Dettagli Recensione

 
Tutto cambia. La saga dei Cazalet
 
Tutto cambia. La saga dei Cazalet 2017-11-04 09:53:17 Chiara77
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Chiara77 Opinione inserita da Chiara77    04 Novembre, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Addio ad Home Place

E.J. Howard, Tutto cambia. La saga dei Cazalet

Ed eccoci giunti nel giugno 1956 per leggere degli ultimi avvenimenti riguardanti la grande famiglia inglese dei Cazalet.
La narrazione riprende una dimensione maggiormente corale, come nel primo volume. Dopo migliaia di pagine in cui ci siamo affezionati ai protagonisti del romanzo, abbiamo sofferto con loro, ci siamo emozionati, sorpresi e a volte anche un pochino scioccati, giungiamo all'epilogo della storia.
Solo leggendo l'ultimo volume si può avere una visione complessiva dell'opera: appare chiara la struttura circolare della narrazione e ciò che voleva raccontare l'autrice: l'ascesa e il declino di una famiglia dell'alta borghesia inglese dagli anni '40 alla fine degli anni '50 del Novecento.
Nei libri centrali della saga la Howard si era soffermata maggiormente sui personaggi delle tre cugine, Polly, Louise e Clary, figlie rispettivamente di Hugh, Edward e Rupert, senza mai però abbandonare lo sviluppo corale della narrazione, raccontando sempre gli avvenimenti secondo il punto di vista dei vari personaggi.
In quest'ultimo testo direi invece che la luce è puntata di più su Rachel, la figlia femmina del Generale e della Duchessa, che si troverà, quasi a sessant'anni, a dover affrontare un futuro apparentemente senza prospettive.
I suoi tre fratelli maschi, Hugh, Edward e Rupert, hanno, in modi diversi e con prospettive diverse, fallito. Si sono dimostrati tutti e tre in qualche modo incapaci di preservare la loro condizione economica e di tramandare stabilità e prosperità ai loro innumerevoli figli, la terza generazione dei Cazalet. Questi ultimi sono cresciuti durante i lunghi anni della guerra, fra sacrifici e ristrettezze ed hanno saputo, chi in un modo, chi in un altro, perseguire una propria strada nella vita. Sono dei giovani adulti che hanno la possibilità di esprimersi che non hanno mai avuto i loro genitori.

“Clary si guardò intorno. L'ansia e la paura s'addensavano come nebbia in quella stanza e stavano pian piano avvolgendo tutti i presenti. «Voglio dire una cosa. Credo che sarebbe meglio se tutti noi esprimessimo i nostri sentimenti. Lo so, zia Rachel, hai detto di non parlarne durante il Natale. Ma il Natale è finito. Questa è la nostra ultima notte qui e siamo tutti molto tristi. Ma alcuni di noi lo sono di più perché non sanno cosa sarà di loro, dopo che avranno lasciato questa casa. Io credo che dovremmo parlarne. E siccome sono io che ho cominciato, lo farò per prima».”

Questa nuova possibilità di parlare dei propri sentimenti ed esprimerli finalmente agli altri riesce a far vivere gli eventi tristi in modo diverso, riuscendo in qualche modo a guardare in faccia la sofferenza senza vergognarsi: questo aiuterà ad andare avanti, seguendo norme di comportamento impensabili nei decenni precedenti.
Alla fine la famiglia si torna a stringere nella sua unità, radunata un'ultima volta ad Home Place. Gli affetti hanno la prevalenza sulle incomprensioni e sui rancori che caratterizzano ogni famiglia e che l'autrice ci ha descritto in modo magistrale nei precedenti volumi. Forse nel finale ha fin troppo insistito sulle varie riconciliazioni, ponendo l'accento soprattutto sull'amore e sul sostegno reciproco più che sui contrasti fra i vari familiari.
In conclusione, sono soddisfatta di aver letto quest'opera. Mi ha fatto entrare in un periodo storico e all'interno di relazioni familiari e sociali quasi come se le stessi vivendo davvero. Un dono veramente raro quello della Howard, di saper descivere ogni particolare ed ogni emozione senza annoiare o stancare il lettore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I volumi precedenti della saga dei Cazalet
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Bella recensione ,Chiara.
Qui la questione è : imbarcarsi per l'intera saga?
In risposta ad un precedente commento
Chiara77
05 Novembre, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Emilio! Secondo me ne vale la pena, la saga va letta integralmente perché è come un unico libro che si interrompe per dei salti temporali, leggerne solo alcuni volumi farebbe perdere di vista il senso complessivo. Questo almeno è quello che ho pensato io leggendola.

2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La grande fortuna
Sabotaggio
Nuove abitudini
Linea di fuoco
L'ufficio degli affari occulti
Il mago
La moglie del lobotomista
La guerra di H
Il canto di Calliope
L'aria innocente dell'estate
Max e Flora
Rincorrendo l'amore
Giochi proibiti
Il canto di Mr Dickens
I Netanyahu
Oblio e perdono

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232