Dettagli Recensione

 
La regina scalza
 
La regina scalza 2013-12-09 08:55:25 Mephixto
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Mephixto Opinione inserita da Mephixto    09 Dicembre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non si vive solo di rendita

Premetto che è stato difficile per me scrivere questa opinione cercando di mantenermi imparziale e obbiettivo. Fare in modo di non essere trasportato dall’ira e dalla delusione non è stato affato facile. Quanto segue è il risultato e non sono nemmeno tanto convinto di essere riuscito a mantenermi neutro da tali emozioni.
“La regina scalza”: ultima fatica di Ildefonso Falcones. Romanzo che si snoda nella spagna di metà XVIII secolo, dove le storie di un’ accozzaglia di protagonisti colorita e grottesca si sviluppano, tra questi : Il Galeote, Milagros, Ana Vega, Pedro, e tanti, tanti, tanti, zingari, tranne una; Caridad l’africana liberta, che trova conforto e umanità proprio tra di loro. Intere famiglie di Zingari che cercano di sopravvivere a tutte le disgrazie che i nobili di spagna e i Payos ( Payos sono i cittadini comuni, quei poveracci che tutte le mattine si alzano e vanno a lavorare; cioè noi, e che secondo la mentalità gitana devono mantenere anche loro) Gli riversano addosso. Si potrebbe dire che Falcones riesce a tratteggiare gli Zingari in chiave romantica, rendendoli vittime ideali e carnefici perfetti. Per quanto i protagonisti siano romanticamente affascinanti, non possiamo dirlo per tutte le persone che formano la comunità gitana di Triana (quartiere di Siviglia dove si svolge gran parte della storia) Il Romanzo è un susseguirsi di disgrazie e mezze gioie e il marchio di fabbrica di Falcones sta proprio nel dare respiro ai personaggi per poi buttarli in baratri ancor più profondi, utilizzando sempre elementi presi in prestito dalle minoranze etniche del periodo storico che affronta. ( Ma questa volta vuoi proprio perche la minoranza etnica non mi è congeniale mi ha lasciato l’amaro in bocca)
Durante la lettura, non priva di stop da noia, ho avuto sensazioni contrastanti, come se l’autore non sapesse cosa realmente raccontare. Infatti la storia inizia con Caridad (splendida creatura dalla pelle ebano che risveglia la lascivia degli uomini, anche i più integerrimi) che una volta liberata dalla schiavitù e sbarcata a Siviglia trova rifugio, senza che prima non la torturino un po’, tra le braccia del Galeote:un vecchio gitano coriaceo e caparbio, forte come un toro, pragmatico e sprezzante all’inverosimile, che vive di contrabbando ed espedienti, (che strano) . Qui conosce Milagros e diverranno amiche inseparabili fino a quando … be non dico nulla, ma l’indizio è in un vecchio detto.” Chi è causa del suo mal pianga se stesso”.
Da qui in poi Caridad diventa una figura a mio avviso marginale, nonostante lunghe pagine a dir poco inutili, spostando cosi sugli Zingari l’attenzione … Milagros, sembra essere la vera protagonista, (La Giulietta di Falcones)ma se tanto mi da tanto penso gli sia riuscito male. Appena abbozzata,pochi approfondimenti emotivi. Allora mi sono detto forse il protagonista è proprio il Galeote, ma anche qui nonostante sia il personaggio che mi è rimasto più a cuore, non ha restituito a questa immagine quel carisma e quel ascendente che mi hanno regalato altri personaggi dei suoi romanzi.
Non so come dirlo in altre parole: però questa volta Falcones si è dimostrato sotto tono, e a mio avviso si percepisce la spinta editoriale e le pressioni nel giungere alla svelta a una conclusione. Nonostante le quasi settecento pagine ci sono interi paragrafi inutili e ripetitivi che potevano essere sostituiti con passaggi di ben altro spessore. Un esempio su tutti sono gli anni di prigionia di Ana Vega, abbozzati, appena accennati. Oppure lo scontato epilogo della storia d’amore tra Milagros e Pedro Garcia, poteva inventarsi qualcosa di meno scontato … ma non voglio approfondire oltre in questa recensione, rischierei di anticipare o rovinare un eventuale lettura al prossimo.
Lo stile ne ha risentito, forse proprio per il motivo sopra citato, legato alla spinta del editore ma, i troppi punti di sospensione, le frasi a metà e le frettolose descrizioni condannano questo testo che anche in stile pecca, e non poco, di superficialità.
In conclusione Falcones mi ha deluso, nei temi trattati e nel modo di esporli . Non lo consiglio, e non lo condanno in assoluto, però se dovete leggere qualcosa di questo autore meglio “La cattedrale del mare” o “La mano di Fatima” questo libro a confronto sembra più una bozza ancora da correggere …

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

7 risultati - visualizzati 1 - 7
Ordina 
Mirko, ti appoggio su tutti i fronti: contenuto, stile, etc....
durante la lettura mi sono chiesta: perchè non sfrondare queste 700 pagine???
In risposta ad un precedente commento
Mephixto
09 Dicembre, 2013
Ultimo aggiornamento:
09 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Come già detto Silvia, l'editor aveva probabilmente chiesto un romanzo corposo...:)
Altrimenti non si spiega...
In risposta ad un precedente commento
gracy
11 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Si...è una questione di editing. Alla gente piace molto questo allungamento di sugo! A me è bastato il primo polpettone, complimenti alla tenacia.
In risposta ad un precedente commento
valias811
30 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
L'unico romanzo di Falcones che mi è piaciuto è stato " La Cattedrale del mare" !
Ho letto anche " La mano di Fatima " che non mi ha entusiasmato per nulla,grazie per questa tua recensione ,mi risparmierò anche di iniziare questo ultimo polpettone.
ciao mirko.
ho letto solo 'la cattedrale..' e mi è piaciuto. stando ai commenti , sono stata fortunata.
anche nel suddetto romanzo, le fatalità che conducono il protagonista a vivere di tutto e di più sono poco verosimili. però ci può stare.
torniamo a sbirciare un vecchio e saggio marquez, ogni tanto fa bene!
saluti paola

17 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
aggiungo alle vostre la mia delusione

26 Marzo, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Ho appena finito di leggere La Regina Scalza dopo aver letto La Cattedrale del Mare.Non conoscevo questo scrittore,in genere leggo i classici. Tra i due preferisco il secondo,anche se ha un finale un po' deludente.Quello che mi piace di Falcones e' la capacita' di inserire tante vicende e tanti personaggi .Tuttavia questo va a scapito di un'introspezione accurata dei caratteri dei personaggi che appaiono solo come marionette alla merce' del loro burattinaio.Sono simpatiche ma alla lunga stancano.La sua e' una scrittura televisiva,basata solo sull'immagine e la parola,senza inserimento in in contesto accurato ne' da un punto di vista storico ne' paesaggistico.Forse la mia critica e' inficiata da letture pregresse,forse e' questo il tipo di scrittura del nostro tempo,ma se dovessi consigliarlo sinceramente non lo farei.
7 risultati - visualizzati 1 - 7

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri