questa recensione, mi piace molto! Sentita, passionale, una recensione scritta da una persona che "sente": gli abbracci, la voce, la pelle, ma soprattutto l'odore del proprio uomo (inconfondibile, il luogo ideale per perdersi...) Dicono che ti accorgi di non amare più il tuo uomo quando l'odore, che fino a quel momento ti aveva tenuta legata inesorabilmente a lui, inzia a darti fastidio. E' il modo in cui il tuo corpo ti dice che non ci dev'essere più lui vicino a te. Dev'essere una sensazione bruttissima, che spero di non vivere mai.
Sicuramente è un libro giusto per me e sarà uno dei primi che leggerò: grazie del consiglio.
In risposta ad un precedente commento
SARY
25 Marzo, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Mia! Sì, l'odore, pensa il mio compagno quando sono isterica mi abbraccia e ridendo/scherzando mi dice: " Dai, annusami che ti calmi" ... credimi è proprio così, una banalità verissima. Lo stesso succede con mio figlio, odore di bambino, tanta tenerezza. Allora aspetto il tuo commento, ciao Mia.
Che bel commento appassionato !
In risposta ad un precedente commento
SARY
27 Marzo, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie C.U.B.
Commento stupendo..che sa di vissuto.
Bravissima Sary!
Pia
5 risultati - visualizzati 1 - 5

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Giorno di vacanza
Génie la matta
Mattino e sera
L'anno che bruciammo i fantasmi
T
Il mondo invisibile
Moriremo tutti, ma non oggi
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Una primavera troppo lunga
La vedova
Il bambino e il cane
Giù nel cieco mondo
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa