Come i tulipani gialli Come i tulipani gialli

Come i tulipani gialli

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Il suicidio esprime una volontà senza appello e senza ritorno, ma conserva segreti che nessun biglietto d'addio rivela completamente. Rimangono comunque il mistero e il silenzio sugli ultimi pensieri e sull'estrema, sconfinata solitudine. Alla dottoressa Spinola non bastano le risposte mediche, quella vita interrotta continua a inquietarla e così si mette a indagare da sola. È estate ad Albenga, un'estate pallida e piovigginosa, ma i villeggianti ci sono lo stesso e la gente resta a spasso fino a tardi la sera. Però nessuno assiste a un delitto atroce che si consuma tra gli scogli e nemmeno alle violente percosse subite da una ragazzina triste e ribelle. Rebaudengo con determinazione sabauda combatte la sua battaglia per recuperare Ardelia e intanto riporta ordine nel caos, mentre lei, seguendo minuscoli indizi e piccoli sospetti, compie un viaggio all'indietro nel tempo che la lascia davanti ai cancelli di Auschwitz. Naturalmente anche in questa storia ci sono gatti!



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Come i tulipani gialli 2022-02-07 11:34:24 FrancoAntonio
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    07 Febbraio, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ardelia scende in campo in prima persona

Ardelia Spinola, medico legale in quel di Albenga e Alassio è impegnata nella solita routine della sua professione che, ahimè, comporta pure tagliuzzare cadaveri di esseri umani morti ammazzati. Si comincia con l’ingegner Fugassa, che, in una notte d’agosto, ha deciso di tirarsi una pistolettata in testa, lasciando solo due righe che non dicono nulla o, magari, troppo. È stato un vero suicidio o un omicidio mascherato? Anche se tutto concorda per avvalorare la prima ipotesi, Ardelia è tormentata da dubbi e indecisioni mentre firma la sua perizia: perché un uomo sano, anche se perseguitato dalle disgrazie, giunge alla decisione definitiva di togliersi la vita? Cosa l’ha portato a quella scelta tragica? Però i fatti incalzano e, dopo l’ingegnere suicida, si deve procedere all’autopsia di un vecchietto, tal Achille Salviati, ucciso a pietrate in testa, ma pure brutalmente evirato e con una inquietante V (come Vendetta?) incisa sul petto. Infine c’è il triste caso di una ragazzina di nemmeno tredici anni, pestata a sangue e scaricata in malo modo davanti all’ospedale, come un sacco di immondizia.
Ma Ardelia ha pure una vita privata che negli ultimi sei mesi ha subito una serie di brutali scossoni: il tradimento e la separazione dal fidanzato, il commissario Bartolomeo Rebaudengo; la morte della madre, anaffettiva e ormai malata terminale di Alzheimer, ma pur sempre una madre; la conoscenza (l’amicizia?) con uno strano ottuagenario, il dott. Steiner, medico ebreo, vicino di casa dell’ingegnere suicida, ricco di sorprese e di incognite; la, forse, amicizia, con un gruppo di signore della “Albenga bene”, strane e fatue, ma, chissà, pure riposanti. Infine, per ultimo, ma non meno importante, il riavvicinamento di Bartolomeo con il quale tornare ad indagare anche sotto le coperte.
Che tutti questi fatti, apparentemente slegati gli uni dagli altri, siano destinati a rifluire insieme (altrimenti dove finirebbe l’unicità d’azione nel romanzo?) con sorprese e agnizioni non sempre inaspettate, raramente gradevoli, ma comunque sempre sconvolgenti?

Questo è il quarto romanzo dedicato ai gialli della Riviera ligure di ponente e l’A. muta radicalmente marcia, anzi, cambia proprio la vettura con cui procedere nel racconto. Dopo che, nei primi tre libri, il protagonista, anche un po’ invadente, era stato sempre e solo Rebaudengo e la storia veniva riferita in terza persona, in modo abbastanza distaccato e con una visione neutrale dei comportamenti e degli animi dei vari attori, qui ci troviamo catapultati nella testa di Ardelia, affollata di pensieri, ansie, ubbie, incertezze, desideri, gelosie e ritrosie. Muta pure lo stile, meno dialogato e più fatto di elaborazioni interiori, di sedute psicanalitiche dell’io narrante, di flussi di pensiero che si intersecano e sovrappongono.
L’operazione, non agevole, è senza dubbio interessante e sostanzialmente vincente. Consente un maggiore approfondimento della personalità del medico legale con la quale si entra in simbiosi, nonostante il suo carattere spigoloso e non sempre piacevole, nonostante i suoi rigorismi, isterie, e durezze. Partecipare alle sue giornate trascinati dalla corrente dei suoi pensieri, siano essi dedicati a risolvere i terribili dilemmi investigativi, a metabolizzare tragedie orribili come la pedofilia o la Shoah, a elaborare qualche prelibatezza culinaria o persi in quelle che la stessa Ardelia definisce “seghe mentali”, è affascinante e, per certi versi esaltante. Si passa da argomenti frivoli, a volte anche esilaranti, a temi seri che ci impongono una meditazione profonda sull’animo umano, sulla sua perversione e sui suoi mille labirinti.
In tutto ciò la trama gialla fa solo da ordito sul quale ricamare vicende e ragionamenti, anche (anzi, spesso) gravi che arricchiscono di contenuti il romanzo e anche chi lo legge.
Non sempre la lettura scorre fluida, perché a volte si rimane un po’ impelagati in questo viavai di idee arruffate, ma non risulta mai banale e mai noiosa. Un plauso speciale va all’invenzione di alcuni personaggi, in primis l’affascinante e per certi versi inquietante dott. Gabriel Steiner che ci socchiude la porta sul terribile panorama dell’Olocausto, ma che pure ci fa conoscere una personalità scolpita a tutto tondo, tra il furbesco, lo spietato e il geniale.
Insomma questo quarto lavoro della Rava segna un deciso salto di qualità dell’A., già preannunciato, in qualche modo, anche dal romanzo che lo ha preceduto (Cappon magro) e che fa ben sperare per l’evolversi della serie.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La Svedese
Un volo per Sara
Undici morti non bastano
Una stella senza luce
Il tessitore
Il gigante e la Madonnina
Terrarossa
Se son rose moriranno
Rancore
Racconti sull'innominabile
Una piccola questione di cuore
Vivi nascosto
Diritto di sangue
Il Francese
Mente oscura
Paesaggio con ombre