Dettagli Recensione

 
Fratelli di sangue
 
Fratelli di sangue 2017-05-10 10:49:45 antonelladimartino
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
antonelladimartino Opinione inserita da antonelladimartino    10 Mag, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L’eco di Alexanderplatz

«Crepare di fame? Va bene! Ma dove dico io!» Ulli, uno dei tanti protagonisti di questo romanzo corale, ha le idee ben chiare sugli obiettivi da raggiungere. La strada è stata la sua casa fin dall’infanzia, e raggiunta la soglia dei fatidici ventuno festeggia la sua liberazione dalla minaccia del riformatorio.

I riformatori tedeschi dell’epoca sono i luoghi che ospitano i minorenni che non possono più vivere in famiglia: li tolgono dalla strada, ma l’unica prospettiva che offrono è la disoccupazione. Là dentro, bambini e ragazzi non sono accolti, ma raccolti. Là dentro, non sono educati, ma sottomessi all’arbitrio e al capriccio di chi comanda. Là dentro, l’identità e il carattere vengono annientati. Là dentro, si perde la libertà in cambio di una misera sopravvivenza. Chi si adegua, è destinato a diventare “una persona senza spina dorsale, una natura servile che lascia l’istituto per iniziare la lotta con la vita. Una lotta che Heinz condurrà sempre con il cappello in mano”.

I protagonisti di questa storia di miseria giovanile sono dipinti a tratti coloratissimi, forse un po’ troppo rapidi, ma sufficienti a far respirare al lettore l’atmosfera in cui si muovono, un’atmosfera fatta di cattivi odori, pessimi umori e sottilissime speranze. La strada è fame e inferno, ma anche libertà, possibilità. C’è il calore dell’alcool, il sollievo delle sigarette. C’è la banda, che protegge e vendica, che ha le sue regole e la sua onestà, che crea senso di appartenenza. C’è il sesso delle prostitute, o delle “morose” che accompagnano le bande. C’è l’arte di arrangiarsi, spesso rubando.

Una via d’uscita? Una possibilità di salvezza? Esiste, ma passa fuori dai riformatori, attraverso l’amicizia, la solidarietà tra bambini persi. Secondo l’autore, è una possibilità troppo stretta, e rischiosa. Soltanto due personaggi riescono a imboccare la strada fuori dal crimine, ingegnandosi in un mestiere irregolare ma onesto, e sfuggendo con altrettanto ingegno alle trappole della burocrazia.

Un romanzo che è anche un documentario, ben fatto. Scomodissimo, ai suoi tempi. Non stupisce, che i nazisti l’abbiano mandato al rogo insieme a tanta letteratura scomoda: un motivo, uno in più, per leggerlo, e apprezzarlo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
letteratura tedesca, letture sui ragazzi di strada o sulla Berlino dell'epoca.
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

siti
11 Mag, 2017
Ultimo aggiornamento:
11 Mag, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Antonella, Berlino e la sua storia esercitano sempre un certo fascino. Bel commento.
Grazie! L'autore conosceva molto bene la Berlino di quegli anni.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La grande fortuna
Sabotaggio
Nuove abitudini
Linea di fuoco
L'ufficio degli affari occulti
Il mago
La moglie del lobotomista
La guerra di H
Il canto di Calliope
L'aria innocente dell'estate
Max e Flora
Rincorrendo l'amore
Giochi proibiti
Il canto di Mr Dickens
I Netanyahu
Oblio e perdono

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232