Dettagli Recensione

 
Croce senza amore
 
Croce senza amore 2019-07-21 18:47:46 CRISTIANO RIBICHESU
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
CRISTIANO RIBICHESU Opinione inserita da CRISTIANO RIBICHESU    21 Luglio, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quasi un'autobiografia


Romanzo postumo, pubblicato nel ’98, tre anni dopo la morte dell’autore, può essere considerato un testamento facente, con onore, parte della “letteratura delle macerie”, così fu definita l’opera letteraria di Boll.
Una famiglia tedesca durante gli anni dell’avvento nazista reagisce in maniera differente ai mutamenti provocati dall’ascesa al potere di Hitler. Vergogna e preoccupazione alimentano i pensieri della madre, una sorta di indifferenza sembra abitare i pensieri del padre, mentre i due figli affrontano con spirito diametralmente opposto la progressiva trasformazione in atto nel loro paese.
La follia bellica porterà ognuno a confrontarsi con le proprie idee e la propria fede, ad affrontare il proprio destino e le disgrazie fino alla perdita della speranza.
La biografia dell’autore porta a supporre che molto di ciò che è narrato nelle pagine di questo libro sia stato da lui vissuto in prima persona, pagato con sofferente costrizione.
“… ci sarà la guerra, proprio come ci saranno sempre i ricchi e i poveri, finché esisterà il mondo, e quanto più a lungo esisterà, tanto più ingiuste saranno le guerre, tanto più poveri i poveri; perché non si lascerà loro neppure la consolazione del cristianesimo, la consolazione che in un ordine superiore la loro povertà li mette al di sopra dei ricchi…”
“(dobbiamo) pensare ogni giorno della nostra vita che quanto è accaduto in questi sette anni non è stato sogno, ma realtà. La gente lo dimenticherà di nuovo, la stirpe degli ignari tornerà sul trono e benché sia quasi certo che gli ignari vinceranno ancora, noi annunceremo la realtà.”
La lettura è spesso appesantita dal ripetersi continuo di metafore e allegorie, ma ci si abitua e se ne avverte il beneficio, come opportuno è il ripetersi di aggettivi e sostantivi a porre l’accento sulla loro importanza e renderne penetrante il significato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Una lettura interessante, Boll fa parte dei più grandi del novecento, grazie per avermelo ricordato.
Dalle informazioni che ho cercato sul web sembra che si tratti del primo romanzo scritto da Boll, mai pubblicato quando l'autore era ancora in vita. Buona lettura.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La grande fortuna
Sabotaggio
Nuove abitudini
Linea di fuoco
L'ufficio degli affari occulti
Il mago
La moglie del lobotomista
La guerra di H
Il canto di Calliope
L'aria innocente dell'estate
Max e Flora
Rincorrendo l'amore
Giochi proibiti
Il canto di Mr Dickens
I Netanyahu
Oblio e perdono