Dettagli Recensione

 
Shogun
 
Shogun 2013-11-10 10:20:15 Mephixto
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mephixto Opinione inserita da Mephixto    10 Novembre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un bello dimenticato ?

“Shogun” si dimostra un romanzo di tutto rispetto, rendendo onore alla fama che lo precede. Emozionante, avventuroso, nobile e avvolgente. Mille pagine di storia giapponese. Oserei azzardare a dire che: “Shogun” sta alla storia giapponese come “I pilastri della terra” sta a quella inglese. (ovviamente nel panorama della narrativa)

La storia si svolge all’apice del periodo Sengoku jidai (letteralmente l’età del paese in guerra) un periodo che durò circa cinquant’anni, (1548 – 1603) in cui tutti i Daimyo, grandi e piccoli, si scontravano dandosi battaglia a suon di spada e intrighi politici. All’apice di questo sanguinoso scontro per il potere assoluto, di oltre trecento Daimyo ne rimasero poco più di venti a contendersi il titolo di Shogun . In questo periodo fragile fatto di alleanze effimere ed evanescenti approda, quasi naufragando, sulle coste della terra degli dei John Blackthorn e il suo equipaggio . Da qui in poi avremo modo di apprendere e scoprire questo paradiso terrestre dove onore, dovere e armonia rappresentano gli unici valori che contano.

Con gli occhi del Anjin-san (Blackthorne) scopriremo usi costumi e filosofia di vita di un popolo affascinante culturalmente, e civilmente avanzato che paragonato al nostro d’inizio rinascimento è avanti mille anni. L’Anjin-san diverrà presto oggetto di studio e parte integrante degli intrighi per la conquista del titolo di reggente e dovrà sgretolare ogni suo preconcetto e arrendersi all’evidenza che per sopravvivere dovrà far suo e diventare un samurai. Amore, amicizia, saranno colonne portanti di questa avventura nipponica che porterà il protagonista ad un cambiamento radicale. Sia interiore che esteriore. Un cambiamento di cui non saremo solo dei semplici spettatori, che ci piaccia o no anche noi cambieremo e capiremo le contraddizioni di questa cultura spesso indecifrabile. Questo perché Clavell è bravissimo a trascinarci nel vortice di pensieri ed emozioni di Balckthorn, Mariko e Toranaga: protagonisti di tutto rispetto che vi faranno commuovere e appassionare. Quasi tutti gli attori sono ispirati a personaggi storici realmente esistiti,utilizzando però nomi fittizzi, forse per rispetto della storia e dei suoi fatti o piu probabilmente per evitare vincoli narrativi e incongruenze storiche.

Non è tutt’oro quello che luccica: infatti non è privo di difetti, purtroppo. Qualche falso storico, qualche luogo comune potrebbero meritare il perdono, in virtù della storia, ma il suo più grande, e si evince immediatamente, è lo stile ! lascia molto a desiderare, e la traduzione poi ci fa spesso storcere il naso. La gestione dei dialoghi e dei paragrafi è confusa e articolata in modo banale, così come le digressioni durante la narrazione che spesso confondono .Ma quello che più mi ha dato fastidio è l’assenza di un riferimento temporale in relazioni ai fatti . Karma ?

In tutti i casi un libro da leggere che vi rapirà vi emozionerà e vi fare desiderare che non abbia mai fine, perché ha tutte le carte in regola per avvicinarvi ad una cultura, che per noi eurocentrici è distante e affascinante in egual misura. Ma tutto ha un inizio e una fine e quindi rimane la gioia di aver letto un romanzo storico che non può mancare in ogni libreria dei patiti del genere, e anche non.

Buona Lettura !!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
290
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

5 risultati - visualizzati 1 - 5
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Mmmm...l'argomento come sai mi intriga. Sono scettica sull'autore non giapponese, queste storie scritte dai nipponici acquistano mille punti in fascino, secondo me.
Un libro che ho amato follemente.Clavell sa rapirti.Ho iniziato anche gai-jin dello stesso autore,ma devo dire che dopo poco ho rinunciato.Non mi prendeva ma riproverò.
Splendida segnalazione.
In risposta ad un precedente commento
Mephixto
11 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
@CUB in realtà è un romanzo di "formazione per occidentali" io ho avuto un rapporto di amore odio, storia molto bella e affascinante, lo stile non è ovviamente quello giapponese. Io te lo consiglio ma affrontalo quando hai voglia di svagarti con qualcosa del tipo "Giappone per tutti" :)
@Ally concordo, ho letto questo e sono entusiasta, ma proprio per lo stile non credo leggero altro a breve, ma più avanti chi può dirlo ? Grazie del complimento :)
bellissimo commento Mirko!!
è un romanzo datato che ho sentito nominare spesso in passato.....
la tua analisi è utile e puntuale nel mettere in luce i punti di forza ed i punti deboli di questa lettura!
grazie :-)
In risposta ad un precedente commento
Mephixto
11 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Silvia71, sempre presente e sempre incoraggianti i tuoi commenti ! ;-)
5 risultati - visualizzati 1 - 5

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La grande fortuna
Sabotaggio
Nuove abitudini
Linea di fuoco
L'ufficio degli affari occulti
Il mago
La moglie del lobotomista
La guerra di H
Il canto di Calliope
L'aria innocente dell'estate
Max e Flora
Rincorrendo l'amore
Giochi proibiti
Il canto di Mr Dickens
I Netanyahu
Oblio e perdono