Dettagli Recensione

 
Diario di Anne Frank
 
Diario di Anne Frank 2020-11-22 11:28:21 SaRA8993
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
SaRA8993 Opinione inserita da SaRA8993    22 Novembre, 2020
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

KITTY,CARA AMICA MIA


Non si può pensare di non leggere questa testimonianza nel corso della propria vita.
Nel 1942 Anna Frank era solo una ragazzina di tredici anni che voleva raccontare le vicende dell’’alloggio segreto” di Amsterdam alla sua migliore amica immaginaria Kitty attraverso lettere nel suo diario segreto che giorno per giorno, riportano i momenti più salienti della sua vita da prigioniera ebrea costretta a nascondersi con la sua famiglia e altri ebrei in un nascondiglio segreto per non essere deportati nei campi di concentramento.
All’interno di questo diario non troveremo scritto niente che riguarda i campi di sterminio per il semplice fatto che Anna non è sopravvissuta, non ha fatto in tempo a raccontarci un’esperienza seppur brutale a testimoniare la malvagità dell’animo umano in grado di annientare corpo e mente di un altro essere vivente, poiché Anna e la sua famiglia furono condotti a morire in Germania nel 1944, tre giorni dopo dalla sua ultima lettera del diario.
All’interno di questo diario, trovato dopo la guerra in soffitta della sua casa, troveremo una ragazzina che subisce una trasformazione fisica e mentale nei due anni di permanenza nell’alloggio; cresce,matura,diventa più saggia, forse grazie al suo carattere riflessivo o forse anche la guerra che in un certo senso la sprona a pensare positivamente in una sorta di difesa personale subconscia. I suoi genitori la trovano impertinente, molto spesso irrispettosa e arrogante ma lei è solo una ragazzina che vuole spezzare la convenzionalità, vuole affermare i suoi pensieri, non si vergogna di comportarsi come la sua coscienza e il suo buonsenso comandano e non come gli altri vorrebbero che si comportasse; per questo spesso assume un atteggiamento di chiusura nei confronti di chi non capirebbe a pieno i suoi stati d’animo.
C’è anche tempo per l’amore in quegli anni: Anna per la prima volta, a quindici anni, prova dei sentimenti per Peter, il figlio della famiglia Van Daan che vive con loro e non se ne vergogna nonostante ne sia piacevolmente stupita. Ma tutte quelle emozioni che la rendono felice molto spesso vengono taciute dalla paura di essere scoperti (quando i ladri entrano in casa), dalla paura scatenata da bombe,razzi e guerriglie là fuori, in un’Olanda in mano a tedeschi che aspetta la liberazione degli inglesi e dall’intima consapevolezza di essere ancora viva e fortunata rispetto ad altri ebrei: Anna vede un futuro davanti a sé, ha dei sogni, progetti,speranze, vuole diventare cittadina Olandese e chissà magari un giorno diventare una scrittrice famosa. In fondo, legge tanti libri nel suo rifugio, le tengono compagnia e scrive tanto, guarda fuori dalla finestra del solaio e sogna ad occhi aperti ammirando il cielo che le dona quel sapore di libertà che sa di non poter ottenere. Nell’ultimo periodo diventa molto saggia, riesce ad affrontare le liti con i suoi, i problemi in casa, argomenti politici in maniera più consapevole; Anna è una donna bella che fatta nel corpo da ragazzina.
E allora la domanda che viene da chiedersi è: che donna sarebbe stata Anna se avesse avuto la possibilità di realizzare i suoi sogni? Che grande apporto avrebbe dato all’umanità se avesse avuto la possibilità di sopravvivere e condurre una vita coi princioi morali che aveva?
Non lo sapremo mai ma c’era del grande potenziale. Ci accontentiamo di questo suo diario che non avrebbe mai pensato che potesse essere poi conosciuto e letto in tutto il mondo.
E ci immaginiamo un po’ quel suo primo libro intitolato “Het Achterhius” , “ Il Retrocasa” che sarebbe stato sicuramente uno dei libri di maggiore successo degli ultimi tempi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Ciao Sara, leggendo la tua recensione sono tornate alla mente le pagine di questo diario letto ormai molti anni fa.. e che meriterebbe di certo una rilettura. Grazie per la bella recensione!
Bella recensione.
Sì è veramente un libro imperdibile. Non sfiorisce, rimane incontaminato nel tempo.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La grande fortuna
Sabotaggio
Nuove abitudini
Linea di fuoco
L'ufficio degli affari occulti
Il mago
La moglie del lobotomista
La guerra di H
Il canto di Calliope
L'aria innocente dell'estate
Max e Flora
Rincorrendo l'amore
Giochi proibiti
Il canto di Mr Dickens
I Netanyahu
Oblio e perdono

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232