Autunno a Berlino Autunno a Berlino

Autunno a Berlino

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La trama e le recensioni di Autunno a Berlino, romanzo di Paolo Bertetto edito da Piemme. Nella Berlino turbolenta dei primi anni Venti, due casi di omicidio vengono chiusi in maniera troppo sbrigativa. Uno è quello di Rosa Luxemburg, la celebre rivoluzionaria rapita e poi assassinata in circostanze misteriose nel 1919, al termine della settimana di sangue in cui gli Spartakisti tentano la rivoluzione socialista. L’altro, avvenuto a un anno di distanza, è quello di Lisa Rosenthal, moglie del regista Fritz Lang, uccisa da un colpo di pistola al petto mentre in casa con lei sono presenti il marito e l’amante di quest’ultimo. Nessuno ha mai messo in discussione la tesi del suicidio con cui la polizia ha liquidato l’indagine sulla morte di Lisa. Nessuno è mai andato a fondo sul caso della Luxemburg cercando il vero mandante, che potrebbe annidarsi nello stesso governo. Ma il procuratore capo von Wick non ha intenzione di accontentarsi della verità ufficiale e indaga su entrambi i casi. Addentrandosi nella Berlino notturna, si scontrerà con una cortina di silenzio pressoché impenetrabile, dietro la quale si celano intrecci proibiti tra criminalità, trasgressione e potere.

Paolo Bertetto vive a Roma, dove insegna teoria e interpretazione del film nell’università La Sapienza. Si occupa di cinema da molti anni: come docente (anche nelle università di Torino, Paris 8, Nice e al Centro Sperimentale di Cinematografia) e curatore di mostre. È esperto di Buñuel, Lynch e soprattutto di Lang e del cinema tedesco degli anni Venti, cui ha dedicato tre libri. È stato direttore scientifico del Museo Nazionale del Cinema. Tra le sue numerose pubblicazioni ricordiamo le più recenti: Lo specchio e il simulacro (Bompiani, 2007, Premio De Lollis Saggistica) e La macchina del cinema (Laterza, 2010). Autunno a Berlino è il suo secondo romanzo, dopo il thriller Cuore scuro (Piemme, 2008).



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0  (1)
Contenuto 
 
1.0  (1)
Piacevolezza 
 
1.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Autunno a Berlino 2011-02-20 11:05:13 Jan
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Jan Opinione inserita da Jan    20 Febbraio, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Giù le mani!

Io ho un principio, e credo sia un saldo intendimento: un romanzo, se vuole essere storico, non deve sconvolgere la Storia, ovvero il reale. Tutti i tipi di manipolazione della Storia, intesa come realtà storica evidente, mi sono molesti.
Paolo Bertetto si occupa di cinema, per questo motivo parla in senso semicompiuto dell'assassinio di Lisa Rosenthal, la moglie di Lang, nella settimana insanguinata del 1919, a Berlino, quando i corpi franchi (I proscritti, vedi mia recensione)arrestarono il volo del movimento spartachista.
Ma creare un romanzo "giallo" sulla morte di Rosa Luxemburg senza nemmeno avere letto un testo storico...perché tale è il convincimento che afferra l'anima del lettore nel percorrere e ripercorrere con gli occhi evidenti incongruità...E' TERRIBILE!
Sono arrivato a pagina 211, lo confesso.
C'è pochissima letteratura sul movimento della Lega di Spartaco anche in ambito storico...è un fatto.
Ma NON SAPERE, lo ripeto a caratteri cubitali, NON SAPERE, citare Liebknecht come ideologo degli Spartachisti e tacciarli di NEOCOMUNISMO!!! Questo è troppo.
Il movimento spartachista era una cosa ed il movimento comunista tedesco era un'altra cosa.
Il libro di Bertetto è una grande sciocchezza!
Vuoi fare un giallo?
INFORMATI!
D'altro lato avevo capito che essendo l'editrice Piemme...
Ma vi prego...se volete qualcosa di bello lasciate perdere questa inutile accozzaglia di sangue e indagini mai svolte e mai esistite.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Undici morti non bastano
Il tessitore
Il gigante e la Madonnina
Terrarossa
Se son rose moriranno
Rancore
Racconti sull'innominabile
Una piccola questione di cuore
Vivi nascosto
Diritto di sangue
Il Francese
Mente oscura
Paesaggio con ombre
Come i tulipani gialli
La ragazza che cancellava i ricordi
Fuoco