Dettagli Recensione

 
Il pazzo dello zar
 
Il pazzo dello zar 2016-09-08 06:37:16 Emilio Berra TO
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Emilio Berra  TO Opinione inserita da Emilio Berra TO    08 Settembre, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quale follia !?

Kross, deceduto alcuni anni fa, viene considerato non solo il più grande scrittore dell'Estonia, sua patria, ma il maggior autore baltico, ed è stato per più anni candidato al Nobel.
"Il pazzo dello zar", ambientato nel 1827-37 (il capitolo di chiusura, nel '59), è stato pubblicato nel 1978, periodo in cui l'URSS era ancora una realtà politica capace di estendere il controllo sulle Repubbliche Baltiche. Le sue violenze, lo sappiamo, non furono affatto minori rispetto a quelle perpetrate in epoca zarista. Kross stesso ha trascorso otto anni di reclusione nei gulag siberiani.

Il libro è un romanzo storico, la cui voce narrante è Jacob, cognato del brillante aristocratico Timo von Bock, uomo di idee illuministiche, che sposò una giovane contadina, dopo averla fatta istruire per anni insieme al fratello Jacob, tanto da renderla più colta e signorile delle dame nobili per nascita.
Timo, amico personale dello zar, venne richiuso per nove anni nelle carceri russe, poi benevolmente lasciato in libertà vigilata presso la sua tenuta di campagna, con la motivazione ufficiale di 'pazzia' : aveva scritto una lunga lettera con argomentate 'verità' assai scomode . L'averla spedita allo zar in persona non può essere abbastanza plausibile come prova di follia certa ?

Romanzo storico, dunque. Il diario di Jacob, intanto, esiste veramente ; lo scrittore ha condotto rigorose indagini storiche sulla veridicità delle vicende annotate, come ha letto scrupolosamente le carte scritte dallo stesso Timo von Bock. C'è, insomma, alla base di quest'opera, un lavoro accurato di ricerca su documenti pubblici e privati.
Ne emerge un grandioso affresco non solo di una singola realtà, bensì di un'intera epoca, con una felice fusione di ambiti, individuale e collettivo.
La figura dell'aristocratico "pazzo" rimanda alla drammatica rappresentazione di noti presunti o finti folli della letteratura : da Amleto di Shakespeare all'Enrico IV pirandelliano.
La scrittura di Kross è magnifica. Doris Lessing l'ha definito "uno srittore meraviglioso che avrebbe meritato il Nobel".

"Vede, io sono pazzo e di conseguenza posso dire la verità".
"Tutto quello che Timo scrive è la pura verità (...). Ma l'arditezza di Timo è stata, con tutta evidenza, una vera pazzia".
"Ma dite un po' , che cosa si può rispondere a un pazzo...!?".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...

romanzi storici
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

12 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Ciao Emilio, complimenti per l'analisi di questo romanzo. Molto interessanti e invitanti i parallelismi che hai fatto.

Grazie
Saluti
Riccardo
In risposta ad un precedente commento
Emilio Berra  TO
08 Settembre, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie a te, Riccardo.
siti
08 Settembre, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Ai "pazzi" si risponde : "Hai ragione! " e non per pura condiscendenza ma perché è così.
A parte questa verità inoppugnabile che non riesco a tacere( mi sa che il personaggio mi piace...), sembra che questo romanzo richiami i grandi classici. Bella la fusione di storia e letteratura.
Grazie per la recensione, chiara, esaustiva e sintetica al tempo stesso, ponderata poi nel giudizio, mai affrettato o superficiale. Questo lo segno, sicuramente.
Una magnifica segnalazione, Emilio, grazie.
In risposta ad un precedente commento
Emilio Berra  TO
08 Settembre, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie, Laura. E' un libro che non lascia indifferenti.
In risposta ad un precedente commento
Emilio Berra  TO
08 Settembre, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie a te Anna Maria. Ho scoperto la grandezza di questo autore leggendo il memorabile "Anime baltiche" di Brokken.
Dalla tua recensione si ricava l'impressione di trovarsi di fronte a un'opera che potrebbe anche essere inserita fra i classici. Certo, l'epoca e anche le coincidenze delle vite fra il protagonista e l'autore potrebbero far pensare pure a una grande metafora dell'irresponsabilità umana, laddove questa, secondo me, non deve essere intesa propria di Timo, bensì dello zar e del suo regime dittatoriale. Interessante, Emilio, tanto che me lo segno.
Kvothe
09 Settembre, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Dopo questa bella recensione l' ho messo tra i miei preferiti e di sicuro lo leggerò. Complimenti è scritta molto bene.
In risposta ad un precedente commento
Emilio Berra  TO
09 Settembre, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Salve Renzo.
Sì, lo collocherei fra i classici della contemporaneità. Come hai intuito, è un libro che si presta ad ampie interpretazioni: succede con i grandi scrittori.
In risposta ad un precedente commento
Emilio Berra  TO
09 Settembre, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie, Kvothe. Buona lettura!
12 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La grande fortuna
Sabotaggio
Nuove abitudini
Linea di fuoco
L'ufficio degli affari occulti
Il mago
La moglie del lobotomista
La guerra di H
Il canto di Calliope
L'aria innocente dell'estate
Max e Flora
Rincorrendo l'amore
Giochi proibiti
Il canto di Mr Dickens
I Netanyahu
Oblio e perdono

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232