Dettagli Recensione

 
La regina d'oro
 
La regina d'oro 2022-07-12 18:55:57 silvia71
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    12 Luglio, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La prima tra le nobili

Sulla riva occidentale del Nilo, nei pressi della Valle dei re, fu innalzato il maestoso complesso funerario dedicato ad accogliere le spoglie mortali della celebre regina Hatschepsut (1500 a.c.)
Scenografico nella sua splendida incastonatura nelle rocce, ancora oggi è uno dei luoghi più affascinanti da visitare nonostante abbia subito una massiccia opera di ricostruzione.
E mentre gli occhi si cibano di tanta visione, seppur sotto la canicola egiziana, la mente ritorna ad immaginare il vero volto di questa donna, la sua vita e le imprese che la resero grande e immortale.

Donna abile nel prendere le redini di un paese che soffre ancora delle minacce latenti degli “hyksos, gli stranieri occupanti e usurpatori, vigilare sui confini è una priorità, ma anche l'esplorazione alla ricerca di convenienti rotte commerciali è uno dei capisaldi della sua politica estera, costruendo una flotta di navi per navigare lungo il Mar Rosso alla ricerca del “Paese di Punt”, fucina di prodotti indispensabili come l'incenso e la mirra.

L'ultimo lavoro di Christian Jacq dedicato alla leggendaria figura di Hatschepsut è esclusivamente da catalogare come romanzo, con scarsi approfondimenti di interesse storico-archeologico.
Il contenuto è blando, ruota intorno alle figure della regina, di alcuni familiari e del fidato consigliere e braccio destro Senemnut. Si parla di cospirazioni interne all'entourage politico e a quelle esterne, qualche accenno alle opere architettoniche in cantiere e alla preparazione per il viaggio verso Punt.
Tutto molto sbiadito, non si respira l'Egitto, si fatica a trovare immagini di abiti, dimore e templi.

Un viaggio non riuscito per chi affronta la lettura alla ricerca di una ricostruzione documentata.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Molto utile la tua recensione, Silvia.
Per me, è un no. La superficialità, una ricostruzione poco documentata penso siano carenze gravi.
Quanti ne ho letto in gioventu!
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Oblio e perdono
Belle Greene
La maschera di marmo
Io, Monna Lisa
Il gran mondo
L'italiano
La regina d'oro
Il botanico inglese
Gli Effinger
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù